Giovedì 15 Novembre 2018 ore 21:40
CHIUSI I FESTIVI
Centri commerciali, stop all'apertura domenicale. Sicuri che sia meglio?
Le vendite online aumenteranno di conseguenza. Il negozio è chiuso: compro su internet...

L'apertura domenicale dei negozi e degli esercizi commerciali, dovrebbe restare libera e decisa da lavoratori e datori di lavoro, in piena libertà e autonomia, con una base minima e garantita di tutele per la parte debole. In molti rapporti di lavoro, almeno una domenica al mese è oggi già compresa nel contratto di lavoro. Questo cambiamento obbligherà le parti, in caso di riuscita delle modifiche, a rivedere molti risvolti delicati, non senza conseguenze. Alcune catene internazionali, potranno rivedere persino i propri investimenti nel Paese. In altri casi, lavorare la domenica è considerata una vera e propria necessità economica per il lavoratore di arrotondare un già magro salario. In alcuni poi è sicuramente anche un problema, ma il mondo del lavoro non è un letto di petali di rose. Non si tratta di essere conservatori, anzi, ma in una maniera o nell'altra, non dovrebbe essere il Governo centrale a dettare legge in materie simili. Questo interventismo piuttosto assomiglia ad una forma di debolezza e ottusità a non voler arrivare al nocciolo del problema: il mondo, è sotto gli occhi di tutti, è cambiato e non voler rendersene conto, e contrastarlo in maniera semplicistica (buttare l'acqua sporca con tutto il bambinello...) come sarebbe in questo caso, non migliorerà la qualità della vita dei ragazzi o dei lavoratori sfruttati, che sembrerebbe uno degli intenti del Governo Lega/M5Stelle. Tanto per esempio: le vendite online aumenteranno di conseguenza. Il negozio è chiuso: compro su internet.

Quello che i politici poco lungimiranti dimenticano è che l'Italia è anche una realtà "locale" - fatta di molti paesi, frazioni, dove i centri commerciali assurgono a veri e propri centri sociali di incontro tra i giovani. E' triste dirlo, lo so, ma è cosi', e a questo si è arrivati non certo perché i negozi sono aperti la domenica... ma perché le idee latitano. L'obiettivo è forse quello di ritornare alla consueta passeggiata domenicale, con l'acquisto (ma dove a questo punto?) delle pastarelle, con il pranzo in famiglia, nonni, amici e parenti? Come lo stop alla prepotenza delle grandi catene commerciali, che poi sono la miccia del consumo? O il voler tendere una mano alle piccole botteghe artigianali? E allora perché consentire la continua introduzione delle macchinette automatiche per lo scan degli acquisti nei supermercati a danno delle casse "umane"? Tutto appare un logico controsenso. Altrove gli sportelli bancari chiudono, quelli automatici per il bancomat spuntano ovunque, gli Istituti bancari moltiplicano affari on-line. E il Governo cosa decide? Chiude i negozi la domenica... Questa prossima delibera sembra una forzatura patetica, un capriccio di chi se ne va e si porta via il pallone per giocare - e soprattutto non possiede né la capacità delle idee, né la forza economica di creare stimoli efficaci e vere e proprie opportunità per i giovani per esempio, o adeguate occasioni di lavoro per chi è a spasso. Ma in questo contesto è ormai sempre più facile strillare al popolo comunicati sulla panacea di tutti i mali, in reltà, giri la pagina e sono vuoti di contenuto. Il difficile si richiede con il risolvere i problemi veri, ma per quelli occorre materia cerebrale, quella grigia, che domeniche chiuse o no, non si compra, è data da madre natura...

 

Leggi anche:

Di Maio: "Entro l'anno stop a week end e festivi nei centri commerciali"

L'ex ministro Calenda: "Non sono sparito, mia moglie ha una recidiva"

Nicola Gratteri: ''L'immigrazione non è un'emergenza''


ARTICOLI CORRELATI
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Anche il Valmontone Outlet interessato dal piano approvato dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, coordinato dal Prefetto di Roma
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
2
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
3
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
4
A Tonnarella ci si può svegliare con calma, concedersi una granita al cioccolato con panna e brioche. Addio aranci, limoni e mandarini
5
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
1
Se da un lato c’è chi ruba i dati per danneggiare le aziende e gli enti pubblici, dall’altro c’è chi si impossessa delle nostre personalità
2
Col pretesto della sicurezza si mira solo a fare cassa. Una situazione odiosa che non va più tollerata
3
Contrariamente al sentimento della rete, in Italia l'allarme sicurezza è quello della violenza sulle donne da parte di mariti e fidanzati
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency