Domenica 16 Dicembre 2018 ore 21:10
FASCISMO E RESISTENZA
Il Fascismo oggi: ma Mussolini è veramente morto?
"Il giorno dovevamo nasconderci dai repubblichini e la notte dai partigiani, la paura la faceva da padrona

"Il giorno dovevamo nasconderci dai repubblichini e la notte dai partigiani; la paura la faceva da padrona perché le fucilazioni da parte di tutti avvenivano facilmente. Così il giorno restavamo occultati in ufficio e la notte uscivamo dalla città e ci nascondevamo nei fienili. È stato un periodo incredibile". Queste le parole di Vincenzo V. giovane di un paesino del sud di un migliaio di anime, padre barbiere, madre casalinga, pressoché ventenne il quale, felice di essere entrato in polizia qualche anno prima, in servizio a Milano visse così il periodo seguente all'8 settembre del '43. Oggi a leggere le notizie che si susseguono da un po' sembra di ritornare indietro nel tempo. Le urla mediatiche di "fascista" sembrano l'eco delle urla di 75 anni orsono, quando quello pseudo armistizio siglato nel '43 non fece cessare la guerra ma, per l'Italia, fu l'inizio del  baratro della guerra civile, all'interno di un conflitto mondiale; ma noi italiani, si sa, siamo abituati ad ammazzarci tra di noi e così avviene anche oggi in questi tempi in cui, mentre altri Paesi europei cercano di sfruttare al meglio la posizione geografica e sociale italiana e i nostri problemi per un loro tornaconto in seno alla UE, noi ritorniamo ad usare la parola "fascista" e fascismo con un senso attuale come 80 anni fa, come se ancora fosse vivo Mussolini, al quale si propone di revocare la cittadinanza onoraria, come ad Anzio da parte dell'ANPI, o come se ancora fossero in circolazione le camicie nere con manganello ed olio di ricino.

In realtà questo ritorno anacronistico a un utilizzo attuale di tali termini non nasconde affatto la paura di un ritorno del fascismo; se le profonde ferite di una guerra mondiale, che ha devastato l'Italia, dopo oltre 70 anni si sono richiuse e cicatrizzate allora non possono non essersi richiuse quelle ferite, provocate da una dittatura, delle quali resta il ricordo indelebile ma non l'attualità. Ormai fascismo, partigiani, occupazione, resistenza, fucilazioni sono termini che appartengono alla nostra storia e della quale dobbiamo far tesoro cercando di apprendere sempre più dal passato e dai suoi errori. In realtà se è vero che, a distanza di circa 80 anni, la Corte Internazionale dell'Aja rivede le responsabilità anche dei membri della resistenza in merito a fucilazioni ed atti esecrabili tanto quanto quelli del nazismo, circa 80 anni dopo Norimberga, allora significa rivedere anche la storia sotto un'ottica più obiettiva accertando che in una guerra dalle proporzioni immani non esistono santi e diavoli soprattutto quando emergono quegli istinti di vendetta e di rivalsa che, alla fine, mettono umanamente sullo stesso piano vinti e vincitori.

Non esiste la santificazione dei partigiani e dell'ANPI, cha accanto ai meriti hanno anche delle colpe, così come non esiste la santificazione delle truppe di liberazione che, soprattutto nella ciociaria hanno dato vita a stupri di massa ad opera delle truppe marocchine e a danno di popolazioni inermi e già profondamente provate dall'occupazione nazista. Se si parla e grida al fascismo più oggi che nel periodo post bellico una ragione ci sarà e non è certamente lo spauracchio di Mussolini, ormai morto e sepolto, bensì l'utilizzo pretestuoso di un movimento di oltre 90 anni fa a fini elettorali con l'unico risultato di dar vita a fantasmi del passato che ormai non hanno motivo di esistere se non nella mente di chi non ha proposte e contenuti costruttivi. Se è ormai scomparso il comunismo diffusosi in tutto il pianeta tanto più suona strano sentir parlare di fascismo non in senso storico bensì attuale e contemporaneo; intanto Vincenzo V. servitore di una patria allora divisa in due ha comunque onorato il suo giuramento di fedeltà continuando a prestare servizio per altri decenni ma mai dimenticando quei giorni di paura  che hanno caratterizzato l'inizio della sua carriera e che, a chi non ha vissuto quel tragico periodo,  ascoltando il suo racconto sembravano la trama di un romanzo.


ARTICOLI CORRELATI
Il noto e popolare giornalista e scrittore, Roberto Gervaso, si scaglia contro le ipocrisie sul fascismo
Nelle città di Fondazione è quasi impossibile nascondere i segni del Ventennio, perché tutti gli angoli ricordano quel periodo
Pansa alla radio "In Italia è indispensabile un premier che si ricordi l'esperienza del fascismo"
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
2
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
3
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
4
A Tonnarella ci si può svegliare con calma, concedersi una granita al cioccolato con panna e brioche. Addio aranci, limoni e mandarini
5
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency