Venerdì 28 Febbraio 2020 ore 04:09
SCIENZA E COSCIENZA
Salute: nel silenzio i 20 mila in corteo contro le terapie coercitive
La manifestazione di domenica 23 settembre a Bologna è stata censurata dalla stampa mainstream

La manifestazione di domenica 23 settembre a Bologna (circa 20.000 persone) contro le terapie coercitive, la gestione autoritaria della salute e il divieto perentorio e minaccioso ai medici di curare secondo scienza e coscienza, esprimendo  un dissenso scientificamente e clinicamente motivato, è stata  censurata dalla stampa mainstream. I giornaloni, tutte le reti  televisive di un sistema  di potere corrotto e tirannico, travestito e camuffato da democrazia, hanno  accuratamente nascosto un evento raro, altamente significativo, soprattutto in Italia, dove non esiste un’opinione pubblica attiva e capace di mobilitarsi spontaneamente in difesa di diritti vitali. Abbiamo finora assistito solo a manifestazioni gestite dal potere, a sceneggiate di regime,  a figuranti di masse bovine portate in piazza dai mezzi di trasporto del potere col consueto rituale di altoparlanti, bandiere, slogan, invettive precostruite e urlate, da servi sciocchi di un sistema criminale, inquadrati dalla regia dei cantastorie e imbonitori  che da decenni  diffondono la  mistificazione, la retorica, la falsificazione demagogica su cui si regge questo potere corrotto e corruttore.

E’ un bene che questi signori nel loro delirio paranoico di onnipotenza continuino a sottovalutare questi segnali, a illudersi che il loro terrorismo mediatico, il pensiero unico, le loro ataviche e collaudate tecniche di disinformazione, di inganno e degenerazione della gente, consentano loro di continuare a delinquere all’infinito nell’immunità e impunità. Oggi, come avvenne nel 1997, la gente dovrebbe avvertire l’urgente necessità di mobilitarsi per esigere che le terapie non siano imposte arbitrariamente e dogmaticamente da istituzioni asservite, ma gestite secondo i concetti ippocratici di scienza e coscienza e in base alle evidenze scientifiche. In queste condizioni

Il Metodo Di Bella sarebbe dispensato senza  divieti, ipocrisie, diffide e ricatti. Una  reale libertà di cura secondo la medicina basata sull’evidenza, codificata dalla EBM , (Evidence Based Medicine) e sui criteri  sanciti dalla Dichiarazione di  Helsinki sull’etica medica, consentirebbe  mediante il Metodo Di Bella, non un miracolo, ma un sicuro progresso, un significativo miglioramento delle mediane di sopravvivenza e qualità di vita dei pazienti oncologici. La gente deve convincersi che è arrivato il momento di non subire passivamente, ma di mobilitarsi, di non delegare a politici corrotti, alla  cosiddetta “Comunità scientifica“ a libro paga, a un’informazione globalmente asservita, la vita propria e dei familiari, ma  di attivarsi col massimo, convinto e motivato impegno e con forza, per difendersi da un sistema globale di una capacità criminale senza precedenti nella storia dell’umanità.

 

*Dott. Giuseppe Di Bella, figlio del prof. Luigi Di Bella e promotore della Terapia antitumorale "Metodo Di Bella"

 


ARTICOLI CORRELATI
"Sono in corso prove generali di dittatura, con censura delle manifestazioni di dissenso dei cittadini contro l’atteggiamento autoritario del governo"
Il film è frutto di un’indagine di oltre 4 anni sul Metodo Di Bella, senza preconcetti, condizionamenti o secondi fini
Lo afferma Giuseppe Di Bella, riferendosi ai casi di neoplasie in cui sono esaurite le possibilità chirurgiche
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE
GIORNO SETTIMANA MESE
1
L'innovazione “riparatoria” consente un decorso post-operatorio e una riabilitazione del paziente decisamente più veloce
Data di pubblicazione: 2020-02-27 14:09:08
1
L'innovazione “riparatoria” consente un decorso post-operatorio e una riabilitazione del paziente decisamente più veloce
Data di pubblicazione: 2020-02-27 14:09:08
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]