Giovedì 25 Aprile 2019 ore 12:43
RIFLESSIONI
Il Centro di Artena, ha bisogno di essere ri-pensato, cosi è desolante
Renato Centofanti: "Artena nei fine settimana è desolatamente vuoto e privo di attrazioni, di qualsiasi tipo"

Riceviamo e Pubblichiamo da Renato Centofanti:

Oggi pomeriggio (29/09) era in programma, all’ex Granaio Borghese, la presentazione del libro “La Bibliotecaria” di Marina Di Domenico, ma purtroppo l’evento è stato rinviato a data da destinarsi perché, in sala c’erano due persone, insomma era vuota. Al di là, di ogni considerazione dell’organizzazione dell’evento, questo semplice episodio rivela la drammatica situazione del Centro di Artena che, nei fine settimana è desolatamente vuoto e privo di attrazioni, di qualsiasi tipo.

L’ex Granaio è situato al Centro di Artena, tra via Cardinale Scipione Borghese e Piazza Galilei. Ora, in un Centro di una cittadina di 14000 abitanti, normalmente circola gente, giovani e non, per varie attività sociali, umane, ricreative, ludiche, e commerciali; invece nel sabato pomeriggio artenese persone in giro pochissime, come tutti i sabati pomeriggio di Artena. E questo è il vero problema della nostra cittadina! L’Incapacità di sviluppare una vita sociale dinamica e piacevole, quel tanto che servirebbe per portare le persone a vivere il Centro della cittadina. Un Centro cittadino che, non svolge la sua ‘funzione urbanistica’ di punto d’incontro sociale e comunitario, dimostra l’incapacità, finora, di mettere in moto attività e iniziative adeguate a una vita vivace e dinamica del ‘Centro’. Questo, è un problema che fa vivere male i cittadini e crea un senso di disaffezione alla vita cittadina, con conseguente perdita di autostima del paese.

Sarà una questione urbanistica, prima di tutto, ma poi, sarà anche che non ci sono iniziative programmate con continuità, una vita commerciale inadeguata, momenti di svago assenti, attrattive all’incontro mancanti; l’assenza di queste cose non da la spinta ad uscire e trovarsi. I ragazzi quando escono, vanno a Velletri o Colleferro, quando gli si domanda perché vanno fuori, rispondono che ‘Qui non c’è niente’.

Una vita cittadina cosi debole genera tanti problemi, disagio, disaffezione, senso d’immobilismo, sfiducia nel poter cambiare e migliorare la socialità. E’ tempo di affrontare la questione della socialità, del commercio, creando le condizioni affinché ci si appropri del Centro, vivendolo e godendone.

Come? Questa è la sfida per le prossime elezioni comunali, su questo punto (ovviamente non solo, ma certamente qualificante) i Candidati devono esprimersi, con progetti illuminati (non con un copia-incolla nel programma che non conta niente); serve che ci sia una visione di cittadina dinamica e vivace, partecipativa e aperta, dove ‘andare’ è piacevole e interessante. Bisogna fare in modo che le persone circolino e diano vita al ‘Centro’, che dovrebbe essere il cuore pulsante della cittadina. Questa è la sfida, i Candidati lo capiscono? Sono certo che chi capirà queste cose e saprà farne un progetto serio e ambizioso, costui o costei, risulterà vincente alle prossime elezioni. E’ tempo di andare oltre i ‘soliti noti’, che del mondo hanno una visuale ristretta e provinciale.

E’ tempo che chi ha ‘qualcosa da dire’ di buono e valido, esca allo scoperto con determinazione e capacità di dialogo con i cittadini, e dialogo ancora!

L’Artena che vuole migliorare e prosperare, ha un’occasione per provare a ‘mettere su’ un nuovo rinascimento artenese, come quello descritto da Vittorio Aimati, nel suo ultimo libro.

Sia chiaro, serve coraggio, capacità, energia, ma soprattutto serve creare un dialogo fecondo con tutti i cittadini, del centro e delle contrade, vecchi residenti e nuovi residenti, con umiltà e ambizione.

LEGGI ANCHE:

Vis Artena 1 - Trastevere 4: i rossoverdi di Punzi mai in partita

Marina la scuola per l'Outlet, incontra la madre con un uomo ed è zuffa


ARTICOLI CORRELATI
Gioia Zanotti, 47 anni, aveva mandato un sms ad un'amica prima del folle gesto: "Abbi cura tu dei miei figli"
Adesso è ufficiale. Con tanto di comunicato ufficiale la Nord annuncia che diserterà lo stadio fino a fine stagione
Il presidente della Lazio lancia un appello ai tifosi per il prossimo anno: "Solo insieme si vola"
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
2
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
3
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
4
A Tonnarella ci si può svegliare con calma, concedersi una granita al cioccolato con panna e brioche. Addio aranci, limoni e mandarini
5
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
1
Un mondo fatto di locali di periferia, di puttane, di ruffiani, di guitti e d’improbabili sosia di Celentano
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]