Martedì 15 Ottobre 2019 ore 04:30
TELEVISIONE
Grande Fratello Vip. "La Stanza del figlio" di Lory del Santo è un blues
‘’Il dolore è come un’ombra che ti segue e non ti lascia mai ovunque tu vada’’ ha detto Lory Del Santo

‘’Il dolore è come un’ombra che ti segue e non ti lascia mai ovunque tu vada’’ con queste parole, efficaci e autentiche, Lory Del Santo ha risposto alle domande di Ilary Blasi e Alfonso Signorini in studio ieri sera in diretta tv su Canale 5 durante il programma Grande Fratello Vip prima di entrare nella casa più popolare d’Italia. Naturalmente si riferiva al grave lutto subito due mesi fa, la morte di suo figlio 19enne, Loren, che si è ucciso perché malato gravemente di anedonia. “E’ una malattia mentale, è l’incapacità di provare piacere per ciò che ti circonda”, ha dichiarato Lory Del Santo ai microfoni di Verissimo qualche settimana fa quando ha rivelato la terribile perdita.  

È la seconda volta che Lory Del Santo perde un figlio, dopo la tragica fatalità che portò alla morte il piccolo Connor, a soli 4 anni,  avuto con il chitarrista Eric Clapton.

Rispetto alla scelta di entrare nella casa del Grande Fratello Vip come concorrente da parte della Del Santo, il pubblico televisivo e i partecipanti della casa si sono subito divisi in scettici, critici, giudicanti, ma anche in individui che non hanno voluto prendere posizione e hanno soltanto accolto questa scelta, perché il dolore è drammaticamente personale.

Il dolore divide. Una volta una cara amica, la cui mamma era affetta da cancro al pancreas mi menzionò un film che avevamo amato entrambe molto, La Stanza del Figlio di Nanni Moretti , in particolare la scena finale, in sottofondo la canzone capolavoro By This River di Brian Eno, quando ogni componente della famiglia che vive la perdita di questo figlio e fratello, padre, madre e figlia, cammina sulla spiaggia per conto suo, ognuno prende la sua strada, metaforicamente, vale a dire che ognuno vive il dolore diversamente anche in una famiglia unita. Il dolore non unisce. Torna in mente anche la scomparsa e la morte di Ylenia Carrisi che probabilmente divise una delle coppie più belle, amate e longeve della musica leggera italiana, quella  di  Albano Carrisi e Romina Power, il dolore fu troppo grande e ciascuno decise di viverlo da sé.

Ieri sera, Lory Del Santo visibilmente provata, occhi e sguardo persi in ricordi che non riusciamo né potremmo mai vedere, ha scelto di condividere con la tv e il suo spietato pubblico e con degli sconosciuti il suo immenso dolore.

Qualcuno parla di pornografia sentimentale, ma nel momento in cui in tv non vanno più soltanto i talenti, gli artisti, pensiamo a programmi televisivi come  Studio Uno e Canzonissima o agli sceneggiati della Rai degli anni dei nostri genitori, dove inizia e finisce questa pornografia sentimentale? È strumentalizzazione del dolore? Forse. Certo del tutto inconsapevole ne è Lory Del Santo. In fondo, con il tempo,  si diventa meno inflessibili, forse meno moralisti e può darsi un po’ più omologati e condiscendenti verso le deformità della televisione e ci si abitua  a vedere di tutto.

Aristotele tra le sue regole nella tragedia greca sosteneva che la morte non va mai esibita, mostrata, abbiamo imparato nel corso dei secoli che non è andata così.

Il dolore annienta chi lo porta con sé, il dolore arriva a ondate, meno forti, più forti, non ha un ritmo, non c’è fine al dolore e non è una medaglia sul petto, c’è chi decide di morire dopo aver subito un lutto, chi cerca una via di fuga, chi persino una rinascita come ha detto ieri sera Lory Del Santo parlando della sua scelta di viverlo sotto i riflettori. D’altronde, se si fosse trattato di un’impiegata avremmo giudicato il suo rientro al lavoro? La Del Santo lavora in tv, con la tv, con la sua immagine, non è un’impiegata. Non si può certo colpevolizzarla di cercare di vivere o, meglio, di sopravvivere. Riserviamoci il diritto di non giudicarla e con il pensiero di abbracciarla.

 

Foto presa dal profilo Facebook ufficiale

Leggi anche:

Intervista a Sandra Petrignani: "Natalia Ginzburg era una Corsara"

Addio a uno dei più grandi cantautori del nostro tempo: Charles Aznavour

Libri. Intervista a Marco Balzano: ''Che cos'è la letteratura?''

 


ARTICOLI CORRELATI
"Ma basta essere fratello (Jeremias) o sorella (Cecilia) di Belen Rodriguez per essere considerati dei vip? Per me no"
A svelare la dolce attesa la stessa attrice durante la cerimonia nell'abbazia di San Pietro a Perugia
Il matrimonio dell’anno è già passato ma ce n'è uno che si celebrerà a breve
I PIU' LETTI IN OPINIONI
GIORNO SETTIMANA MESE
1
L'attivista svedese è e sarà un simbolo globale. Un fatto epocale con tutto il rispetto per il premier etiope vincitore del premio
Data di pubblicazione: 2019-10-12 09:38:18
2
Francesca Bellettini, già amministratore delegato di Saint Laurent, da poco è stata eletta anche presidente della Camera del vestire femminile transalpina
Data di pubblicazione: 2019-10-12 15:21:03
3
Quante corse la domenica per arrivare allo Stadio Olimpico su quella strada che sapeva sempre riservare delle sorprese
Data di pubblicazione: 2019-10-11 09:37:17
4
Seconda parte: "La secchia rapita": I contro-miracoli del campanilismo, ieri e oggi
Data di pubblicazione: 2019-10-08 17:11:07
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]