Giovedì 21 Marzo 2019 ore 08:37
SALUTE E BAMBINI
Sanità, pediatria: le sfide sono la denatalità e il disagio psicosociale
Nel 1898, quando nasceva la Società italiana di pediatria, i nati erano oltre 1 milione, adesso sono meno di mezzo milione

"Nel 1898, quando nasceva la Società italiana di pediatria (Sip), i nati erano oltre 1 milione, adesso sono meno di mezzo milione. È importante tutelare e garantire l'assistenza pediatrica a tutti i bambini e affrontare i problemi della denatalità, dei bambini con difficoltà e del disagio psico-sociale". Sono queste le sfide a cui in futuro la pediatria si troverà a far fronte secondo il presidente della Sip, Alberto Villani, che parla in occasione della cerimonia per i 120 anni della società scientifica, oggi alla Camera. "Mai come oggi- spiega Villani- è importante tutelare la salute del bambino. La nostra società non è ritagliata per i più piccoli, siamo il paese con la più bassa natalità al mondo e c'è poca attenzione verso i minori. La Società italiana di pediatria ha sicuramente un ruolo fondamentale nel tutelare i loro diritti e la loro salute".

La prima grande sfida, aggiunge Villani, è quindi "garantire l'assistenza pediatrica a tutti i minori e a tutti coloro che sono in età riproduttiva. La salute è un diritto costituzionale e dobbiamo garantirlo". Le altre grandi sfide sono la "detanalità, i bambini con difficoltà e il disagio psico-sociale. In tutti questi campi ci sono sicuramente dei grossi margini di lavoro da compiere. Il messaggio per i pediatri- continua Villani- è cercare di fare di tutto per garantire i diritti dei bambini in un mondo nel quale i bambini trovano sempre più difficilmente attenzione e spazio. Un altro grande probleme è proprio la carenza dei pediatri". Nel 1898 un "terzo della popolazione erano bambini, ma l'aspettativa di vita era di 35 anni, oggi si arriva a 82 anni e su questo punto incide il lavoro dei pediatri".

Un dato "allarmante", ricorda il presidente della Sip, Alberto Villani, riguarda la "mortalità infantile e la sua prevalenza nell'ambito delle malattie infettive, che rappresentano ancora oggi un problema molto grande. La battaglia contro le malattie infettive non è stata vinta". Il presidente della Sip conclude: "Nel 1898 era disponibile solo 1 vaccino, adesso ne sono resi disponibili 16. La società deve fare molto per salvaguardarli, così come deve attenzionare anche l'allattamento al seno e i giochi. I bambini non giocano più'". La Sip ha ricevuto per le celebrazioni dei 120 anni una targa del Presidente della Repubblica come premio di rappresentanza.


ARTICOLI CORRELATI
I Sindaci dei Comuni del Comprensorio hanno incontrato il nuovo Commissario straordinario dell’Asl RM 5
Gli esponenti locali del M5S locale con il consigliere regionale Devid Porrello, che ha presenterà un'interrogazione
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La remissione completa e stabile di tumori della mammella e della prostata senza intervento chirurgico, chemio o radio
2
L’unica misura realmente efficace per contenere l’inarrestabile diffusione del cancro, è la prevenzione farmacologica
3
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
4
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
5
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]