Giovedì 02 Aprile 2020 ore 05:43
BOMBA D'ACQUA
Maltempo Cagliari: riguardo alle alluvioni in Sardegna, era il 2008...
Era il 2008 e la mattina del 22 ottobre mi inviarono per un gravissimo nubifragio annunciato nel settore di Capoterra...

Era il 2008 e la mattina del 22 ottobre mi inviarono per un gravissimo nubifragio annunciato nel settore di Capoterra e dell’hinterland cagliaritano. Vi furono gravissimi allagamenti a Capoterra (Poggio dei Pini, Frutti D’oro II, Su Loi), Pirri e Monserrato. Gravissimi danni e allagamenti diffusi anche nelle campagne di Sestu ed Elmas. Nel comune di Capoterra, tra (Poggio dei Pini e Fruttidoro), morirono annegate 4 persone. Un’altra vittima ci fu a Sestu. In 10 anni che cosa hanno fatto in Regione Sardegna per mitigare il problema... Poco o nulla da quel che vediamo dalle immagini video. Constatato il continuo ripetersi di eventi, cosiddetti eccezionali, chiediamoci se per caso le piogge di particolare intensità non siano in realtà eventi ricorrenti, quindi prevedibili e pertanto tali da offrire la possibilità di attrezzarsi prima al fine di evitarne gli effetti disastrosi. Come è noto la Sardegna soffre il periodico verificarsi di calamità geologiche che sono all’origine di danni e dissesti di notevole gravità, con costi elevatissimi per interventi di risanamento e ripristino delle infrastrutture, calo di produttività e perdite di vite umane che gravano sulla collettività...



Capoterra 2008 insegna...
Oramai dopo denunce di geologi e ingegneri idraulici si sa benissimo che i disastri che negli anni si vanno susseguendo non sono da attribuirsi al caso o al clima impazzito, ma piuttosto a fenomeni ben conosciuti, per contrastare i quali ci sono state reiterate sollecitatazioni presso gli Organismi competenti al fine di avviare con chiarezza quelle azioni atte a favorire una pianificazione equilibrata, studi approfonditi per tutte le specificità tecniche, attraverso interventi adeguati e, soprattutto, controlli efficaci. È doveroso evidenziare, inoltre, che nella situazione attuale assumono carattere di pericolosità non solo gli eventi piovosi eccezionali, ma anche le precipitazioni poco più che normali, e i motivi sono di solito da imputarsi alla mancanza di opere atte a prevenire le piene o a limitarne gli effetti o, peggio, ad interventi di edificazioni errate, scellerate avvenute impropriamente in aree inadeguate. Se avessero letto la storia di quelle aree prima di iniziare edificazioni selvagge…

Queste piogge così come quelle del 22 ottobre 2008 hanno puntualmente messo in evidenza, ancora una volta, le gravissime carenze in materia di pianificazione e di realizzazione di adeguate opere per la difesa idrogeologica di quelle aree assistere ancor oggi al collasso del sistema di deflusso delle acque nell’ hinterland della città di Cagliari, degli abitati di Pirri, Monserrato e, ancora una volta, nei territori di Sestu e di Capoterra dove si devono nuovamente lamentare vittime. La terribile frequenza di questi eventi calamitosi per le alluvioni che si abbattono da due secoli nel cagliaritano e per molti dei quali, almeno per l'ultimo decennio potevano essere prevenuti gli effetti distruttivi. Per quale motivo non si è intervenuti con efficacia? Certamente il problema sarà complesso: in quanto gli interventi significativi impongono sacrifici, vincoli, spese, rinunce e non sempre gli Enti preposti sono disposti a farli, anche perché buona parte degli Amministratori e dei cittadini non sembrano avere consapevolezza della cruda realtà che esiste da molti anni in quelle aree...

* Piero Moscardini, ex Disaster Manager della Protezione Civile

 

Leggi anche:

Emergenza, chi risponde quando chiami il 118, il 115, il 113 o il 112?

Terremoto Ischia, De Luca: Con questo DL decenni per ricostruire

Pirozzi, 2 anni fa il terremoto: "Il 50% di Amatrice è macerie"


ARTICOLI CORRELATI
Una parte dell'introito del botteghino e una donazione personale di Pallotta in aiuto degli sfollati
Strade allagate e sventrate, case distrutte e auto inghiottite tra Bettola e Ponte dell'Olio
Il coraggio dell'editore Gianni Canonico che ad un anno dall'alluvione torna a sorridere
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Denuncia inviata da Usb sul mancato rispetto delle norme emanate dai decreti e dal protocollo sindacati in merito alla salvaguardia della salute dei lavoratori"
Data di pubblicazione: 2020-03-30 12:08:21
2
"A nome di tutta la comunità porgo le mie condoglianze alle famiglie colpite da questo grave lutto"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 15:17:19
3
"L’ordinanza è in vigore dal 30 marzo al 3 aprile e rimarrà in vigore qualora un nuovo DPCM proroghi le attuali regole". Sanzioni per chi viola il provvedimento
Data di pubblicazione: 2020-03-29 17:32:11
4
I militari intervenuti, hanno interrotto il banchetto e invitato i presenti a tornare ognuno nella propria abitazione
Data di pubblicazione: 2020-03-30 11:09:08
5
La denuncia della scomparsa. Dopo una breve ricerca, è stato trovato il corpo esanime dell’uomo
Data di pubblicazione: 2020-03-29 11:21:41
1
Il Covid-19 sta facendo vittime in tantissimi comuni anche nella regione Lazio
Data di pubblicazione: 2020-04-01 16:16:50
2
La donna abitava in via della Palmarola
Data di pubblicazione: 2020-04-01 09:59:56
3
Il sindaco di Roma ha spiegato come compilare la domanda su Teleradiostereo, con aiuti anche per anziani e chi non ha Internet
Data di pubblicazione: 2020-04-01 14:06:42
4
"Da alcuni giorni nel Lazio registriamo un trend in frenata, ma non dobbiamo mollare la guardia, obiettivo è raggiungere il coefficiente di sviluppo R0"
Data di pubblicazione: 2020-04-01 16:44:06
5
La signora Genoveffa D’Auria Augello, da tutti conosciuta come Gina, è arrivata a Ladispoli nel 1952 con la famiglia da Campobello di Licata (Agrigento)
Data di pubblicazione: 2020-04-01 20:26:49
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]