Venerdì 14 Dicembre 2018 ore 08:40
MORTE STEFANO CUCCHI
Processo Cucchi: Uno dei tre carabinieri rivela il pestaggio
Il documento scomparso e il pm cita il carabiniere a testimoniare

Uno dei tre carabinieri imputati nel caso della morte per percosse di Stefano Cucchi ha testimoniato e ha rivelato al pm che aveva scritto un rapporto in cui raccontava ai suoi superiori che cosa realmente fosse avvenuto nella caserma dove Cucchi era stato portato arrestato per droga, in special modo il comportamento violento dei suoi colleghi.

Quel documento è scomparso e questo fatto proverebbe l’ipotesi di reato per gli altri due carabinieri presenti quella notte. I due carabinieri imputati per aver orchestrato operazioni per il depistaggio e l’insabbiamento durante questi ultimi otto anni. Sulla base delle rivelazioni del carabiniere Francesco Tedesco che in una denuncia ha raccontato i fatti quella maledetta notte e ha chiamato in causa i sue due colleghi imputati per il pestaggio al giovane Cucchi, il pm Giovanni Musarò ha dichiarato un’attività integrativa di indagine e ha, inoltre, chiesto di aggiungerlo ai testimoni da ascoltare nelle prossime udienze..

Su Facebook il commento di Ilaria Cucchi sorella di Stefano: “Processo Cucchi. Udienza odierna ore 11.21. Il muro è stato abbattuto. Ora sappiamo saranno in tanti a dover chiedere scusa a Stefano e alla famiglia Cucchi”

 

Leggi anche: 

Emergenza, chi risponde quando chiami il 118, il 115, il 113 o il 112?

Fonte Nuova, A giugno aggredirono persona in un bar, fermati 2 ragazzi

Sutri, Gravi minacce al collaboratore di Sgarbi


ARTICOLI CORRELATI
Al momento è mantenuto riserbo sulle cifre. Ilaria continua a chiedere giustizia
Ancora problemi con la giustizia per il rapper nato a Tivoli, trovato con 50 grammi di cocaina
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
1
La persona in difficoltà, data per dispersa, era uscita su un'imbarcazione
2
Dietro al mondo del trap e agli incidenti, come quello nella discoteca di Corinaldo, solo il vuoto dei valori e il gioco del profitto

3
Presidiata la città e il confine con la Germania, il killer è riuscito a evitare 2 blitz della Polizia
4
Il sindaco Antonio Cicchetti: "Stefano Colasanti ha avuto il coraggio di rischiare la propria vita per salvarne altre”
5
Come risolvere il problema, connesso a quello dei rifiuti? Derattizzare o sterilizzare?
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency