Martedì 23 Ottobre 2018 ore 17:44
PD ALLA FRUTTA?
Sinistra, crisi grave ma le manifestazioni anacronistiche continuano
Zingaretti da un lato e Renzi dall'altro a contendere mentre Martina fa da paciere e richiama alla lotta contro la destra

"Gli italiani hanno cominciato a pagare a carissimo prezzo le scelte economiche del governo. C'è già più ingiustizia e meno equità. C'è la profonda contraddizione tra il finto sceriffo Di Maio che annuncia 6 anni di galera ai furbetti del reddito di cittadinanza e Salvini che propone il super condono agli evasori oltre 500 mila euro", questa l'espressione di Martina e il tema unico dell'attività denigratoria dell'attuale governo costituita da una politica non propositiva e alternativa a quella governativa bensì esclusivamente critica ma in modo esclusivamente sterile.

Il tema di questi giorni, tuttavia, è la successione al trono PD e l'ulteriore crisi che si è aperta all'interno del Partito Democratico e che, questa volta, vede protagonisti Renzi e Zingaretti il quale in una intervista ha fatto un mea culpa riconoscendo che "al netto delle elezioni europee tutte le elezioni hanno visto il Pd perdere voti", lasciando intendere che gran parte della responsabilità sia da attribuire alla credibilità di Renzi.

Le dichiarazioni di Zingaretti, dirette o indirette, hanno aperto le danze da parte dei fedelissimi di Renzi i quali a spada tratta si sono, immediatamente, schierati a difesa dello stesso puntando il dito contro il governatore del Lazio; insomma guerra aperta all'interno delle fila del PD come se non ci fossero già abbastanza guai nell'arginare l'inondazione del governo e dei relativi partiti che stanno, giorno dopo giorno, guadagnando sempre più consensi con la Lega al nord e il M5S al sud.

Alessia Morani, fedelissima di Renzi, non usa mezzi termini nel definire quanto sta accdendo in queste ore all'interno del partito: "il Pd va in piazza e chiede unità. Zingaretti va in TV e attacca Renzi. Questo è il congresso che ci aspetta? Basta fuoco amico!" così afferma mentre dall'altro lato, prontamente, Renzi rilancia sostenendo che "La situazione economica del Paese è molto seria. Dobbiamo ripartire. E farlo subito. Per questo alla Stazione Leopolda non seguiremo le polemiche quotidiane delle correnti del Pd: c'è una piazza che ha chiesto unità, non divisioni. Non parleremo del congresso, ma dell'Italia".

Intanto mentre Renzi snobba e sorvola, apparentemente, sul dito puntato contro di lui dal governatore del Lazio e sui discorsi di Zingaretti, il segretario Martina richiama tutti alle armi ricordando che "La sfida alle destre è troppo grande e troppo importante per dividerci" cercando di porre pace tra le fila PD ricompattando tutti contro il nemico rappresentato dall'attuale governo; intanto continuano per l'Italia manifestazioni a favore di quel sindaco o contro quella politica con quelle modalità, ormai anacronistiche, delle quali la sinistra non riesce a liberarsi restando, ad esse, ancorata in modo nostalgico.

Per usare le parole di Cacciari "La base sociale della sinistra è franata. Dovunque. C'è un mutamento antropologico alla base delle sconfitte delle sinistre in tutto il mondo”; la sinistra italiana si è accorta di tale mutamento? Lo scopriremo nel prossimo congresso, forse.


ARTICOLI CORRELATI
"Ho 35 anni ma ho già una discreta esperienza. Ho sempre continuato a coltivare lo stesso sogno, contribuire dal basso a rendere migliore la mia città"
La legge 194 sull’interruzione di gravidanza, fu approvata dopo una battaglia che spaccò in due il Paese; quarant’anni dopo, gli animi sono tutt’altro che sopiti
Dopo la manifestazione del PRC di Anzio una domanda, esiste ancora la sinistra? Quelli di sinistra dicono di no
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
"Ieri è stato un sabato indimenticabile, dove l'affetto di migliaia di attivisti e cittadini(per la stampa pochi e tiepidi) ci ha avvolti di un calore immenso"
2
"Quando sono arrivato al Circo Massimo ho visto un casino di auto blu e mi sono preoccupato. Poi mi hanno detto 'tranquillo Beppe, sono dei nostri'"
3
"Se c'erano dubbi, è ormai chiaro il modello culturale e storico cui il governo prefascista gialloverde si ispira"...
4
"Probabilmente stavolta Grillo ha toccato il punto più basso di una parabola comico-politica che speriamo possa dirsi conclusa"
5
Zingaretti: "I risultati, da ultimo quelli diffusi oggi, danno ragione alle politiche messe in campo finora"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency