Giovedì 23 Maggio 2019 ore 10:47
MORIRE PER UN AUTOSCATTO
Morti da “selfie” in aumento, l’allarme degli studiosi
I casi sarebbero aumentati esponenzialmente con la crescita di alcuni siti come Instagram e Snapchat

I morti si contano a centinaia. E l’ultimo fatale episodio si è verificato solo pochi giorni fa: in Florida (USA), una donna è caduta dal balcone del 27esimo piano di un edificio mentre provava a sedersi sulla ringhiera di un balcone per scattarsi una foto da postare sui social.

Trattasi di decessi ‘da selfie’ o, come definiti dagli studiosi dell’Istituto di scienze mediche di All India, “selficides” (selficidi). 

Già, perché la spasmodica caccia allo scatto più interessante, più bello, più unico, più stupefacente e pericoloso da condividere con gli amici e soprattutto con gli sconosciuti di tutto il mondo, negli ultimi tempi sta mietendo diverse vittime.

Perciò il team di ricercatori di cui sopra ha deciso di approfondire questo nuovo fenomeno sociale, cercando di individuare i luoghi e tutte quelle situazioni che, fino ad oggi, sono risultate essere più fatali. Ha quindi analizzato le notizie sui morti per selfie tra ottobre 2011 e novembre 2017 e ha scoperto che ben 259 persone in tutto il mondo hanno perso la vita mentre si facevano un autoscatto.

Il 2011 ha visto ‘solo’ 3 morti legati al selfie e ancora meno (2) nel 2013, ma… Col crescere di siti social come Instagram e Snapchat, sono anche aumentati i morti da autoscatto e i casi sono infatti diventati 98 nel 2016 e 93 nel 2017. Il più alto numero di morti si sarebbe verificato in India, paese in cui (secondo gli esperti, anch’essi indiani) si sarebbe verificato il 50% di tutti i decessi. Subito dopo vengono la Russia, gli Stati Uniti e il Pakistan.

Gli uomini, più propensi a mettersi a rischio e in mostra, sono quelli più a rischio, nonostante siano le donne a scattarsi più selfie: ben il 72,5% dei deceduti è infatti di sesso maschile. Poi, ovviamente, si tratta soprattutto di giovani: la ricerca rivela che la maggior parte delle morti è avvenuta tra persone di età inferiore ai 30 anni.

“Di solito i giovani e i turisti sono spesso colpiti dal desiderio di ‘essere cool’, postando foto sui social (media) e ricevendo ricompense in forme di like e commenti. A essere dannosi non sono certo i selfie, ma è il comportamento umano che accompagna i selfie a risultare pericoloso” scrivono gli studiosi.

Tra le cause di morte dovute agli autoscatti, in primis c’è l’annegamento (70 decessi su 259), causato dal capovolgimento di imbarcazioni durante gli scatti in seguito a mare grosso o a onde improvvise. Poi ci sono gli ‘incidenti da trasporto’, come ad esempio la folle corsa per attraversare i binari al passaggio di un treno o il fermarsi su binari stessi, che ha causato la morte di 51 persone. Al terzo posto, con un punteggio di parità, ci sono invece le cadute accidentali e gli incendi. Infine, tra le altre cause, compaiono selfie con animali o maneggiando delle armi da fuoco (primato, questo, tutto americano).

Le cifre oggetto dello studio, però, come sottolineano i ricercatori stessi, potrebbero essere sottostimate e i morti potrebbero essere molti di più rispetto a quelli riportati dalle notizie e dai giornali di tutto il mondo che sono stati presi in considerazione dalla ricerca.


ARTICOLI CORRELATI
A Velletri sulla strada che porta al carcere un terribile scontro tra un'automobile e una moto. 2 morti carbonizzati, di cui uno, Simone De Marzi, di appena 19 anni
Arrestato a Nepi un 27enne nigeriano, che nel giardino di casa aveva 17 piante di marijuana alte tra i 60 e i 120 cm
Incidente in zona Colle Aluffi: deceduti l'imprenditore 47enne della zona e la figlia 16enne
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Sequestrati 243 chili di droga
2
I dissidi tra padre e figlia erano frequenti. E' da capire se la giovane donna abbia agito per difendersi da un'aggressione del padre
3
Il padre ha buttato giù la porta, e ha visto il corpo a terra della figlia che non dava segni di vita; inutili i tentativi disperati di rianimarla
4
L'accusa per la 19enne Debora è stata derubricata in eccesso colposo di legittima difesa

5
Da segnalare che all'interno della stazione ferroviaria di Frosinone manca un sistema di videosorveglianza
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]