Giovedì 15 Novembre 2018 ore 19:53
LA PREVENZIONE OGGI
Metodo Di Bella: pregiudizi da sfatare nella prevenzione dei tumori
La prevenzione farmacologica può essere a ragione considerata il nostro giubbotto antiproiettile contro i tumori

Ho cercato di sintetizzare e riassumere i vari  aspetti della prevenzione farmacologica dei tumori con la spiegazione del  meccanismo d’azione, e il  riscontro in letteratura dei principi attivi, l’incidenza reale dei tumori e relativa  mortalità, le percentuali scientifiche e non mediatiche di sopravvivenza  a 5 anni e a lungo termine con gli attuali paradigmi di ricerca e terapia in campo oncologico. Sono state  esaminate le cause esogene ed endogene dei tumori  e relativo trattamento  con modulo fisso e variabile di prevenzione farmacologica. Ho anche spiegato come sia illusorio e utopistico attendersi dagli attuali circoli di potere reali ed efficaci iniziative che abbattano decisamente l’inquinamento ambientale chimico e fisico,  evidenziando come l’unica difesa possibile  e attuabile sia oggi la prevenzione farmacologica dei tumori. Paragonando  l’inquinamento ambientale, in cui la difesa può essere solo farmacologica, ad un campo di battaglia, in cui la difesa può essere un giubbotto antiproiettile, la prevenzione farmacologica può essere a ragione considerata il nostro giubbotto antiproiettile contro i tumori.

Sono state  discusse nella trasmissione:

1) Le cause del progressivo ed esponenziale incremento dell'incidenza dei tumori, di ordine chimico, fisico, infettivo, da stress psico -emotivo (con riflessi psico-immuno-neuro-endocrini),oltre che da cause dietetiche e comportamentali.

2) La prevenzione farmacologica dei tumori mediante molecole biologiche  non tossiche, le cui proprietà antitumorali nella prevenzione e terapia dei tumori sono ormai ampiamente documentate in letteratura, ma non valorizzate nella cura dei tumori e loro prevenzione. Si documentano i loro meccanismi d'azione  sinergico-fattoriali e gli effetti collaterali  antidegenerativi, immunomodulanti, antinvecchiamento, antiossidanti (per inibizione dello stress ossidativo e conseguente formazione di radicali liberi).I dati mediatici ufficiali  di 9.000.000  di decessi  l’anno per cancro, si scontrano  col dato reale, di oltre  20.000.0000 di casi, perché  in molte nazioni, come l’Italia, non esistono registri dei tumori in tutte le città, con carenze simili in molte altre nazioni. Nei paesi del Terzo Mondo come l’Africa e in quelli in via di sviluppo o emergenti come l’India, non esistono registri oncologici, o sono ampiamente incompleti. Manca  pertanto  una verifica scientifica dei dati nella maggior parte della popolazione mondiale. Inoltre il dato  documentato e incontestabile che la prima causa assoluta di morte della donna in tutto il mondo è il tumore della mammella, si scontra con  gli annunci dell’informazione ufficiale di spettacolari progressi e continue conquiste nella cura del tumore del seno.  

Sono stati  anche sfatati alcuni miti e tabù così cari ai gestori del potere:

Il terrorismo sulla mitica "Osteoporosi" e relativi riti diagnostico- terapeutici, spiegando come oggi  l’Osteoporosi sia trattabile senza drammi e con relativa facilità applicando alcuni  dei principi  terapeutici biologici, non tossici ed efficaci della prevenzione farmacologica dei tumori. In questo contesto ho insistito sulla necessità di verificare l’affidabilità (scarsa) del dosaggio ematico della vitamina D con la calcemia che dovrebbe essere perfettamente coerente in rapporto dose-dipendente con la D.

Le controindicazioni e alternative alla mammografia  come screening  annuale

La crescente moda delle indagini genetiche per individuare mutazioni  , come BRCA1-2, ATM, ecc. che comportano secondo le attuali procedure di prevenzione , provvedimenti traumatici e mutilanti come mastectomie in assenza di tumore , asportazione delle tube e delle ovaie . Si documenta la possibilità di abbattere decisamente il rischio e l’incidenza di familiarità tumorale e mutazione genica, con repressori  trascrizionali ,  oggi disponibili e privi di tossicità. Applicando così  i principi scientifici post genomici che valorizzano le linee terapeutiche aperte dall’epigenetica, anch’esse componenti della prevenzione farmacologica descritta nel testo “La prevenzione farmacologica dei tumori", che sarà pubblicato in marzo.

Uno degli aspetti più gravi della disinformazione mediatica globale su cui poggia il mercato del farmaco, è la manipolazione delle coscienze e della ricerca medico-scientifica, che può essere riportata dall’attuale deriva speculativo commerciale al suo naturale contesto etico scientifico,  solo recuperando, valorizzando e diffondendo il valore della Verità, l'unica via che porta alla Vita.

 

Leggi anche:

Medicina antitumore, strategia di business nell'assegnazione del Nobel

Salute: nel silenzio i 20 mila in corteo contro le terapie coercitive

Fondazione Di Bella per migliorare la prognosi del tumore alla mammella

 


 


ARTICOLI CORRELATI
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
Lo afferma Giuseppe Di Bella, riferendosi ai casi di neoplasie in cui sono esaurite le possibilità chirurgiche
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La remissione completa e stabile di tumori della mammella e della prostata senza intervento chirurgico, chemio o radio
2
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
3
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB
4
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
5
In Italia non esistevano società in grado di offrire alle famiglie servizi di assistenza domiciliare integrata
1
Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità: "È arrivato il momento di prevedere l’obbligo vaccinale anche per gli operatori sanitari"
2
I dati reali vengono di nuovo enfatizzati: un tipo di comunicazione che rischia di essere controproducente
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency