Giovedì 12 Dicembre 2019 ore 11:47
"QUALCHE VOLTA MI PERMETTO"
Roma, Alexanderplatz Jazz Club presenta Nicky Nicolai Quartet
Storico locale di Roma fondato nel 1984 e considerato uno dei 100 migliori locali jazz al mondo

 

NICOLETTA "NICKY" NICOLAI nasce a Roma da genitori estranei all'ambiente artistico ma fin da bambina comincia ad amare la musica appassionandosi al canto durante l'infanzia trascorsa nel paese di Nespolo in provincia di Rieti. E' proprio da qui che comincia ad esprimere la sua passione per il canto entrando nel coro della chiesa, come nella migliore delle tradizioni dei cantanti soul e gospel afro-americani.

Nel 2001 insieme al sassofonista Stefano Di Battista scrive il brano "Roma io senza te", colonna sonora di un video commissionato dal sindaco Walter Veltroni per la promozione nel mondo dell'immagine della capitale. Nel 2002 Nicky Nicolai partecipa alla rassegna "Le Signore del jazz" al Teatro dell'Opera di Roma insieme ad Ada Montellanico, Maria Pia De Vito, Barbara Casini e Karin Schmidt, dove interpreta, tra i molti classici, una versione di "E se domani" dal repertorio di Mina.

L'anno successivo è interprete di una serie di concerti tenuti nell'Auditorium Aldobrandini di Frascati per un bellissimo omaggio a Joni Mitchell nella manifestazione "Donne in jazz". Il 2004 è l'anno del suo album di debutto, "Tutto passa" in cui compaiono ospiti eccellenti quali Lucio Dalla e Renzo Arbore in veste di crooner: molto apprezzato dalla critica, questo lavoro inaugura una straordinaria stagione di concerti e di collaborazioni. 

Festival di Sanremo 2005 con "Che mistero è l'amore" vince nella categoria Gruppi con Stefano Di Battista Jazz Quartet. Il Nicky Nicolai/Stefano Di Battista Jazz Quartet calca i più importanti palcoscenici italiani, dal Blue Note di Milano all'Auditorium di Roma, ed in estate è con Lucio Dalla nel tour "Dalla in jazz" che batte moltissime piazze italiane ed europee.

Dopo una stagione di inattività, lo spirito avventuriero, il coraggio d'avanguardia della famiglia Rubei continua ad esprimersi attraverso Eugenio Rubei, figlio dell'indimenticabile Giampiero che, commenta così questa nuova:Rendere immortale il lavoro quarantennale di mio padre e dare alla città di Roma un luogo di reale aggregazione del mondo del jazz, che accompagni le generazioni attuali e possa essere in grado di andare oltre. Questo è il vero messaggio, il vero obiettivo della riapertura dell'AlexanderPlatz, che anche nel 2018 ha ricevuto il premio Downbeat e il prestigioso Django d'or. L'AlexanderPlatz potrà dunque continuare ad essere lo spazio principe per i musicisti di tutte le età e provenienze". 

Con la sua riapertura, l’AlexanderPlatz sta facendo scoprire, un tratto innovativo, estetico e non solo, che parte dall’originale cucina a vista e arriva alla ristrutturazione del bar. Gabriele Geri e Angela Buono, registi del cambiamento, sempre sotto l'occhio attento del Presidente Eugenio Rubei, puntano sull’unicità del locale, con un giusto mix di esperienza e sperimentazione sia in sala che dietro le quinte. Attraverso le sapienti mani dello chef Davide Boggian il menù è basato sull’essenzialità e sulla qualità dei sapori con un occhio di riguardo alla selezione delle materie prime e alla loro stagionalità, puntando a una cucina piena di creatività che non rinuncia ad essere semplice. 

Discorso che viaggia di pari passo al rinnovo del bar, dove l’ospitalità e gli alti standard qualitativi saranno garantiti da Fabrizio Valeriani, classe 1972, capace di approntare una drink-list unica nel suo genere grazie a distillati selezionati, attenzione particolare a vermouth e bitter's, e una linea creata ad hoc per il mondo del jazz con ‘twist on classic’ pensati per lo storico locale romano.

ALEXANDERPLATZ Via Ostia 9 - Roma

Info e prenotazioni:  prenotazioni.alexanderplatz@gmail.com  - tel. 06 83775604 

alexanderplatzjazz.com www.facebook.com/alexander.platz.37/  

www.instagram.com/alexanderplatzjazzclub/ twitter.com/aplatzjazz


ARTICOLI CORRELATI
L’anima del blues e del jazz interpretano musiche e canzoni di culture musicali distinte, unendo il sacro e il profano
Il direttore artistico Eugenio Rubei: "Con la morte di Gianni Borgna è crollata un'impalcatura di progettualità"
In occasione del concerto all’Alexanderplatz, Moreno Romagnoli si presenta in quintetto, e vengono rivisitati i brani piu’ ricercati della bossanova e del samba-jazz
I PIU' LETTI IN SPETTACOLI
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]