Giovedì 23 Maggio 2019 ore 11:21
BADANTE OMICIDA
Monterotondo, Arrestata badante, soffocò anziana con busta di plastica
44enne di origini polacche, domiciliata da tempo a Monterotondo, è la responsabile dell'omicidio di una 86enne di Cersosimo (Pz), compiuto nel 2013

I Carabinieri della Stazione di Monterotondo (Rm) hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro (PZ) nei confronti di una 44enne di origini polacche, domiciliata da tempo a Monterotondo.

La donna fu arrestata nel 2015 a Monterotondo poiché ritenuta, in concorso con un connazionale, responsabile dell’omicidio dell’86enne Angela Valicenti, una pensionata di Cersosimo (PZ) parzialmente disabile di cui, per un periodo di tempo, prestò servizio come badante, compiuto il 9 giugno 2013.

Dopo l’arresto e un periodo di tempo trascorso nel carcere di Rebibbia, la 44enne era stata sottoposta alla misura cautelare degli arresti domiciliari nella sua abitazione di Monterotondo.

Secondo quanto accertato dagli inquirenti, la cittadina polacca, che all’epoca dei fatti aveva allacciato una relazione sentimentale con il figlio della pensionata conosciuto a Roma, avrebbe soffocato la vittima, con la complicità del connazionale, utilizzando una busta di plastica.

Il movente dell’omicidio è stato trovato nell’opposizione che la pensionata aveva più volte esternato nei confronti del rapporto tra la 44enne e suo figlio, il quale, proprio a causa dei problemi di salute della madre, aveva lasciato Roma, dove si era stabilito con la compagna polacca, per far ritorno nel paese natio impedendo alla coppia di poter continuare a soggiornare nella Capitale, altro motivo di astio maturato dalla badante nei confronti della vittima.

La cittadina polacca, che deve scontare la pena di 13 anni, 7 mesi e 9 giorni di reclusione, è stata portata nel carcere di Rebibbia, dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


ARTICOLI CORRELATI
Al Teatro Golden di Roma è andata in scena "La fine all'alba" della compagnia stabile Assai fatta da detenuti
Deceduto un giovane, ferite altre 4 persone tra cui due bambini trasportati in eliambulanza
Un 47enne e la compagna 27enne gestivano un traffico di prostitute minorenni, che venivano collocate sulla Tiburtina
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Sequestrati 243 chili di droga
2
I dissidi tra padre e figlia erano frequenti. E' da capire se la giovane donna abbia agito per difendersi da un'aggressione del padre
3
Il padre ha buttato giù la porta, e ha visto il corpo a terra della figlia che non dava segni di vita; inutili i tentativi disperati di rianimarla
4
L'accusa per la 19enne Debora è stata derubricata in eccesso colposo di legittima difesa

5
Da segnalare che all'interno della stazione ferroviaria di Frosinone manca un sistema di videosorveglianza
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]