Acquapendente Arlena di Castro Bagnoregio Barbarano Romano Bassano in Teverina Bassano Romano
Blera Bolsena Bomarzo Calcata Canepina Canino
Capodimonte Capranica Caprarola Carbognano Castel Sant'Elia Castiglione in Teverina
Celleno Cellere Civita Castellana Civitella d'Agliano Corchiano Fabrica di Roma
Faleria Farnese Gallese Gradoli Graffignano Grotte di Castro
Ischia di Castro Latera Lubriano Marta Montalto di Castro Monte Romano
Montefiascone Monterosi Nepi Onano Oriolo Romano Orte
Piansano Proceno Ronciglione San Lorenzo Nuovo Soriano nel Cimino Sutri
Tarquinia Tessennano Tuscania Valentano Vallerano Vasanello
Vejano Vetralla Vignanello Villa San Giovanni in Tuscia Viterbo Vitorchiano
Mercoledì 24 Luglio 2019 ore 01:07
DISASTRI
Danni maltempo, risarcimenti di milioni di euro per alluvioni e vento
E' da più di un ventennio che lo ripeto: "Ricordiamoci Giugno 1998, a Sarno..."

E' da più  di un ventennio che lo ripeto: "Ricordiamoci Giugno 1998, a Sarno...". Il problema della fragilità del nostro territorio e dell’esposizione al rischio di frane e alluvioni riguarda moltissime aree del Paese. In più di 6.500 comuni italiani esistono e da tempo sono state censite come "aree a rischio idrogeologico", che comportano da anni un bilancio economico pesantissimo. Non è più  tollerabile quanto si è pagato con la perdita di vite umane. E' evidente ma scarsamente valutata  l’assoluta necessità di maggiori investimenti in termini di prevenzione, attraverso cui affermare una nuova cultura dell’uso del suolo che metta al primo posto la sicurezza delle nostre genti, e ponga fine da un lato a usi speculativi e abusivi del territorio, dall’altro al suo completo abbandono. In questo contesto, dove bisogna tenere altissima l'attenzione, in cui sono sempre più evidenti e visibili gli effetti dei cambiamenti climatici in atto da anni, effetti che comportano "fenomeni meteorologici estremi", caratterizzati da piogge intense concentrate in periodi di tempo sempre più brevi.

L'incosciente e irrazionale gestione di molte aree del nostro Paese, sta  portando alle conseguenze disastrose che sono sotto i nostri occhi. Ma non tutti sanno che i danni sia materiali che alle persone sono sempre tutti risarcibili o dai Comuni o dalla Regione o dallo Stato a seconda dei casi. I risarcimenti sono dovuti anche nei casi in cui venga dichiarata dalle Autorità preposte la cosidetta  “calamità naturale” o si è in presenza di un evento atmosferico meteorico: "particolarmente intenso ed eccezionale”. Questi disastrosi eventi,  non succedono perché un Dio vuole colpire il nostro Paese: il moltiplicarsi di questi tragici eventi, sono il frutto di un territorio dimenticato da quanti in questi anni hanno governato questo Paese... Quali e quante le opere di messa in sicurezza che non trovano rispondenza? Quali sono i  progetti che trovano concretezza.al di là di chi governa?... I territori, cosi come il Paese, è un bene primario a prescindere da chi governa. Va curato e tutelato. Chi dovrebbe farlo e non lo farà, ha commesso e commetterà un reato imperdonabile che peserà per il  futuro del Paese.

Leggi anche:

Roma, incendio Ospedale San Pietro: trasferiti tutti i 400 pazienti

Monterotondo, Arrestata badante, soffocò anziana con busta di plastica

Cicolano: Uomo scopre tradimento e manda moglie e amante all'ospedale

 

*Piero Moscardini, ex Funzionario ufficio emergenze del Dipartimento della Protezione Civile


ARTICOLI CORRELATI
Il sindaco Sanna era stato criticato per avere preventivamente fatto abbattere 6 grandi piante proprio nella zona per evitare casi come questo
I disastri di questi giorni non sono colpa del maltempo ma della nostra incuria
Un profondo vortice di bassa pressione causerà spiccato maltempo, con rovesci e temporali forti e vento di scirocco con raffiche di burrasca
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
2
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
3
Lo afferma Giuseppe Di Bella, riferendosi ai casi di neoplasie in cui sono esaurite le possibilità chirurgiche
4
Leonardo Cimino, un criminale dimenticato a torto, fu un apripista, il grimaldello della malavita per "forzare" Roma
5
Il metodo Di Bella è in grado di guarire il tumore alla prostata senza ricorrere alla chemioterapia o alla radioterapia
1
Nonostante i divieti e i servizi offerti dagli stabilimenti balneari, resiste il pranzo al sacco in spiaggia...
2
I dati del Rapporto Censis-Bayer sui nuovi comportamenti sessuali degli italiani di 18-40 anni, analizzati a livello regionale
1
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
2
“Finalmente”, anche in Italia, l'attesissimo e controverso documentario sul Megalodon
3
La Roma batte il Pescara in trasferta per 1-4 e guadagna punti sul Napoli, adesso a meno quattro in classifica
4
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
5
I risultati, digitando il suo nome, sono collegati a foto hot e siti porno. Lei sbotta: "Non sono una prostituta"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]