Giovedì 15 Novembre 2018 ore 20:28
LE NUOVE NORME
Partiti politici e privacy, come bisogna comportarsi
La gestione della privacy in un partito politico, ai sensi del Regolamento UE 679/2016 (GDPR), è una questione molto delicata
La gestione della privacy in un partito politico, ai sensi del Regolamento UE 679/2016 (GDPR), è una questione molto delicata, soprattutto in considerazione del tipo di dati trattati: sono dati definiti "particolari" (ex "sensibili") dall'art.9 del GDPR, che meritano un tipo di trattamento e di protezione di livello superiore rispetto ai dati "comuni".
 
Per consentire un’analisi autonoma in ambito privacy, forniamo di seguito un breve elenco, diviso in due sezioni, con i vari adempimenti base previsti dal GDPR e dal decreto legislativo 101/2018. 
 
La prima sezione riguarda i documenti rivolti agli iscritti o utenti online; la seconda, i documenti che il partito deve possedere per poter dimostrare, in caso di controlli, la propria compliance alle norme sul trattamento dei dati.
 

Documenti per iscritti al partito e utenti online:

  • Informativa privacy clienti-utenti.
  • Formule di consenso specifiche.
  • Informativa Cookie.
  • Eventuali modelli per l’esercizio dei diritti.

Documenti interni al partito politico:

  • Valutazione di impatto sulla protezione dei dati.
  • Contratto di nomina DPO e ricevuta della comunicazione al Garante privacy.
  • Informativa privacy dipendenti e fornitori.
  • Formule di consenso specifiche.
  • Accordi di nomina RTD – Responsabile Trattamento Dati – e dei soggetti incaricati, con impegno alla riservatezza. 
  • Attestazioni della formazione svolta da tutti i soggetti coinvolti nel trattamento dei dati.
  • Registro dei trattamenti del Titolare e del Responsabile.
  • Documentazione delle procedure organizzative e di sicurezza relative al trattamento dei dati.
  • Creazione e gestione delle procedure per il data breach.
  • Pianificazione della formazione, delle verifiche relative alle procedure e degli audit interni.
Una formazione adeguata, in particolare, può consentire una gestione ottimale dei diversi processi-privacy nelle varie fasi di adeguamento.
 
Alessandro Marano © Riproduzione Riservata
Studio Ore9 - Consulenza e formazione privacy
Roma, via Salaria, 221 (angolo viale Liegi)
Telefono +39 338.9102073

ARTICOLI CORRELATI
Il principio base è la trasparenza: rispetto al linguaggio utilizzato, nella comunicazione, nella possibilità di esercizio di diritti
I PIU' LETTI IN RUBRICHE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Centoquindici i fuochi d'artificio sparati sul mare per salutare il doppio compleanno dei festeggiati
2
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
3
Luttuosi, snob e cattivi
4
Se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida
5
Il magnate uzbeko Alisher Usmanov, amante dell'arte, ha un patrimonio stimato intorno ai 14 miliardi di euro
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency