Giovedì 25 Aprile 2019 ore 12:43
ABUSI LEGALIZZATI
NO ai limiti di velocità assurdi: è ora di ribellarsi. Dì basta anche tu
Col pretesto della sicurezza si mira solo a fare cassa. Una situazione odiosa che non va più tollerata

Stiamo guidando: la strada è extraurbana, scorrevole, senza nessun impedimento particolare a viaggiare a una velocità ragionevole. Si potrebbe farlo tranquillamente a 90 chilometri all’ora, o quantomeno a 70. E invece no: la segnaletica ci avverte che bisogna fermarsi a 50. O persino a 30. Altri cartelli precisano che ci sono dei controlli elettronici.

Magari non è vero – spesso non lo è – ma la minaccia sussiste comunque. Lasciandoci lì a fare i conti con la solita frustrazione: perché ci tengono sotto la spada di Damocle di una possibile multa, se procedendo a un’andatura un po’ più spedita non faremmo nulla di strano, né di realmente pericoloso?

La risposta è il classico segreto di Pulcinella. Tutti lo sanno, quasi tutti fanno finta di non saperlo. Un abuso strisciante col quale ci si è abituati a convivere. Una di quelle tipiche situazioni “all’italiana”: in teoria le norme sono draconiane, di fatto sono applicate nella maniera più intermittente.

A volte la multa arriva davvero, ma non così di frequente, o di importo così elevato, da rendere la situazione del tutto insopportabile. E quindi si finisce col rassegnarsi. Si rallenta un po’, ma non troppo. Si tiene conto del limite di velocità indicato, per quanto assurdo, ma non del tutto. Si spera che gli autovelox non ci siano davvero. E se invece ci sono, e la sanzione viene irrogata, la si paga comunque. A malincuore, ma la si paga. Forse con una vera difficoltà a mettere insieme i quattrini necessari, visti i livelli modesti o persino infimi degli stipendi e degli altri redditi, ma la si paga.

Tutto questo è sbagliato. È inaccettabile. E deve finire.

Da oggi, perciò, diamo inizio a una campagna permanente su questi temi. Invitandovi a rilanciarla ovunque possiate, a cominciare da Faceboolk e dagli altri social. Sperando di riuscire a innescare una reazione a catena. Che porti a essere in grado di esercitare una pressione poderosa sulle forze politiche, tanto nazionali quanto locali, fino a “costringerle” a farla finita con queste rapine legalizzate.

Siamo utenti delle strade: non polli da spennare a piacimento, a suon di divieti fabbricati a tavolino al solo scopo di estorcere soldi.


ARTICOLI CORRELATI
Il totale dei tratti sorvegliati sale a 33, sulle diverse autostrade. Nel Lazio se ne aggiungono due
Morelli centra il punto: "Oggi il problema non è la velocità, ma la distrazione alla guida"
E' polemica dopo la decisione del sindaco Stefano Corsi. La velocità massima sarà di 50 km/h. Il web si scatena
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Yoko Ono, vedova di John Lennon, ha rilasciato un'interessante intervista a Tim Teeman del "Daily Beast"
2
L’omicidio del giornalista svela un complicato scacchiere che potrebbe far saltare le economie di mezzo mondo
3
di Remo Sabatini
4
Gianni Versace fu ucciso a Miami il 15 luglio del 1997 da un serial killer a caccia di popolarità che cercava un personaggio noto da uccidere
5
Il caso Weinstein ha dimostrato ancora una volta che il mondo del cinema e, più in generale, il mondo del lavoro, non è favorevole alle donne
1
La Roma batte il Pescara in trasferta per 1-4 e guadagna punti sul Napoli, adesso a meno quattro in classifica
2
I risultati, digitando il suo nome, sono collegati a foto hot e siti porno. Lei sbotta: "Non sono una prostituta"
3
Seconda sconfitta di fila per la Lazio che dopo il KO contro la Fiorentina cade in casa contro l’Inter per 1-3 e rischia di perdere il quarto posto in classifica
4
In Argentina un sondaggio pubblicato dalla versione online del Clarin premia la compagna di Martin Demichelis
5
Ironica proposta su twitter di Eliana Guercio, moglie del portiere argentino, in caso di vittoria al Mondiale
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]