Affile Agosta Albano Laziale Allumiere Anguillara Sabazia Anticoli Corrado
Anzio Arcinazzo Romano Ardea Ariccia Arsoli Artena
Bellegra Bracciano Camerata Nuova Campagnano di Roma Canale Monterano Canterano
Capena Capranica Prenestina Carpineto Romano Casape Castel Gandolfo Castel Madama
Castel San Pietro Romano Castelnuovo di Porto Cave Cerreto Laziale Cervara di Roma Cerveteri
Ciampino Ciciliano Cineto Romano Civitavecchia Civitella San Paolo Colleferro
Colonna Fiano Romano Filacciano Fiumicino Fonte Nuova Formello
Frascati Gallicano nel Lazio Gavignano Genazzano Genzano di Roma Gerano
Gorga Grottaferrata Guidonia Montecelio Jenne Labico Ladispoli
Lanuvio Lariano Licenza Magliano Romano Mandela Manziana
Marano Equo Marcellina Marino Mazzano Romano Mentana Monte Compatri
Monte Porzio Catone Monteflavio Montelanico Montelibretti Monterotondo Montorio Romano
Moricone Morlupo Nazzano Nemi Nerola Nettuno
Olevano Romano Palestrina Palombara Sabina Percile Pisoniano Poli
Pomezia Ponzano Romano Riano Rignano Flaminio Riofreddo Rocca Canterano
Rocca di Cave Rocca di Papa Rocca Priora Rocca Santo Stefano Roccagiovine Roiate
Roma Roviano Sacrofano Sambuci San Cesareo San Gregorio da Sassola
San Polo dei Cavalieri San Vito Romano Sant'Angelo Romano Sant'Oreste Santa Marinella Saracinesco
Segni Subiaco Tivoli Tolfa Torrita Tiberina Trevignano Romano
Vallepietra Vallinfreda Valmontone Velletri Vicovaro Vivaro Romano
Zagarolo
Mercoledì 17 Luglio 2019 ore 08:35
ABUSI LEGALIZZATI
NO ai limiti di velocità assurdi: è ora di ribellarsi. Dì basta anche tu
Col pretesto della sicurezza si mira solo a fare cassa. Una situazione odiosa che non va più tollerata

Stiamo guidando: la strada è extraurbana, scorrevole, senza nessun impedimento particolare a viaggiare a una velocità ragionevole. Si potrebbe farlo tranquillamente a 90 chilometri all’ora, o quantomeno a 70. E invece no: la segnaletica ci avverte che bisogna fermarsi a 50. O persino a 30. Altri cartelli precisano che ci sono dei controlli elettronici.

Magari non è vero – spesso non lo è – ma la minaccia sussiste comunque. Lasciandoci lì a fare i conti con la solita frustrazione: perché ci tengono sotto la spada di Damocle di una possibile multa, se procedendo a un’andatura un po’ più spedita non faremmo nulla di strano, né di realmente pericoloso?

La risposta è il classico segreto di Pulcinella. Tutti lo sanno, quasi tutti fanno finta di non saperlo. Un abuso strisciante col quale ci si è abituati a convivere. Una di quelle tipiche situazioni “all’italiana”: in teoria le norme sono draconiane, di fatto sono applicate nella maniera più intermittente.

A volte la multa arriva davvero, ma non così di frequente, o di importo così elevato, da rendere la situazione del tutto insopportabile. E quindi si finisce col rassegnarsi. Si rallenta un po’, ma non troppo. Si tiene conto del limite di velocità indicato, per quanto assurdo, ma non del tutto. Si spera che gli autovelox non ci siano davvero. E se invece ci sono, e la sanzione viene irrogata, la si paga comunque. A malincuore, ma la si paga. Forse con una vera difficoltà a mettere insieme i quattrini necessari, visti i livelli modesti o persino infimi degli stipendi e degli altri redditi, ma la si paga.

Tutto questo è sbagliato. È inaccettabile. E deve finire.

Da oggi, perciò, diamo inizio a una campagna permanente su questi temi. Invitandovi a rilanciarla ovunque possiate, a cominciare da Faceboolk e dagli altri social. Sperando di riuscire a innescare una reazione a catena. Che porti a essere in grado di esercitare una pressione poderosa sulle forze politiche, tanto nazionali quanto locali, fino a “costringerle” a farla finita con queste rapine legalizzate.

Siamo utenti delle strade: non polli da spennare a piacimento, a suon di divieti fabbricati a tavolino al solo scopo di estorcere soldi.


ARTICOLI CORRELATI
Il totale dei tratti sorvegliati sale a 33, sulle diverse autostrade. Nel Lazio se ne aggiungono due
Morelli centra il punto: "Oggi il problema non è la velocità, ma la distrazione alla guida"
E' polemica dopo la decisione del sindaco Stefano Corsi. La velocità massima sarà di 50 km/h. Il web si scatena
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
3
Tutti trasmettono un sentimento di tristezza che traspare dal loro aspetto e comportamento. Un ippopotamo reso apatico, ristretto in pochi metri
4
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
5
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]