Lunedì 18 Marzo 2019 ore 18:43
SMALTIMENTO RIFIUTI
Termovalorizzatori. Salvini e M5S ai ferri corti, e non solo per Napoli
In gioco la tutela dell’ambiente e la salute dei cittadini. Problemi che nel Lazio sono tuttora in sospeso

C’è il caso locale: lo smaltimento dei rifiuti in Campania.

C’è una questione generale ma che riguarda lo stesso ambito: gli inceneritori, e i termovalorizzatori, in Italia. Che attualmente sono un totale di 41, stando al Rapporto Ispra 2017, e che nel 63 per cento dei casi sono ubicati nel Nord, mentre nel Lazio ce ne sono tre: Roma-Malagrotta, Colleferro (RM) e San Vittore (FR).

C’è, infine, un problema ancora più ampio. Che rimanda a contrapposizioni di principio ma che allo stesso tempo è quanto mai concreto: cosa fare, e cosa non fare, per migliorare le infrastrutture nazionali, dalle vie di comunicazione alle altre innovazioni in chiave più o meno tecnologica.

La diatriba si è accesa in questi ultimi giorni tra Salvini e il M5S, e non va assolutamente sottovalutata. Non è un incidente di percorso e non lascia grandi margini di mediazione. Inoltre, è in palese contrasto – per quanto riguarda il leader leghista – con quello che è scritto nel Contratto di governo.

Al punto 4 del documento, intitolato ‘Ambiente, green economy e rifiuti zero’ (l’indice comprende 30 paragrafi ma è in ordine alfabetico e quindi non rispecchia nessuna gerarchia di importanza), si afferma in termini inequivocabili che non bisogna limitarsi a gestire l’esistente, ma che bisogna cambiare approccio: “È necessario che ogni intervento del decisore politico si collochi in una strategia di economia circolare, intesa quale sistema ambientale ed economico in cui un bene è utilizzato, diventa rifiuto, e poi, a valle di un procedimento di recupero, cessa di essere tale per essere riutilizzato quale materia seconda per la produzione di un nuovo bene, in contrapposizione al modello di ‘economia lineare’ in cui i beni divenuti rifiuti sono avviati semplicemente a smaltimento dopo il loro utilizzo”.

Lo scenario è questo. E adesso lo esploreremo.

Lo scontro tra Salvini e i M5S

Partiamo dall’attualità. Dalla discussione che è divampata all’improvviso tra gli alleati di governo.

Mentre in Campania si discuteva di come affrontare l’ennesima ‘emergenza rifiuti’ (che però, come in tanti altri casi, non andrebbe chiamata ‘emergenza’, visto che ormai è una situazione permanente) Salvini se ne è uscito con una delle sue tipiche semplificazioni: “Ci vuole un termovalorizzatore per ogni provincia”. Argomento, o strumentalizzazione, di supporto: “Chi dice ‘No’ provoca roghi e malattie”. Come se l’unica alternativa fosse quella tra il mancato smaltimento, che porta ai cumuli di immondizia sparsi qua e là e agli incendi appiccati da chi vuole liberarsene, e i termovalorizzatori. Già che c’era, poi, ha preso la palla al balzo per far passare un messaggio, anzi un richiamo, a tutto campo: "Dicono no agli inceneritori, ditemi su qualcosa di sì”. Ogni riferimento alla Tav non è per nulla casuale.

Dal M5S gli hanno risposto compatti. E con toni tutt’altro che accomodanti. Roberto Fico, che essendo napoletano è particolarmente coinvolto, gli ha dato del ‘provocatore’ e lo ha ammonito a cambiare innanzitutto i toni: "Un ministro dell'Interno non arriva qui a dice al sindaco di Napoli che i rifiuti se li mangia, perché è il primo cittadino della capitale del sud. E non definisce 'quattro scemi' gli attivisti dei centri sociali, che in questa città hanno fatto anche un lavoro sociale importante. Le parole di Salvini sono uno schiaffo per Napoli e per la Campania".

Di Maio si è detto rammaricato, ma in realtà è andato all’attacco: “A me dispiace che Salvini abbia deciso di lanciarsi in questa polemica e di creare tensioni nel governo”. Traduzione: egregio Matteo, non tirare la corda che poi si rompe. O quantomeno si logora.

Di Battista, nel suo consueto stile tranchant, e col vantaggio di non avere nessun ruolo istituzionale, è stato brutale: “Salvini fa dichiarazioni sugli inceneritori e dimostra che non sa di cosa sta parlando”.

Appunto: di cosa stiamo parlando, quando parliamo di inceneritori?

Termovalorizzatori: i pro e i contro

Nelle discussioni superficiali vengono messi spesso in antitesi, inceneritori e termovalorizzatori, come se fossero due impianti completamente diversi. In realtà non è così: i termovalorizzatori sono anch’essi degli inceneritori, che servono appunto a bruciare i rifiuti (o meglio: certi tipi di rifiuti), ma in aggiunta producono energia. Invece di limitarsi a distruggere, togliendo di mezzo ciò che in precedenza era destinato alle discariche, utilizzano il processo di combustione per ottenere qualcosa di utile.

Basta questo, però, a concludere che essendo ‘vantaggiosi’ sono la panacea di cui c’è bisogno?

La risposta è no. Perché comunque generano diossine. Che finiscono nell’atmosfera. Provocando, come sottolinea il sito specializzato informazioneeambiente.it, “gravi danni alla salute delle persone che vivono in prossimità di questi impianti. Ma non finisce qui: le diossine filtrano anche nel terreno, inquinando le falde acquifere e il cibo che mangiamo tutti i giorni quindi nessuno può dirsi al sicuro da queste sostanze”.

Il fatto che in alcune località la popolazione abbia accolto con favore i termovalorizzatori, e ci conviva tranquillamente, non significa dunque che i problemi del loro utilizzo siano definitivamente superati. L’apprezzamento dipende invece da due fattori principali: il primo è che si vedono i vantaggi e si tende a sopravvalutarli, dimenticando gli aspetti negativi; il secondo è che ci si lascia risucchiare, in linea con lo schema dialettico adottato da Salvini, nella logica del male minore: visto che le discariche sono alla saturazione, e poiché gli inceneritori non restituiscono alcun beneficio, ci teniamo i termovalorizzatori. E ne siamo anche contenti.

Quello che non si capisce, alle solite, è che la chiave di volta è altrove. È nel riformulare il problema nei suoi elementi costitutivi: anziché produrre quantità immani e incontrollate di rifiuti, per poi doverli eliminare, bisogna produrne molti di meno e rendere il riciclo dei materiali una prassi costante.

DOMANI:

La situazione in Italia e nel Lazio. I costi, le prospettive, i rischi

Leggi anche:

Dove andranno a finire, i rifiuti della Regione Lazio

Colleferro e Valle del Sacco: salute e fertilità nelle aree inquinate

Quel gran furbo di Salvini


ARTICOLI CORRELATI
Lo smaltimento dei rifiuti ospedalieri infettivi, un “modello” tutto italiano
Distruggere gli scarti è un modo vecchio di ragionare. La rivoluzione, possibile, è produrne meno e riciclare tanto
Risultati poco confortanti quelli delle analisi di Arpa Lazio
I PIU' LETTI IN AMBIENTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
“Finalmente”, anche in Italia, l'attesissimo e controverso documentario sul Megalodon
3
AMBIENTE Squalo! Squalo!
Con le spiagge della domenica affollate dai bagnanti torna “l'incubo degli squali” tra avvistamenti veri e presunti
4
Nuova spedizione in Sud Africa del fotografo naturalista Remo Sabatini dedicato al predatore dei mari
5
C’è anche una italiana tra i volontari animalisti arrestati alle isole Faroe mentre prosegue la mattanza dei globicefali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]