Lunedì 10 Dicembre 2018 ore 16:47
SERIE A
Il Frosinone esce sconfitto da San Siro, l'Inter passa 3-0
Dopo una striscia di 4 risultati utili consecutivi il Frosinone torna a perdere, queste le parole del tecnico: "Mi interessava vedere una squadra che mantenesse un certo livello di prestazione"

Nuova sconfitta - Si sapeva che sarebbe stata una partita difficile, ai limiti del proibitivo, quella che aspettava il Frosinone in quel di San Siro; di contro c'era l'Inter di mister Luciano Spaletti che doveva ritrovare il successo dopo il brutto crollo di Bergamo. 

Nonostante la sconfitta sonora arrivata per tre reti a zero il tecnico dei ciociari Moreno Longo si ritiene soddisfatto della prestazione dei nella prima ora di gioco, ecco le sue dichiarazioni rilasciate al sito ufficiale del Frosinone Calcio:

E’ finita 3-0 ma per 60’ si è visto il Frosinone delle precedenti 4 giornate.

“Questo mi conforta. Non era facile riprendere dopo la sosta contro l’Inter che aveva delle motivazioni particolari. Abbiamo creato anche i presupposti per andare a pareggiare la partita. E’ chiaro che la loro qualità quando le forze vengono meno, emerge. Ma dobbiamo continuare a crescere, le partite durano sempre 95’ e non bisogna mollare”.

Bisogna ripartire da quel Frosinone che è sicuramente cambiato. Anche se è chiaro che non devi fare necessariamente punti a San Siro.

“Noi dalla quinta-sesta giornata abbiamo offerto prestazioni sicuramente diverse. Arrivavamo da questa rivoluzione estiva che ci ha creato diverse problematiche, alle quali andava aggiunto anche l’adattamento alla categoria. E tutto questo mi fa ben sperare in prospettiva. Mi interessava oggi vedere una squadra che mantenesse un certo livello di prestazione. Che però dobbiamo far salire già da domenica prossima a 95’”.

 

Quindi il tecnico giallazzurro è passato a Radio Rai.

Si è visto un buon Frosinone fino al 2-0. Siete passati dal potenziale 1-1 al 2-0 per l’Inter. Li avete fatte soffrire per almeno 60’.

“Sotto questo aspetto è stata una buona prestazione. Fino a quando siamo rimasti in partita il Frosinone ha fatto quello che avrebbe dovuto fare qui a Milano. Abbiamo costruito anche la palla dell’1-1. E’ normale che quando prendi il 2-0, l’Inter ha preso a giocare sul velluto e quando le forze sono venute meno nell’ultimo quanto d’ora abbiamo concesso l’opportunità di chiudere la partita. In quel frangente potevamo far meglio, anche in un momento di sofferenza dovevamo concedere meno. Ho visto comunque un buon Frosinone, una squadra viva che è venuta qui a giocare con coraggio”.

Non deve essere stato facile per lei amalgamare una squadra nuova. Però piano piano il lavoro sta pagando…

“E’ merito dei ragazzi che si sono messi a disposizione. Sta migliorando la coesione di gruppo che quella organizzativa di squadra. Ad oggi abbiamo superato le difficoltà ma non dobbiamo cullarci su quello che abbiamo fatto. Il percorso sarà lungo e difficile fino alla fine. E se conosciamo qual è il nostro percorso e sappiamo come affrontarlo, diventa un vantaggio per noi”.

Nel finale l’Inter ha avuto un altro passo rispetto al Frosinone. Da cosa è dipeso?

“E’ una questione di struttura fisica. Contro questa Inter era impensabile tenere quei ritmi che loro attuano con grande naturalezza. Si parla di giocatori che hanno un motore diverso e nell’economia della partita, quando i minuti passano sono giocatori che rispetto ai nostri fanno meno fatica. Ti costringono quindi a lavorare di più, ti costringono a fare più metri nella stessa azione e nel finale si tende ad aumentare questo divario fisico”.

 

Infine la conferenza per i cronisti della carta stampata.

“L’Inter era quella che ci aspettavamo, una grande squadra che sapeva di non poter sbagliare. La loro grande forza è stata quella di aver fatto due gol in momenti perfetti a loro favore. Dopo 10’ e nel momento della ripresa in cui noi avevamo approcciato bene. Ma mi tengo la personalità del Frosinone in quei 60’”.

Il cambio del modulo quanto ha pesato?

“Non credo che oggi sia da addebitare al cambio di modulo la sconfitta”.

La scelta di Crisetig che non giocava da tantissimo tempo?

“Lo abbiamo scelto perché Maiello è diffidato e non potevamo assolutamente rischiare di perderlo per la partita di Cagliari domenica prossima. Sarebbe stata negligenza, in quei momenti devi guardare anche oltre”.

Avrebbe fatto altri cambi rispetto a quelli che ha fatto? E magari l’ingresso anticipato di Campbell?

“Cassata lo abbiamo tolto perché era ammonito, un cambio forzato. Beghetto anche era ammonito e c’era il rischio che dovesse fare ancora fallo e così abbiamo preferito mettere Ghiglione, dirottando Zampano dalla parte opposta. Gli faccio i complimenti, Ghiglione è un ragazzo che sta vedendo per la seconda o terza volta la serie A e lo ha fatto a San Siro in maniera ottima. Campbell il minutaggio che poteva avere non era più di 15’. Sapevamo che era stanco. Magari ci aspettavamo che potesse darci qualcosa nelle ripartenze e di conseguenza Ciofani e Pinamonti ci davano prestanza al cospetto di De Vrij e Skriniar che sono quasi due robot”.

Cosa cambia questa sconfitta?

“Nella nostra strada non deve cambiare nulla. Anzi deve aumentarci consapevolezza ed autostima. Non dobbiamo farci togliere fiducia da una sconfitta a Milano con l’Inter. Adesso dobbiamo continuare a lavorare con grande serenità”.

Cosa le lascia questa partita in eredità?

“Ci lascia la convinzione di aver perso una partita contro una grande squadra ma di aver fatto anche delle ottime cose. E se le fai a Milano puoi farle anche contro altre squadre”.

Cosa manca al Frosinone per fare il salto di qualità?

“Questa squadra il salto di qualità lo ha già fatto. Anche se abbiamo un sacco di cose da migliorare e lo vedo quotidianamente dalle risposte che danno i ragazzi”.

Oggi l’Udinese ha vinto: c’è il rischio di rimanere in 4-5 a lottare?

“Rispetto allo scorso anno la lotta è livellata verso l’alto. Indipendentemente da quante rimarranno dovremo esser bravi a restare attaccati al carro-salvezza”.

Un giudizio su Pinamonti?

“Una buona partita la sua. Ha lottato, si è impegnato pur nelle difficoltà in questa partita per un attaccante del Frosinone. Mi piace il suo atteggiamento e la sua predisposizione al lavoro”.

Adesso il Cagliari - Archiviata la sconfitta con l'nter il Frosinone si butta a capofitto in quella che sarà la prossima sfida di campionato, nell'occasione allo Stirpe arriva il Cagliari e per i ciociari scatta l'obbligo dei 3 punti per rimanere attaccati al treno salvezza. Un grande aiuto dovrà arrivare dal pubblico dello stadio amico sempre stracolmo in ogni ordine di posto nella maggior parte delle gare casalinghe, la gente presente allo stadio dovrà essere il dodicesimo uomo in campo nel sostenere la squadra e guidarla verso la vittoria. 

 

 


ARTICOLI CORRELATI
Seconda sconfitta di fila per la Lazio che dopo il KO contro la Fiorentina cade in casa contro l’Inter per 1-3 e rischia di perdere il quarto posto in classifica
La Roma batte il Pescara in trasferta per 1-4 e guadagna punti sul Napoli, adesso a meno quattro in classifica
La Lazio batte la Roma 1-3 nel derby della Capitale grazie alla doppietta di Keita e la rete di Basta
I PIU' LETTI IN SPORT I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La Roma batte il Pescara in trasferta per 1-4 e guadagna punti sul Napoli, adesso a meno quattro in classifica
2
Seconda sconfitta di fila per la Lazio che dopo il KO contro la Fiorentina cade in casa contro l’Inter per 1-3 e rischia di perdere il quarto posto in classifica
3
Stasera torna il Derby del Cuore. Attori, cantanti e calciatori di Roma e Lazio si sfidano per solidarietà
4
Arriva il fischio finale, finisce in pareggio la grande sfida al San Paolo. Il Napoli è più tambureggiante in attacco, ma non trova il gol
5
Il giocatore era rientrato dal Pescara, che ha acquistato la metà di Caprari
1
Il gol del pari arriva all'ultimo minuto da Saponara
2
Partita iniziata subito male con il gol di Zielinski in avvio, la zona salvezza si allontana
3
I capitolini non riescono quasi mai a prendere il comando della partita, ma notizie positive arrivano dagli altri campi
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency