Martedì 31 Marzo 2020 ore 00:17
LA FABBRICA DEL FANGO
Di Maio e gli altri padri "birichini": non tutti i casi sono uguali
La regola generale è quella della responsabilità personale e vale per tutti. Ma poi c’è da distinguere

La premessa è ovvia. O dovrebbe esserlo. Le colpe dei padri non ricadono sui figli. Se un genitore compie delle scorrettezze, o persino dei reati, la responsabilità è e rimane esclusivamente sua. A meno che, si intende, non sia possibile dimostrare – o se non altro sospettare con qualche buon indizio a puntellare la congettura – che i figli chiamati in causa fossero informati di quegli atti. Divenendo perciò, se non proprio conniventi, quantomeno omertosi.

Detto questo, però, non tutti i casi sono uguali. E quindi, per entrare nello specifico, è sbagliato assimilare senza ulteriori distinguo il caso di Luigi Di Maio a quello di Matteo Renzi, o di Maria Elena Boschi.

Maria Elena Boschi, Matteo Renzi, Luigi Di Maio: diversi i padri, diverse le accuse. E diverse le implicazioni

Dove sta la differenza?

Sta nella natura delle violazioni commesse, o ipotizzate. Un conto è che si tratti di qualcosa che non ha e non può avere nulla a che fare con l’attività politica dei figli, come i pagamenti ‘in nero’ di un minuscolo imprenditore edile come Antonio Di Maio. Altro (ben altro) è che le accuse si vadano ad appuntare su operazioni di cospicuo valore economico che rimandano a quei grovigli di corruzione e compiacenza che sono tipici della politica italiana. Come il ‘traffico di influenze illecite' per Tiziano Renzi. Come gli abusi bancari per Pierluigi Boschi.

Certo: la cautela dovrebbe essere d’obbligo sempre e comunque. Ma per accadimenti come quello di Antonio Di Maio non si tratta solo di evitare conclusioni affrettate e, nell’attesa di ulteriori sviluppi, di non confondere la posizione dei padri con quella dei figli.

Si tratta di astenersi proprio dal fare l’accostamento, per il semplicissimo motivo che è del tutto infondato.


ARTICOLI CORRELATI
Le accuse, si fa per dire, si aggravano: gli operai pagati in nero sarebbero ben quattro. Le Iene ci ricamano su e il teatrino prosegue imperterrito
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Il primo cittadino "sono stato totalmente esautorato delle funzioni che mi ha conferito il popolo eleggendomi"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 12:04:28
2
"In arrivo 20 milioni per buoni spesa alle famiglie che hanno bisogno"
Data di pubblicazione: 2020-03-30 10:10:39
3
"Vogliamo estendere l'esame dei tamponi a tutta la popolazione, verificare come si muove il virus e contribuire alla ricerca scientifica"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 15:50:13
4
"Ad Anzio abbiamo iniziato a fare da soli, stanziando subito 1 mln di euro per aiutare chi ha bisogno ed oltre 7 milioni per la ripresa economica"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 12:49:21
5
"Non giriamo il volto dall'altra parte. Ci sono tante sofferenze materiali per chi ha e già aveva difficoltà per l'approvvigionamento di generi alimentari e farmaceutici"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 12:58:23
1
L’ordinanza è rivolta a tutti gli esercizi la cui apertura è attualmente autorizzata, fatte salve le farmacie
Data di pubblicazione: 2020-03-17 20:29:58
2
Il primo cittadino "sono stato totalmente esautorato delle funzioni che mi ha conferito il popolo eleggendomi"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 12:04:28
3
Lo stabilisce un’ordinanza dei Ministri dell’Interno e della Salute. Le eccezioni riguardano comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o motivi di salute
Data di pubblicazione: 2020-03-22 17:59:41
4
"Gli operatori vengono costantemente monitorati, stiamo utilizzando i termoscanner, c'è stata una riduzione degli orari di lavoro e la sanificazione del mercato"
Data di pubblicazione: 2020-03-23 09:28:49
5
Lo dichiara Eleonora Mattia replicando al video che circola in rete, relativo alla presunta intenzione di donare l'ex struttura ospedaliera a delle Ong
Data di pubblicazione: 2020-03-18 15:05:05
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]