Lunedì 09 Dicembre 2019 ore 22:05
SANITA' E LAVORO
Cup Lazio, domani sciopero degli amministrativi e manifestazione a Roma
Domenico Teramo dell'esecutivo nazionale Cobas Lavoro Privato: "Non si risana la sanità del Lazio sulla pelle di migliaia di lavoratori"

Prosegue la protesta dei lavoratori del CUP, il Centro Unico di Prenotazione regionale. Domani, mercoledì 27 novembre, è in programma uno sciopero degli amministrativi e una manifestazione a via Molise, dove ha sede il Ministero dello Sviluppo Economico.


Domani sciopero degli amministrativi del Cup Lazio

"La giunta Zingaretti - afferma Domenico Teramo, dell'esecutivo nazionale Cobas Lavoro Privato - dichiara di voler tutelare il personale degli appalti, ma continua a negare l'evidenza di una gara illegittima, nata male e finita peggio, che sta segnando pesantemente il reddito e la dignità di lavoratrici e lavoratori". 


Cup, domani sciopero e manifestazione a Roma

"Tutela occupazionale - aggiunge Teramo - significa nessun taglio di posti di lavoro, nessuna riduzione dell'orario settimanale, rispetto dei livelli di inquadramento gia' applicati nelle società uscenti, mantenimento dell'anzianità acquisita in anni di lavoro svolto". "Inoltre - dichiara il sindacalista -, il taglio del 10% dell'orario settimanale è già avvenuto nel cambio appalto dei servizi amministrativi della ASL Roma 2, tagli variabili tra il 16% al 33% presso il Policlinico Tor Vergata, mentre ulteriori tagli orari sono previsti nei servizi CUP della ASL Roma 2 e nel servizio di call center ReCUP, senza dimenticare che la stragrande maggioranza dei dipendenti, e non per scelta propria, ha già contratti part-time. La riduzione ulteriore del parametro orario non garantirebbe a ognuno di loro un reddito sufficiente ad assicurare a sè e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa".


Domani sciopero e manifestazione a Roma degli amministrativi del Cup 

Secondo Teramo, "l'assessore al Lavoro della Regione Lazio, Di Belardino, derubrica il tutto ad una questione di trattativa sindacale tra le parti, alla quale la Regione si sente estranea. In verità, l'errato inquadramento è originato da un bando di gara a scritto male e da una errata valutazione delle offerte della Commissione esaminatrice. Tardiola, D'Amato e soprattutto Zingaretti dovrebbero ammettere di aver sbagliato e, a tutela del personale precario coinvolto, azzerare tutto, in ossequio del vecchio agio 'Solo i cretini non cambiano mai idea'. Invece, continuano indifferenti a lavarsene le mani. Non si risana la sanità del Lazio sulla pelle di migliaia di lavoratori e su quella delle loro famiglie".

 

Leggi anche:

Lazio. Vertenza Cup: alla Pisana sit-in di protesta dell’UGL

Sanità Lazio, 8 e 9 novembre sciopero dei lavoratori Cup


ARTICOLI CORRELATI
Domenica Teramo (Cobas): "La giunta Zingaretti continua a non comprendere quanto stanno rivendicando da oltre due mesi i lavoratori del sistema sanitario della Regione Lazio, precari da decenni"
"Non permetteremo che servizi primari per le persone come i centri di prenotazione siano messi a rischio"
Stabiliti punti fermi di un accordo di programma per rilancio sistema del lavoro locale di Rieti
I PIU' LETTI IN ECONOMIA
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]