Giovedì 13 Dicembre 2018 ore 12:34
AUTOLESIONISMI
Sanzioni alla Russia: il nostro export di cibo ha già perso un miliardo
I calcoli sono di Coldiretti e riguardano i quattro anni dall’inizio dell’embargo. Ma i danni reali sono ancora maggiori

Ma è davvero un nostro nemico, la Russia di Putin? Un nemico dell’Europa e dell’Italia? O è piuttosto un nemico degli USA e noi ci stiamo comportando, per l’ennesima volta, come dei servi sciocchi?

A rilanciare tutte queste domande, sia pure in modo implicito, è lo studio di Coldiretti sulle ripercussioni dell’embargo contro Mosca. Un provvedimento che venne adottato quattro anni fa, con il decreto n. 778 del 7 agosto 2014, e che in seguito è stato ripetutamente confermato. Il ‘casus belli’ fu il dissidio tra Russia e Ucraina, divampato allora e mai più ricomposto. Al contrario: proprio in questi ultimi giorni si sta rinfocolando, rendendo pressoché certo il perdurare di un atteggiamento ostile da parte della UE.

E quanto ci costa, a noi italiani, tutta questa rigidità? Coldiretti ha tirato le somme e ha fornito il totale: solo nel comparto agroalimentare, che è quello di competenza dell’Associazione, il ‘conticino’ assomma già alla considerevole cifra di un miliardo. Dalla frutta alla verdura, dai formaggi alla carne, dai salumi al pesce. E chi più ne ha più ne metta. Anzi ne tolga, visto che ci hanno vietato di esportarli.

In aggiunta, oltre ai danni che si possono calcolare, ce ne sono altri la cui quantificazione esatta è impossibile. Ma che trascurabili non sono di sicuro. Al primo posto c’è l’impatto negativo sull’immagine del ‘made in Italy’: nel vuoto che si è determinato per il venir meno dei nostri prodotti, lo spazio è stato occupato dai surrogati che si spacciano per quello che non sono. Usurpando le denominazioni autentiche, e il fascino genuino, attraverso il noto escamotage del cosiddetto ‘italian sounding’: i nomi riecheggiano quelli originali, o li imitano spudoratamente, e traggono in inganno il consumatore.

Più limitato, ma non irrilevante, è il contraccolpo sui ristoranti italiani in territorio russo: non potendo contare sugli ingredienti nostrani, devono arrangiarsi pure loro con i succedanei che riescono a trovare.

Russia e non solo: le sanzioni boomerang

Come sottolinea giustamente Coldiretti, si tratta di un costo insostenibile. E, aggiungiamo noi, insensato. Specialmente nei confronti di un grande Paese come la Russia, le sanzioni commerciali sono un atto di puro autolesionismo. Il classico caso in cui i politici si fanno belli a spese dei cittadini. Loro si ergono a giudici delle nazioni invise, impartendo la ‘lezione’ ai cattivi di turno, e se ne strafregano delle conseguenze interne. Come anche della sostanziale inutilità di queste misure come arma di pressione: non è che se non arrivano i tortellini o il culatello o la ‘nduja il Cremlino decreta lo stato d’emergenza e invoca pietà.

Coldiretti pone il problema dal suo punto di vista, ma la questione riguarda anche tutti gli altri settori dell’export italiano. E sarebbe bene che le relative associazioni si muovessero anche loro, a suon di cifre e di proteste.

Leggi anche:

Regione Lazio: altri 12 milioni per l’agricoltura biologica

Riparte l’allarme vaccini. Ma il Lazio è oltre il 95%

In questo andiamo forte: + 138% delle trombe d’aria, in novembre

 


ARTICOLI CORRELATI
Il presidente della Repubblica presente alle celebrazioni per i 70 anni dai bombardamenti
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
La durata dei processi nel Belpaese nel 2015 è stata pari a 393 giorni, contro i 395 del 2010
I PIU' LETTI IN ECONOMIA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In Italia c’è ovunque un fritto di tutto rispetto: vi parleremo del fritto piemontese, bolognese, romano e napoletano
2
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
3
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
4
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
5
Chiara Moro: "Non è un fatto così eccezionale. Mio padre già nel 2012 aveva deciso di pagare l’IMU ai dipendenti"
1
Smo-King nasce dalla passione per il settore e dalla continua voglia di crescere e migliorarsi
2
Il 2018 è l’anno in cui torna a calcare le scene un prodotto Pirelli che ha fatto la storia del marchio, gli pneumatici Stella
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency