Martedì 18 Giugno 2019 ore 04:58
LEGITTIMA DIFESA
Armarsi e sparare, o starsene buoni. Il dilemma del cittadino aggredito
L’ultimo caso è quello di Fredy Pacini. Che per Roberto Saviano ha fatto male: meglio subire, che uccidere

Ci riguarda? Sì, ci riguarda. Il dibattito sull’uso delle armi per difesa personale, da parte di noi cittadini "qualsiasi", non è una questione campata per aria. E accanto agli aspetti etici, che sono tanti, ci sono quelli pratici, che non sono certo di meno.

Ogni volta che qualcuno reagisce sparando ai criminali di turno, e un ladro o un rapinatore ci lascia la pelle, la discussione si riaccende. Quelli favorevoli si schierano compatti dalla parte di chi non si è lasciato derubare/aggredire ed è arrivato ad ammazzare. Essendo arcistufi dei discorsi altisonanti, e inconcludenti, sullo Stato che è l’Unico e il Solo a dover garantire l’ordine pubblico, altrimenti diventa tutto un Far West, non si lanciano in complesse disquisizioni teoriche e vanno dritti al sodo: lo sparatore ha fatto bene, non se ne può più, ma quale processo, dovrebbero dargli una medaglia.

Dalla parte opposta, invece, ci sono quelli che sono contrari per principio. Quelli che rabbrividiscono al solo pensiero di una situazione del genere e che, perciò, fanno di tutto per escluderla a priori. Come? Esorcizzandola. Tentando di avvilupparla in una rete di ‘ottimi’ motivi per cui sarebbe meglio non pensarci nemmeno, ad avere una pistola o un fucile e ad usarli in caso di aggressione. Un po’ si volta alto: con gli  alati richiami alla sacralità della vita (del delinquente). Un po’ si cammina raso terra: con le prosaiche sottolineature dei rischi e delle conseguenze. I rischi ai quali ci si espone ingaggiando conflitti a fuoco con i delinquenti, che in quanto tali sono più avvezzi alla violenza e quindi (miodio!) si potrebbero incattivire ancora di più. E le conseguenze, sia giudiziarie sia interiori: non è detto che il giudice riconosca la legittima difesa, la vicenda andrà sicuramente per le lunghe, e comunque, dentro di sé, si porterà il peso, tremendo, dell’omicidio compiuto.

Svolazzo più, svolazzo meno, è quello che ha scritto ieri Roberto Saviano su Repubblica.

Fredy Pacini “è un imprenditore, non un criminale”

Potrebbe bastare questo passaggio, nell’articolo intitolato ‘La pistola che distrugge due vite’ e firmato dall’autore di Gomorra e di Zero Zero Zero, a sintetizzare l’errore di approccio. La prospettiva fuorviante di chi inorridisce ogni volta che qualcuno si difende armi in pugno.

L’equazione sballata è che criminali e vittime diventino un tutt’uno, se entrambi si muniscono di pistole o fucili e sono pronti a sparare. E altrettanto sballato è attribuire un inevitabile tormento interiore a chi abbia ucciso qualcuno, a prescindere dalle circostanze, e dalle ragioni, che hanno portato a quel tragico evento.

Saviano drammatizza. E nel farlo generalizza. Scrive: “Quello che nessuno vi dice ora è che, anche se hai paura e ti vuoi difendere, anche se sei stato vittima di ripetute ingiustizie, uccidere ti cambia la vita, pensare che sei dovuto arrivare alle estreme conseguenze per difendere ciò che è tuo è un pensiero insopportabile per chiunque”.

Ma è davvero così? Lo è per tutti – per tutti in quanto esseri umani – o dipende invece dal fatto che gli odierni stili di vita tendono a renderci rammolliti e infantili?

L’errore di Saviano e di quelli come lui è tutto qui. È nel dare per scontato che non si possa essere allo stesso tempo pacifici, in tempo di pace, e guerrieri, in tempo di guerra. Assolutamente miti, laddove non si venga aggrediti, e risolutamente combattivi, quando l’aggressione vi sia.

Possedere delle armi, e saperle maneggiare, ed essere determinati a utilizzarle fino alle estreme conseguenze, non avvicina di un millimetro l’uomo onesto al criminale. Perché la differenza non la fa l’essere armati oppure no. La differenza – e c’è da chiedersi come si faccia a non capirla – è tra chi vuole sopraffare gli altri con la violenza e chi non se lo sogna nemmeno.

Leggi anche:

Achille Serra: “Immigrazione? Emergenza gestita malissimo in Italia”

Camera. Via libera al ddl sulla legittima difesa

Adolescenti: il piacere del rischio estremo

 


ARTICOLI CORRELATI
La prima serie è stata replicata ieri sera per la prima volta in chiaro su Rai 3 dopo un'introduzione di Roberto Saviano
Il dialogo e l'intelligenza restano le sole armi che possono davvero avere effetto. Gli opposti non si incontreranno mai
Una prefazione di Roberto Saviano, una canzone di Marco Ligabue con il rapper di Lucariello
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Eleuteri, 67 anni, era uno dei feriti dell'esplosione dello scorso 10 giugno nel palazzo del Comune

2
Gli investigatori hanno passato al setaccio alcune telecamere che potrebbero avere inquadrato gli autori della rapina
3
La vittima, di 24 anni, era uno degli ospiti della cooperativa Arteinsieme di Itri
4
Intorno alle 20:00 un'imbarcazione privata è esplosa nella rimessa in via del Faro
5
Trasportato d'urgenza stamattina all'ospedale Santo Spirito è ricoverato in rianimazione
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]