Domenica 17 Novembre 2019 ore 23:04
DIPENDENTI PUBBLICI
La proposta del ministro Giulia Bongiorno contro la lingua inglese
La titolare del dicastero della Pubblica Ammnistrazione punta il dito contro l'utlizzo della lingua inglese, che ostacolerebbe i processi di innovazione

Basta con la lingua inglese nella pubblica amministrazione. Può essere riassunta così la proposta del ministro dell P.A. Giulia Bongiorno avanzata durante il convegno nazionale "Digital Italy 2018", che si è svolto a Roma dal 26 al 28 novembre.


Il ministro Giulia Bongiorno contro l'uso dell'inglese nella P.A.

L'uso di termini stranieri, secondo il minstro, metterebbe in difficoltà gli impiegati pubblici e quindi renderebbe più difficile la trasformazione dei processi, impedendo in parte l'innovazione digitale nella pubblica amministrazione.


Giulia Bongiorno, ministro della P.A., al convegno "Digital Italy 2018"

Il convegno a cui ha preso parte Giulia Bongiorno ha rappresentato anche un'occasione di confronto con gli altri paesi europei. L'Italia, secondo i dati del report OCSE "Government at a Glance" è tra i 32 paesi membri quello con la più bassa percentuale di dipendenti sotto i 35 anni (2% contro la media OCSE del 18%) e quello con la più alta percentuale di dipendenti sopra i 54 anni (45% contro la media OCSE del 22%).

 

Leggi anche:

Come scegliere il miglior corso di Inglese a Roma

L'importanza di certificare la lingua inglese


ARTICOLI CORRELATI
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
Professore Emerito dal 1998, Daniele Sette ha dato lustro al mondo della fisica italiana
Sul progetto "Torno Subito": è il segnale che le cose cambiano in meglio
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
La Calabria sempre più martoriata, che cammina lentamente e con la retromarcia innestata, vive una situazione pre-elettorale all'insegna del caos e di maggiore povertà
Data di pubblicazione: 2019-11-08 11:41:22
2
Fa discutere la proposta del Partito Democratico di dotare le Forze dell'ordine di numeri identificativi e bodycam. In Europa è già in vigore in 20 Paesi su 28. L'appello del Parlamento europeo e dell'ONU
Data di pubblicazione: 2019-11-02 14:07:08
3
La decisione è stata presa a seguito di alcune minacce sul web e dello striscione di Forza Nuova
Data di pubblicazione: 2019-11-07 10:14:13
4
Per il ministro degli Esteri la Lega ha preferito fare gli interessi di partito evitando, quando era al governo, di elaborare una manovra finanziaria
Data di pubblicazione: 2019-11-12 06:26:38
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]