Venerdì 19 Aprile 2019 ore 20:19
DIPENDENTI PUBBLICI
La proposta del ministro Giulia Bongiorno contro la lingua inglese
La titolare del dicastero della Pubblica Ammnistrazione punta il dito contro l'utlizzo della lingua inglese, che ostacolerebbe i processi di innovazione

Basta con la lingua inglese nella pubblica amministrazione. Può essere riassunta così la proposta del ministro dell P.A. Giulia Bongiorno avanzata durante il convegno nazionale "Digital Italy 2018", che si è svolto a Roma dal 26 al 28 novembre.


Il ministro Giulia Bongiorno contro l'uso dell'inglese nella P.A.

L'uso di termini stranieri, secondo il minstro, metterebbe in difficoltà gli impiegati pubblici e quindi renderebbe più difficile la trasformazione dei processi, impedendo in parte l'innovazione digitale nella pubblica amministrazione.


Giulia Bongiorno, ministro della P.A., al convegno "Digital Italy 2018"

Il convegno a cui ha preso parte Giulia Bongiorno ha rappresentato anche un'occasione di confronto con gli altri paesi europei. L'Italia, secondo i dati del report OCSE "Government at a Glance" è tra i 32 paesi membri quello con la più bassa percentuale di dipendenti sotto i 35 anni (2% contro la media OCSE del 18%) e quello con la più alta percentuale di dipendenti sopra i 54 anni (45% contro la media OCSE del 22%).

 

Leggi anche:

Come scegliere il miglior corso di Inglese a Roma

L'importanza di certificare la lingua inglese


ARTICOLI CORRELATI
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
Professore Emerito dal 1998, Daniele Sette ha dato lustro al mondo della fisica italiana
Sul progetto "Torno Subito": è il segnale che le cose cambiano in meglio
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
Abbiamo nostalgia del fioretto, l'arma più fine della scherma che permetteva il colpo solo di punta
2
Maria Antonietta Di Gaspare ha rinunciato alla propria indennità per far sì che i bambini del comune possano avere uno scuolabus che li porti a scuola
3
"Io però mi posso occupare di ordine pubblico, non posso raccogliere l'immondizia o riparare metropolitane e buche"
4
La Procura di Latina ha chiesto e ottenuto il rito immediato a carico dei cinque indagati per gli immobili a Collina degli Ulivi
5
L'impegno preso dalla Commissione regionale è quello di redigere una delibera a tutela dell'ospedale
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]