Mercoledì 20 Marzo 2019 ore 21:10
TRADIZIONI NATALIZIE E PROFUGHI
Don Luca Favarin:''Non fate il presepe a Natale se siete con Salvini''
L'invito di un sacerdote padovano, Don Luca Favarin, a non fare il presepe per rispetto dei poveri

Aldo Cazzullo, editorialista del Corriere della Sera, nel suo ultimo libro, Giuro che non avrò più fame  (Mondadori, 2018), scrive che nel 1948 e per diversi anni a venire in Italia a Natale le famiglie non avevano e non conoscevano l’ usanza di fare l’albero. È di questi giorni, invece, l’invito di un sacerdote padovano, Don Luca Favarin, a non fare il presepe, simbolo della tradizione natalizia italiana, i motivi sono presto detti da lui stesso e piuttosto argomentati.

Affida a un  post sul suo profilo  Facebook quel che pensa riguardo all’antica tradizione: «Quest’anno non fare il presepio credo sia il più evangelico dei segni. Non farlo per rispetto del Vangelo e dei suoi valori, non farlo per rispetto dei poveri».

Le critiche sul web sono state numerosissime

In tanti su Facebook si sono scagliati contro le parole del sacerdote : ‘’ Quanta ipocrisia nelle sue parole, proprio i migranti che tanto difende hanno fatto si che nelle scuole vengano meno i simboli della Cristianità. Se cercava un momento di celebrità l'ha trovato!’’

‘’Lei è un predannato. Se anche lei è un prete che non crede più all’inferno, lei ha dinanzi un’orribile eternità. Non prova neppure paura (ora) nel meritarsi tale condanna. Quanto la commisero, compagno di Giuda’’.

E poi un altro: ‘’Muoviti...Vai in Vaticano. E iniziate a fare accoglienza, dateci l' esempio di vera cristianità -......non è che a non fare il presepio risolvete il problema...’’

Qualcuno lo sostiene: “Concordo con te, don Luca! Grazie per il tuo prezioso insegnamento’’.

Ma sono più i commenti negativi, talvolta anche offensivi, che i messaggi di solidarietà.

Qualcuna scomoda anche San Francesco e se la prende con i capelli lunghi del prete di Padova: '' Le ricordo signore che il primo presepe lo ha fatto San Francesco il sicuramente non deve prendere lezioni di povertà da nessuno. P. S. Si tagli i capelli, sarà pur vero che l'abito non fa il monaco ma sino ad un certo punto''.

Fare il presepio è ipocrita

Invitato in una trasmissione radiofonica di Radio Padova il parroco conferma: «Oggi fare il presepio è ipocrita. Il presepe è l’immagine di un profugo che cerca riparo e lo trova in una stalla. Esibire le statuette, facendosi magari il segno della croce davanti a Gesù bambino, quando poi nella vita di tutti i giorni si fa esattamente il contrario, ecco tutto questo lo trovo riprovevole».

Applaudire Salvini e il decreto Sicurezza e preparare il presepe è schizofrenia

Ribadisce la sua idea spirituale e politica contro la politica di Matteo Salvini e il decreto sicurezza: "Ci vuole una coerenza umana e psicologica. Applaudire il decreto sicurezza di Salvini e preparare il presepe è schizofrenia pura. Come dire: accolgo Dio solo quando non puzza, non parla, non disturba. Lo straniero che incrocio per strada, invece, non lo guardo e non lo voglio".

Poi continua paragonando Gesù bambino ai tantissimi poveri in tutto il mondo: "Credo che un Natale senza presepio sia più coerente con questa pagina volgare e infame della storia del nostro Paese. Va in scena il teatrino del Natale e poi si lascia morire la gente per strada. Vorrei ricordare ai cristiani che ci sono migliaia di Gesù-bambino in giro per le strade, sotto i ponti".

Qualcuno ha voluto strumentalizzare le dichiarazioni di Don Luca Favarin e ha accostato l’episodio alla discutibile scelta di una scuola elementare di Venezia in cui in una canzoncina di Natale veniva censurato Gesù bambino, ma non è possibile accostare le due vicende, soprattutto perché le parole di Don Luca Favarin sono corroborate dai fatti, dalla sua vita sempre in prima linea in difesa dei più deboli ed emarginati.

Chi è Don Luca Favarin e la sua vita dedicata al prossimo

Don Luca  nel 2012 ha lasciato la vita di prete di parrocchia per dedicarsi con tutta l’anima come responsabile della Diocesi di Padova prima alla tratta degli esseri umani e poi all'accoglienza dei migranti con la cooperativa Percorso Vita Onlus. Ha creato un sistema che dà lavoro e fiducia a molti profughi. Inoltre, ha aperto un ristorante etnico e un bar-fast food  gestiti da loro. Tutte le  pietanze sono preparate con verdura coltivata in due terreni  in cui i ragazzi originari dell’Africa subsahariana si sono messi alla prova coltivando patate, cavoli,  piantagioni di radicchio  e alberi da frutto dai quali con passione e dedizione  creano marmellate biologiche. Se non è un buon esempio di uomo di Dio questo, quale sarebbe? Forse una voce che desta le nostre imperturbabili coscienze ci fastidia?

La foto è presa dal profilo Facebook di Don Luca Favarin

 

Leggi anche:

Salvini di qua, Mimmo Lucano di là: il cristianesimo spot

Natale sta arrivando: regalatevi Parigi e l'Hotel Castille Foto 


ARTICOLI CORRELATI
Artena, un successo la prima serata di eventi! Ne seguiranno molti altri fino al 6 gennaio 2015
Il via l'11 dicembre: grazie alla sinergia tra Comune, associazioni, parrocchie e comitati si cercherà di ripetere, e magari migliorare, il successo dello scorso anno
Orgogliosi gli abitanti che per la quarta edizione hanno contribuito a rendere speciale la località alle porte di Roma in occasione delle festività
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato, con l’ausilio di un elicottero in azione
2
L'uomo sapendo di dover finire in carcere per un anno e mezzo si era allontanato dalla propria abitazione facendo perdere le proprie tracce
3
Nicola Orazi, noto imprenditore della zona, è caduto in un dirupo ed ha battuto la testa
4
Sono arrabbiati i papà separati che già devono sudare sette camicie per vedere rispettati i propri diritti
5
Etichettatura personalizzata e spedizioni in tutta Italia
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]