Domenica 19 Maggio 2019 ore 18:24
PRIMA GLI ITALIANI
Roma, Piazza del Popolo piena: il Capitano Salvini ha il vento in poppa
Il leader della Lega dice cose semplici in cui tantissimi si riconoscono. Perché non ne possono più dei personaggi alla Juncker

Martello e chiodi alla mano (in senso figurato, si intende) e fissiamo tre punti essenziali. Senza i quali non è possibile imbastire nessun ragionamento degno di tal nome.

Il primo è che Matteo Salvini continua a rafforzarsi.

Il secondo è che questa ascesa è tutt’altro che un caso.

Il terzo è che chiunque voglia parlarne sul serio deve capire bene quali sono le idee, e le emozioni, che si stanno muovendo. Perché queste ideemozioni sono potenti, e radicate in profondità, e inconciliabili con la paccottiglia fintobuonista in stile PD.

Il filo conduttore è un convincimento diffuso. O persino dilagante. È il convincimento, di per sé sacrosanto, che alle classi dirigenti in stile Juncker, e Napolitano, e Gentiloni, della popolazione in carne e ossa non gliene freghi assolutamente nulla. Se non per mantenerla al servizio dei loro piani di egemonia economico-burocratica.

Su questa percezione, a meno di essere del tutto ottusi o addirittura conniventi con quei disegni, è impossibile dissentire. L’atteggiamento di quel tipo di personaggi – di cui Mario Monti e la Fornero furono gli esempi più smaccati – si riassume in due frasi: voi non capite e noi sì; quindi noi dobbiamo decidere e voi dovete ubbidire. Poi, a seguire, si sono le conseguenze pratiche: oltre a ubbidire lo dovete fare di buon grado, lavorando sodo e senza rivendicare chissà quali diritti, di retribuzione o di pensione o altro. Se ci saranno i soldi per pagarvi decentemente, bene. Se non ci saranno, amen. E dunque state zitti e dateci dentro. E diteci pure grazie che non vi facciamo fare la fine della Grecia.

C’è da sorprendersi, allora, che dai e dai un sacco di persone si siano rotte i coglioni e stiano rialzando la testa?

Roma, Piazza del Popolo: il grande abbraccio al Capitano

Matteo Salvini è in sintonia con questo risveglio. E quando diciamo ‘in sintonia’ vogliamo dire, anzi sottolineare, che il legame è molto più istintivo che concettuale. È un incontro reciproco e appassionato. È identitario. E in questa chiave, avendo ormai accantonato le vecchie istanze secessioniste e padane, si riallaccia alla Lega Nord di Umberto Bossi.

Per rimanere sulla metafora militare, o sportiva, l’appellativo di ‘Capitano’ fa pensare a uno che non osserva dall’esterno le battaglie dei suoi ma è lì a combatterle con loro. In attesa, se le cose andranno per il meglio, di stringersi l’un l’altro nello stesso abbraccio.

Nel quadro attuale della politica italiana, dove Luigi Di Maio è certamente bravo ma risente non poco del fatto che continua a sembrare lo junior manager della Casaleggio e Associati, si tratta in assoluto del leader che dà maggiormente l’impressione di essere pienamente convinto di ciò che afferma. Mentre Renzi, ad esempio, si porta appresso quella sua aria furbetta e ammiccante – da democristiano 2.0 che, per quanto aggiornato e ‘smart’, sempre democristiano rimane – Salvini appare molto più schietto. Se invoca le ruspe è perché ci crede davvero. Se afferma il diritto a difendersi dai ladri armi in pugno è perché la pensa così. Se fa di tutto per fermare gli sbarchi dei clandestini, è perché non ne può più dell’invasione strisciante con la benedizione delle Boldrini di turno.

Che poi tutto questo abbia anche una funzione propagandistica, ed è chiaro che ce l’ha, non basta a far concludere che siano solo chiacchiere di facciata. I limiti di Salvini sono altri, e affondano nel suo aderire comunque a un’idea di economia liberista, incentrata sulla crescita del Pil e sullo sviluppo infinito a suon di Tav, ma se non altro sostiene che questa corsa la vogliamo fare a modo nostro. Rimanendo legati alla nostra storia e alle nostre usanze, che non devono piacere agli stranieri – acciocché si sentano più benvoluti e si possano integrare più volentieri – ma a noi stessi.

Come ha detto ieri Giancarlo Giorgetti, sottosegretario leghista alla Presidenza del Consiglio e a sua volta sul palco di Piazza del Popolo, “Non può esistere un governo che ha la fiducia  dei mercati, ma non del popolo”. Esatto. La vera domanda non è come si fa a rimanere dentro il perimetro degli Accordi di Maastricht o del Trattato di Lisbona, ma perché ci siamo lasciati rinchiudere in quelle gabbie.

Leggi anche:

Salvini, Spataro e il tweet che mette a rischio il blitz della polizia

Armarsi e sparare o starsene buoni: il dilemma del cittadino aggredito

La polemica tra Salvini e Mimmo Lucano: il cristianesimo ridotto a spot

 


ARTICOLI CORRELATI
Un’intesa che parte in chiave volontaria ma che spiana la strada a regole vincolanti. Alle quali finiremo inchiodati
Chiaro attacco dell'UE all'Italia col pretesto della manovra economica
L’ex presidente del Consiglio ed ex capo del PD prova a rilanciarsi e tuona: “Ci hanno portato in recessione”
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]