Sabato 07 Dicembre 2019 ore 15:59
SALUTE
Lazio, sanità privata. Venerdì 14 sciopero e manifestazione
Cgil, Cisl e Uil unite nella protesta contro le condizioni di lavoro e gli stipendi, inferiori a quelli del settore pubblico

Carichi di lavoro eccessivi, retribuzioni inadeguate, e addirittura comportamenti antisindacali da parte dei datori di lavoro.

Di negativo non manca nulla, nel quadro che viene tracciato dai promotori dello sciopero che è stato proclamato per venerdì prossimo, 14 dicembre, nel comparto della sanità privata del Lazio. A parlarne, come riporta l’Agenzia Dire, sono Natale Di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini, rispettivamente segretari generali di Fp-Cgil Roma e Lazio, Cisl-Fp Lazio e Uil-Fpl Roma e Lazio. Nel mirino, soprattutto Aris, l’Associazione religiosa istituti sociosanitari, e Aiop, l’ Associazione italiana ospedalità privata.

“Ogni lavoratore del settore – denunciano – ha perso ogni mese almeno 200 euro lordi, a cui si sommano la perdita di produttività, i costi della formazione totalmente a carico dei dipendenti e gli avanzamenti di carriera bloccati". La priorità, naturalmente, è quella retributiva che “deve essere risolta subito. E va recuperato il gap contrattuale con la sanità pubblica: allo stesso lavoro deve corrispondere stesso salario, stessi diritti e stesse tutele”.

Subito dopo, però, ci sono le modalità in cui i dipendenti si trovano a operare, tra disorganizzazione e sfruttamento. “In tante strutture, una lavoratrice o un lavoratore sono costretti a svolgere il compito di due o tre persone per lo stesso stipendio. Requisiti organizzativi e minimi assistenziali vanno rivisti. Pretendiamo equità per chi lavora e qualità delle cure per chi ha bisogno”.

Sanità privata Lazio: sciopero per “un nuovo contratto”

Se l’obiettivo è una revisione generale, “Vogliamo un nuovo contratto e nuove regole”, l’aspetto più inquietante è che diverse imprese starebbero cercando di sabotare il normale esercizio dei diritti sindacali: “si stanno verificando tentativi inqualificabili di impedire assemblee e iniziative informative nei posti di lavoro. Addirittura ci sono casi in cui si sta ricorrendo alla precettazione generalizzata degli operatori per sabotare lo sciopero. Ma i lavoratori non si faranno intimidire e noi non ci fermeremo”.

Lo sciopero di venerdì prossimo sarà accompagnato da una manifestazione pubblica, confidando nella comprensione, o addirittura nella solidarietà, da parte degli utenti. “È una condizione che non esiste in nessun comparto pubblico o privato. L'imprenditoria sanitaria si comporta come un pessimo datore di lavoro, e a rimetterci, oltre ai lavoratori, sono anche i servizi alla salute dei cittadini. Il 14 dicembre sarà sciopero e manifesteremo tutta la nostra rabbia e la nostra determinazione sotto la sede della Regione Lazio a cui chiediamo interventi concreti, regole e giustizia”.

Leggi anche:

Lazio. Vertenza Cup: alla Pisana sit-in di protesta dell’UGL

Riparte l’allarme vaccini. Ma il Lazio è oltre il 95%

Metodo Di Bella: il mondo ne riconosce il valore ma non cita la fonte


ARTICOLI CORRELATI
Sindacati molto soddisfatti. E tornano a denunciare le pressioni delle aziende sui lavoratori, affinché non aderissero
Il servizio sarà interrotto solo per 4 ore, dalle 11.30 alle 15.30
Cosentino (CISL): "Pronti a demolire atto unilaterale costruire contratto condiviso ed equo"
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]