Martedì 19 Marzo 2019 ore 18:27
VITTIME DEL 5 DICEMBRE
A Rieti i funerali delle vittime dell'esplosione a Borgo Quinzio FOTO
Ultimo saluto al vigile del fuoco Stefano Colasanti e al civile Andrea Maggi, morti nell'esplosione dell'autocisterna sulla Salaria

Si sono celebrati oggi nella cattedrale Santa Maria di Rieti i funerali del civile Andrea Maggi e del vigile del fuoco Stefano Colasanti, entrambi morti nell'esplosione avvenuta lo scorso 5 dicembre in un distributore di carburante sulla via Salaria a Borgo Quinzio, frazione di Fara in Sabina. Il feretro di Colasanti è partito dal comando dei vigili del fuoco di Rieti per arrivare nella cattedrale, dove è stato accolto da una folla commossa.


Rieti, l'ultimo saluto ad Andrea Maggi e Stefano Colasanti

Presenti in chiesa presenti il sindaco di Rieti Antonio Cicchetti e quello di Fara Sabina David Basilicata, il prefetto Giuseppina Reggiani e il questore Antonio Mannoni. "Stefano e Andrea - ha detto nell'omelia il vescovo Domenico Pompili - sono qui in silenzio a gridarci questa verità spesso censurata entrambi erano immersi nella loro quotidianità: Stefano andava a Monterotondo fuori servizio e Andrea era a casa. Quando all'improvviso sono stati richiamati dal fuoco di gas sulla Salaria. Sono stati attratti, risucchiati e, quindi, scomparsi. Il tutto nel breve volgere di qualche minuto. La vita è fragile ed imprevedibile, sottoposta a continui test di sopravvivenza, anche se ce n'è sempre uno che non si supera".


I funerali di Andrea Maggi e Stefano Colasanti nella cattedrale di Rieti

"Proprio l'imprevedibilità - ha spiegato il vescovo - fa la vita drammaticamente preziosa, al punto da non poterne sprecare alcun istante. Come Stefano che invece di tirar dritto si è fermato. Essendo, per altro, ben consapevole del rischio, anzi affrontandolo apertamente, pur di aiutare altri con la sua voce che gridava di scappare altrove. Anche Andrea si è mosso per andare da un suo amico, il cui luogo di lavoro era in fiamme. Anche lui poteva starsene tranquillo, a debita distanza, e invece si è ritrovato in mezzo al fuoco".


Il ricordo del collega di Stefano Colasanti, il vigile del fuoco morto a Borgo Quinzio

Struggente la lettera di un collega di Colasanti: "È Stefano - si legge - quello che non ce l’ha fatta, lo stesso che avevi incontrato con giacca elegante davanti al bar mentre veniva in caserma per Santa Barbara, al quale ridendoci su hai detto 'forzaaaaa, vatte a cambia che è tardi!', lo stesso che tutte le mattine ti chiedeva: 'caffe?', perché offriva sempre lui!, lo stesso delle sigarette dalla finestra dopo pranzo".


Funerali di Stefano Colasanti a Rieti, la lettera del collega 

"L’intervento più difficile di tutti - scrive il collega di Colasanti -, lo hai fatto fare a noi, mentre li in cerchio e attoniti provavamo a capire quale disegno c’è stato dietro a tutto questo, quando invece che sull’APS ti abbiamo dovuto far salire su un macchinone grigio, quando invece che con la mano molti ti hanno salutato con il segno della croce".

Leggi anche:

Esplosione Salaria a Borgo Quinzio: due morti, uno è un vigile del fuoco

Esplosione Salaria a Borgo Quinzio, le parole di Matteo Salvini


ARTICOLI CORRELATI
I feriti sarebbero 12. Via Salaria chiusa nel tratto interessato dall'incendio
Scontro tra due auto: un 70enne di Nerola elitrasportato a Roma. Gravi anche la moglie 62enne e una 23enne
Diciassette feriti, tre gravi. A provocare lo scoppio sarebbe stata un'autocisterna in fiamme
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
L'uomo sapendo di dover finire in carcere per un anno e mezzo si era allontanato dalla propria abitazione facendo perdere le proprie tracce
2
Nicola Orazi, noto imprenditore della zona, è caduto in un dirupo ed ha battuto la testa
3
Etichettatura personalizzata e spedizioni in tutta Italia
4
"Il nostro sistema nega ancora qualsiasi soggettività all'animale e punisce debolmente, con pene inefficaci i reati compiuti a danno degli animali"
5
Sono arrabbiati i papà separati che già devono sudare sette camicie per vedere rispettati i propri diritti
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]