Giovedì 19 Settembre 2019 ore 08:16
Strage di Strasburgo. Ucciso Cherif, in una sparatoria con la polizia
“Era un soldato dello stato islamico” scrive Amaq, l’agenzia di stampa dell’Isis, rivendicando l’attentato di martedì sera

Morto. Cherif Chekkat, l’uomo che martedì scorso ha sparato sulle persone che si aggiravano per il mercatino di Natale di Strasburgo (uccidendone tre e ferendone altre 13), è rimasto ucciso in un conflitto a fuoco con la polizia.

In realtà non era nemmeno riuscito ad abbandonare la città. Si era rintanato nel  quartiere di Neudorf, dove è cresciuto, e pare che si fosse nascosto in un magazzino. Sulla dinamica dei fatti le ricostruzioni non sono del tutto omogenee, ma stando a quella riportata dall’autorevole quotidiano parigino Le Mond risulta che Cherif sia stato intercettato da un nucleo delle forze speciali mentre camminava per strada, all’altezza del civico 74 di rue du Lazaret. Riconosciuto dagli uomini della BST, la Brigade spécialisée de terrain, ha estratto la pistola e si è messo a sparare.

Una mossa disperata che si è trasformata in un suicidio. I proiettili degli agenti lo hanno abbattuto senza che lui riuscisse a colpire nessuno.

Cherif “un soldato dello stato islamico”

Amaq, l’agenzia di stampa dell’Isis, lo ha prontamente ricordato: “Era un soldato dello stato islamico e ha portato avanti l'operazione per vendicare i civili uccisi dalla coalizione internazionale [in Siria]”.

Una definizione fin troppo altisonante: non solo perché lo accredita come un combattente al servizio di una causa ben precisa, ma perché si sforza di presentarlo come l’artefice di una missione specifica.

Più che un soldato in stile commando, Cherif sembra un altro ‘cane sciolto’ in cerca di rivalse personali. Un criminale radicalizzato che si è lasciato sopraffare dall’odio.

Leggi anche:

Strage di Strasburgo e ‘fiche S’. Cherif C. era monitorato, ma poi…

Attentato a Strasburgo. Antonio Megalizzi in coma, ma non si può operare

Spari al mercatino di Natale di Strasburgo: 3 morti e 12 feriti


ARTICOLI CORRELATI
In Francia sono ben 26mila, le persone che in teoria vengono seguite con particolare attenzione. Controlli che in molti casi rimangono sulla carta
Gravissimo il giornalista del consorzio universitario Europhonica: era in città per seguire l’assemblea plenaria dell’Europarlamento
Uno muore per caso e se ne fa un simbolo “di quella ‘meglio gioventù’, curiosa, aperta, solidale e europeista”
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Le nostre richieste sono rimaste inascoltate, asserragliati dietro a delle transenne, vigilati a vista come i peggior delinquenti dovevamo rimanere lontani dall'incontro
Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:51:37
2
Impatto in via Italia nella notte tra sabato e domenica
Data di pubblicazione: 2019-09-16 11:12:48
3
L'oggetto aveva la forma di un ordigno, ma era uno strumento per caricare i telefoni cellulari
Data di pubblicazione: 2019-09-17 11:16:37
4
L'indagine dei militari riguarda noti personaggi della malavita pontina
Data di pubblicazione: 2019-09-16 08:46:54
5
Le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Fna e Faisa Cisal hanno proclamato uno sciopero della durata di 24 ore
Data di pubblicazione: 2019-09-16 18:12:59
1
Due vetture che viaggiavano su direzioni opposte si sono scontrate frontalmente
Data di pubblicazione: 2019-09-07 09:47:21
2
Le nostre richieste sono rimaste inascoltate, asserragliati dietro a delle transenne, vigilati a vista come i peggior delinquenti dovevamo rimanere lontani dall'incontro
Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:51:37
3
Ecco cosa fare prima di uscire di casa per un'evacuazione
Data di pubblicazione: 2019-09-10 13:14:29
4
Le scosse di magnitudo 4.1 e 3.2 sono state avvertite distintamente anche nel Reatino e debolmente nei quartieri settentrionali di Roma
Data di pubblicazione: 2019-09-01 07:06:04
5
Per il personale dell'azienda dei trasporti, in arrivo il ticket elettronico da utilizzare presso tutti gli esercizi convenzionati 
Data di pubblicazione: 2019-09-02 09:41:18
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]