Venerdì 22 Marzo 2019 ore 19:13
TRAGICO EPILOGO
Strage di Strasburgo. Ucciso Cherif, in una sparatoria con la polizia
“Era un soldato dello stato islamico” scrive Amaq, l’agenzia di stampa dell’Isis, rivendicando l’attentato di martedì sera

Morto. Cherif Chekkat, l’uomo che martedì scorso ha sparato sulle persone che si aggiravano per il mercatino di Natale di Strasburgo (uccidendone tre e ferendone altre 13), è rimasto ucciso in un conflitto a fuoco con la polizia.

In realtà non era nemmeno riuscito ad abbandonare la città. Si era rintanato nel  quartiere di Neudorf, dove è cresciuto, e pare che si fosse nascosto in un magazzino. Sulla dinamica dei fatti le ricostruzioni non sono del tutto omogenee, ma stando a quella riportata dall’autorevole quotidiano parigino Le Mond risulta che Cherif sia stato intercettato da un nucleo delle forze speciali mentre camminava per strada, all’altezza del civico 74 di rue du Lazaret. Riconosciuto dagli uomini della BST, la Brigade spécialisée de terrain, ha estratto la pistola e si è messo a sparare.

Una mossa disperata che si è trasformata in un suicidio. I proiettili degli agenti lo hanno abbattuto senza che lui riuscisse a colpire nessuno.

Cherif “un soldato dello stato islamico”

Amaq, l’agenzia di stampa dell’Isis, lo ha prontamente ricordato: “Era un soldato dello stato islamico e ha portato avanti l'operazione per vendicare i civili uccisi dalla coalizione internazionale [in Siria]”.

Una definizione fin troppo altisonante: non solo perché lo accredita come un combattente al servizio di una causa ben precisa, ma perché si sforza di presentarlo come l’artefice di una missione specifica.

Più che un soldato in stile commando, Cherif sembra un altro ‘cane sciolto’ in cerca di rivalse personali. Un criminale radicalizzato che si è lasciato sopraffare dall’odio.

Leggi anche:

Strage di Strasburgo e ‘fiche S’. Cherif C. era monitorato, ma poi…

Attentato a Strasburgo. Antonio Megalizzi in coma, ma non si può operare

Spari al mercatino di Natale di Strasburgo: 3 morti e 12 feriti


ARTICOLI CORRELATI
In Francia sono ben 26mila, le persone che in teoria vengono seguite con particolare attenzione. Controlli che in molti casi rimangono sulla carta
Gravissimo il giornalista del consorzio universitario Europhonica: era in città per seguire l’assemblea plenaria dell’Europarlamento
I fatti nei boschi di Montebuono (Rieti): il 44enne di Cesano Luigi Spinucci ucciso da un colpo di fucile di un suo amico
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
L'operazione è partita dalla finanza di Desenzano del Garda, in provincia di Brescia
2
L'uomo sapendo di dover finire in carcere per un anno e mezzo si era allontanato dalla propria abitazione facendo perdere le proprie tracce
3
Un imprenditore di Latina e un suo “socio” di Anzio sono stati arrestati ieri
4
Se in RAI si può dire che: "Gli uomini sono tutti dei pezzi di merda, specialmente il tuo Papà", e ricevere applausi...
5
De Vito arrestato per corruzione: avrebbe percepito mazzette dal costruttore Luca Parnasi
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]