Sabato 20 Luglio 2019 ore 02:59
RETORICA FUORI CONTROLLO
Mario Monti dixit: “Il Governo ha ceduto parte della sovranità alla UE”
L’ex premier imposto da Napolitano nel 2011 si trasforma di colpo in un paladino dell’autonomia nazionale

Incredibile. Roba che se si chiedesse di indovinare chi abbia pronunciato la frase, le probabilità di ottenere una risposta esatta sarebbero minime. Per non dire nulle.

“Il governo sovranista – ha dunque proclamato il censore di turno – ha ceduto in modo maldestro, all’Europa, una quota della propria sovranità nazionale: l’ha tolta al parlamento”.

Uno sente questo bel discorsetto e fa delle ipotesi. Oddio: sarà qualcuno che la UE non la può vedere. Uno che se gli nomini Jean-Claude Juncker, o qualsiasi altro cerbero dei parametri di Maastricht, vede rosso e parte alla carica. Uno che è più oltranzista di Matteo Salvini e di Luigi Di Maio messi insieme.

Manco per idea, invece.

La requisitoria è stata scodellata da… Mario Monti. Lo stesso Mario Monti che nel 1995 entrò a far parte della Commissione europea e che ci rimase una decina d’anni. E che poi, nel novembre 2011, venne tirato fuori dal cilindro di Giorgio Napolitano per sostituire Silvio Berlusconi. In un batter d’occhio, Monti venne nominato senatore a vita e insediato a Palazzo Chigi. Il mandato politico, per chi se lo fosse dimenticato, consisteva proprio nel riallineare l’Italia ai voleri, anzi ai diktat, della UE.

Nel febbraio successivo il Time gli dedicò la copertina definendolo “un Primo ministro per tempi disperati” e omaggiandolo con una domanda retorica e fuorviante: “Può quest’uomo salvare l’Europa?”. La risposta era ovviamente “sì”. Per forza: lui, l’insigne professor Monti della Bocconi di Milano, si era precipitato a fare le famigerate riforme in stile Fornero. Più che mettere in salvo l’Europa, stava mettendo in saldo l’Italia. Ovvero i diritti, le speranze, le prospettive dei cittadini italiani. In una parola, la nostra sovranità.

Mario Monti: un passato che spiega tutto

Come abbiamo scritto all’inizio: incredibile. Qui siamo ben oltre il sostenere delle tesi più o meno capziose, che osteggiano il governo Conte perché ha interrotto il duopolio tra centrodestra e centrosinistra (come diceva Beppe Grillo, “il PDL e il PD-meno-elle”).

Il rovesciamento delle posizioni diventa totale: quegli stessi che ci hanno inchiodati alle norme capestro della UE, riducendo la nostra “autonomia” politica a un’ubbidienza preventiva e fervorosa, si appellano alla perdita di sovranità per screditare l’Esecutivo Lega-M5S.

Mario Monti si comporta come se fosse arrivato in Parlamento ieri mattina. Come se avesse sempre lavorato in Paesi lontani, senza mai ricoprire alcun ruolo istituzionale né in Italia né in Europa, e adesso fosse stato eletto dagli italiani all’estero. Come se non avesse il passato che ha.

È vero il contrario. Quel passato c’è e ognuno di noi è tenuto a ricordarselo per filo e per segno. Il “senatore a vita” Mario Monti è in realtà un “avversario a vita” del popolo italiano.

Leggi anche:

Immigrazione: arriva il Global Compact e non è obbligatorio. Per ora

Concessioni balneari verso la proroga. Ma lo spettro Bolkestein resta lì

Di Maio e gli altri padri “birichini”: non tutti i casi sono uguali


ARTICOLI CORRELATI
"Monti è come se fosse uscito da San Vittore"
Entro tre settimane il governo italiano dovrà inviare una nuova bozza a Bruxelles
Sentenza acrobatica della Consulta, che si riassume nel proverbiale “chi semina vento raccoglie tempesta”
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
"La maggioranza si pavoneggia con l'ennesima legge ideologica ed emergenziale, ma ora per le donne che subiscono violenza denunciare diventa ancora più rischioso"
2
Lo ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, a margine dell'assemblea della Saf
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]