Venerdì 23 Agosto 2019 ore 12:51
Decreto sicurezza. Leoluca Orlando: “A Palermo non lo applico”
A rivendicare l’autonomia locale sono gli stessi che si scandalizzano, invece, per le ribellioni del Governo alle norme UE

Coerenza, bye bye. O se preferite, visto che la vicenda si svolge in Sicilia, “Coerenza… ‘sta minchia”.

Prima delle valutazioni di merito, infatti, bisogna mettersi d’accordo sull’approccio generale: le leggi vigenti si devono comunque applicare, in attesa di una loro eventuale modifica, o vanno considerate alle stregua di sommessi consigli che ognuno deciderà di utilizzare solo se li condivide?

La questione è cruciale. Perché ad esempio, rimanendo in Italia, abbiamo votato per anni e anni con il famigerato Porcellum, che pur essendo in odore (o in tanfo) di incostituzionalità fin da quando venne approvato nel dicembre 2005 è stato poi abrogato dalla Consulta solo nel gennaio 2014: immaginatevi voi cosa sarebbe successo se un qualsiasi sindaco, analogamente a ciò che fa oggi Leoluca Orlando nella sua qualità di Primo cittadino di Palermo, avesse deciso unilateralmente di non installare i seggi nel proprio territorio in quanto convinto (nemmeno a torto, come poi è stato dimostrato dalla sentenza della Corte Costituzionale) che le norme in materia erano viziate in qualche loro aspetto fondamentale.

Oppure, per spostarci in Europa, pensate alle recentissime reprimende che sono fioccate contro il governo Conte riguardo alla mancata osservanza, in sede di Manovra finanziaria, dei Trattati comunitari. In moltissimi, a cominciare da quegli stessi che oggi danno ragione a Orlando, si sono precipitati a ribadire che quelle intese erano e rimangono vincolanti. Persino quando ci siano fondati motivi per ritenerle sbagliate.

Detto alla Romano Prodi, che ci ha donato questa perla di saggezza non più tardi dell’ottobre scorso, “Rules are rules: le regole sono regole. Le regole di bilancio europee vanno rispettate anche quando non sono intelligenti”.

Decreto Sicurezza: l’ammutinamento “umanitario”

Leoluca Orlando sottolinea che il suo non è un "atto di disobbedienza civile né di obiezione di coscienza ma la semplice applicazione dei diritti costituzionali che sono garantiti a tutti coloro che vivono nel nostro Paese”.

Di “semplice”, però, non c’è proprio nulla. Anche perché in tal caso non si vede come mai il presidente della Repubblica abbia firmato il Decreto Sicurezza invece di rifiutarsi e di rinviarlo alle Camere. Quella che il sindaco di Palermo definisce la “semplice applicazione dei diritti costituzionali” è in effetti la sua personale versione dei medesimi. In parte, del resto, lo riconosce egli stesso: “Su alcuni temi, e tra questi il rispetto dei diritti umani, io ho una visione e una cultura diversa da quella del ministro dell'Interno”.

Poi, però, cambia di nuovo angolazione e torna al suo approccio da costituzionalista fai da te: “Qui siamo di fronte a un problema non solo ideologico ma giuridico. Non si possono togliere diritti a cittadini che sono in regola con la legge, solo per spacciare per 'sicurezza' un intervento che puzza molto di 'razziale'”.

È questo “dentro e fuori”, che proprio non va.

L’Italia non è una repubblica federale e tantomeno è una libera associazione di entità autonome. Palermo sta in Sicilia, e la Sicilia sta in Italia. Leoluca Orlando è solo il sindaco del capoluogo regionale: non il capo di una nazione a sé stante che può decidere a suo piacimento cosa fare o non fare, in base a ciò che ritiene giusto o non giusto.

Il Decreto Sicurezza è incostituzionale? Forse. Ma a stabilirlo dovrà essere la Consulta, non ogni singolo amministratore locale. E i primi ad attenersi a questo principio dovrebbero essere gli strenui difensori, in stile PD, dei Parametri di Maastricht.

A meno che, invece, non siano disposti a riconoscere che almeno in alcuni casi le divergenze etiche, e le scelte politiche, possono diventare istanze unilaterali: come sostengono appunto, in chiave anti UE, i tanto vituperati sovranisti.

Leggi anche:

Il discorso di Mattarella: l’Italia dal calduccio del Quirinale

Mario Monti dixit: “Il Governo ha ceduto parte della sovranità alla UE”

Spray al peperoncino. Il divieto di vendita è pura ideologia in stile PD


ARTICOLI CORRELATI
Riflessioni personali sulle elezioni amministrative, di Martina Bernardini
Lotta anche all'accattonnaggio: sarà punito con la reclusione da uno a tre anni chiunque organizzi o favorisca i mendicanti per fini di profitto
Conferenza stampa martedì 19 maggio 2015 ore 12.00 presso l’Associazione Civita (Piazza Venezia, 11)
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Un discorso suicida, offensivo, dilettantesco, di un non presidente del consiglio che non è in grado di governare la crisi, ma la sente come un insulto personale"
Data di pubblicazione: 2019-08-20 18:54:28
2
Nonostante liti e polemiche Salvini vola nei sondaggi: e ciò spiega meglio di qualsiasi politologo il senso della trattativa tra Renzi e il M5S
Data di pubblicazione: 2019-08-18 21:21:10
3
Durissimo scambio di accuse con Salvini, mentre l’ispezione a bordo non rileva alcuna emergenza sanitaria
Data di pubblicazione: 2019-08-19 09:47:57
4
L’ipotesi di Prodi scatena le ironie del Web, che predilige l’ex Bond girl Ursula Andress
Data di pubblicazione: 2019-08-21 00:43:38
5
"Mi recherò dal presidente della Repubblica per comunicare la fine dell'esperienza di governo e rassegnare nelle sue mani le dimissioni da presidente del consiglio"
Data di pubblicazione: 2019-08-20 17:09:45
1
"Un discorso suicida, offensivo, dilettantesco, di un non presidente del consiglio che non è in grado di governare la crisi, ma la sente come un insulto personale"
Data di pubblicazione: 2019-08-20 18:54:28
2
Renzi e i Cinque Stelle puntano a un "Governo di legislatura" anti-Lega, centro-destra e Zingaretti vogliono il voto
Data di pubblicazione: 2019-08-12 22:16:34
3
Scattano le Manovre M5S-renziani per evitare lo spettro del voto, per cui spingono Salvini e Zingaretti. Mattarella attende gli sviluppi della crisi
Data di pubblicazione: 2019-08-12 08:51:05
4
Respinta dal Senato l'ipotesi di discutere domani la sfiducia al premier
Data di pubblicazione: 2019-08-13 21:15:05
5
"Perché nasce una rottura su questo punto? Nulla di ideale, soltanto desiderio di poltrone e di soldi"
Data di pubblicazione: 2019-08-01 09:01:08
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]