Martedì 22 Gennaio 2019 ore 13:16
IMMIGRAZIONE A GO-GO
Sea Watch. De Magistris e Orlando: “I nostri porti sono aperti”
I sindaci di Napoli e Palermo sono ormai in piena ebbrezza autocratica. Sperando di mettere Salvini alle corde

Insistono entrambi: sia Luigi De Magistris, sia Leoluca Orlando. E dopo aver annunciato di voler disapplicare il Decreto Sicurezza, in nome della solidarietà “umanitaria” nei confronti di immigrati e profughi, alzano addirittura il tiro. Proclamando che i porti delle rispettive città, Napoli e Palermo, sono pronti ad accogliere la Sea Watch, carica appunto di migranti e tuttora in cerca di attracco.

De Magistris, anzi, non vede l’ora che accada: “Io mi auguro che questa barca si avvicini al porto di Napoli perché contrariamente a quanto dice il governo metteremo in campo un’azione di salvataggio e la faremo entrare nel porto di Napoli. Sarò il primo a guidare le azioni di salvataggio”.

Orlando, a sua volta, si lancia in un’accorata perorazione: “Sulla nave c’è la bandiera del comune di Palermo, in segno di piena solidarietà. Questi provvedimenti non sono un insulto ai migranti ma sono un insulto agli italiani e alla nostra cultura dell’accoglienza. Anche sotto il profilo di difesa della nostra identità nazionale. Il porto di Palermo è assolutamente aperto per loro e vorrei che il Ministro Toninelli facesse quello che ho fatto io e ordinasse di non seguire le indicazioni del suo collega, il Ministro dell’Interno. Questo contrasto devono risolverlo loro, non devono scaricarlo sui cittadini e sui migranti”.

Sea Watch: un altro “casus belli”

Insomma, la crociata anti Salvini prosegue imperterrita. “Dimenticando” che lui non è più solo il leader della Lega ma il ministro degli Interni. Nonché, sia pure in coabitazione con Di Maio, il vicepresidente del Consiglio. E “dimenticando” pure che la gestione dei porti non dipende dai sindaci ma dalle relative autorità portuali. Che pur godendo di ampia autonomia amministrativa soggiacciono, com’è ovvio, alle leggi vigenti. A cominciare dalle normative statali.

In termini prettamente giuridici, i Comuni non hanno alcuna voce in capitolo sulle scelte di governo in tema di immigrazione. E quello che si sta cercando, perciò, è uno scontro che travalica qualsiasi diatriba tra le pubbliche istituzioni, in tema di competenze.

La “scommessa” consiste nel mettere Salvini di fronte a un aut-aut: o intervenire in chiave repressiva, esponendosi a nuove accuse di autoritarismo “fascista”, oppure lasciar correre, perdendo di credibilità agli occhi del suo elettorato di riferimento.

È un gioco pesante. Spregiudicato. Cinico.

E se le posizioni fossero invertite, non c’è dubbio che dal PD a Repubblica, e oltre, il coro sarebbe unanime: non possono essere dei singoli sindaci, a stabilire le politiche da seguire in una materia così delicata e di portata nazionale.

Si cerca il “casus belli” per atteggiarsi a martiri. Sperando di spostare la contrapposizione su scala internazionale e ottenere che il governo Conte venga avviluppato in una rete di pressioni esterne.

Un atteggiamento che si ammanta di umanitarismo, ma che è di per sé sovversivo.

Leggi anche:

Decreto sicurezza. Leoluca Orlando: “A Palermo non lo applico”

Immigrazione: arriva il Global Compact e non è obbligatorio. Per ora

Mario Monti dixit: “Il Governo ha ceduto parte della sovranità alla UE”


ARTICOLI CORRELATI
Il numero di passeggeri che transitano annualmente nel porto di Civitavecchia è pari a quasi quattro milioni, uno dei porti più trafficati d’Italia
“Salvini dovrà spiegare in aula sulla base di quali valutazioni ha assunto questa decisione e se l’ha concordata con il Governo"
All’Auditorium New Orleans - La Fabbrica, Luigi De Magistris presenterà il suo ultimo libro “La Città ribelle – Il caso Napoli”
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
Felicetto Angelini che ha annunciato la sua ricandidatura per la lista “Insieme Artena Rinasce”
2
Dopo la formalizzazione della nomina in consiglio di amministrazione, sottoscriverà il contratto
3
Sarà valida anche per le nuove aziende
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency