Giovedì 14 Novembre 2019 ore 10:01
PROSTRAZIONE
Terremoto 2016, cittadina Accumoli: Passati 3 anni e niente è cambiato
"Siamo la vergogna d'Italia, per questo cercano di tenerci nascosti. Confido nel nuovo governo perché peggio degli altri non si può fare"

Roberta Paoloni, cittadina di Accumoli, è intervenuta nela trasmissione radiofonica “L’Italia s’è Desta” in onda su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

“Non c’è nessun progresso –ha affermato Paoloni-. Qui è stato fatto un errore fin dall’inizio, mettendoci dentro queste casette che ogni giorno hanno un guasto, un problema. Casette di legno? Magari fossero di legno, sono casette di carta, di legno abbiamo solo il porticato fuori. Hanno fatto lavori di fretta, a cominciare dalle fogne, qui adesso nevica, se va via la corrente rimaniamo al gelo perché queste casette sono talmente sottili e porte e finestre hanno spifferi da tutte le parti.

C’è una famiglia a cui hanno sistemato la casa perché c’era la muffa, porte che non si chiudevano, pavimenti che si sollevavano. Gliel’hanno sistemata ad agosto, ma dopo pochissimi mesi ha avuto gli stessi problemi e ieri stava senza riscaldamento. Se uno deve rimanere dentro queste casette col terrore che se va via la corrente muore di freddo, già uno si agita.

Qui siamo isolati dal mondo, l’unico mezzo che abbiamo è il telefono. Siamo la vergogna d’Italia, per questo cercano di tenerci nascosti. Sono passati tre anni dal terremoto e non si è risolto nulla. Confido soltanto nel nuovo governo e nel nuovo commissario perché peggio di quello che è stato fatto in passato non si può fare. Quelli di prima sono venuti qua a fare le loro passerelle, ci hanno detto che non ci avrebbero lasciati soli e il giorno dopo non li abbiamo più visti.

Qui non serve solo rientrare dentro casa, serve anche lavorare, non c’è una prospettiva. Si va avanti perché siamo forti, io sono madre di un ragazzo e devo andare avanti anche per lui. Mio figlio ha reagito piuttosto bene, ha scelto di rimanere in questa terra anche se io volevo mandarlo a studiare ad Ascoli Piceno. Noi siamo paesi di montagna che non servono a nessuno, anche se queste zone sono bellissime, se sfruttate bene per il turismo sarebbero posti incredibili.

Stanno facendo di tutto per mandarci via. La gente è esasperata, ci sono persone che dicono: almeno mi saldassero la casa e me la vado a costruire da un’altra parte. Faccio un appello al nuovo governo: mettetevi una mano sulla coscienza, veniteci a trovare, ma non potete lasciare la gente così, siamo vivi per miracolo, stiamo male e non vediamo un futuro. Anche il nostro sindaco dovrebbe dirci qualche parola in più, perché anche lui è un politico. Noi chiediamo una ricostruzione veloce oppure se non c’è futuro, almeno ci dicano chiaramente: andate via. Ci saldano le nostre case e ce le ricostruiamo da un’altra parte”.

Su Sergio Pirozzi. “Pirozzi faceva meglio a restare ad Amatrice, se teneva tanto alla sua popolazione poteva restare dove stava. Io e Pirozzi andavamo al liceo insieme, ci conosciamo da ragazzini. Lui si è messo a fare politica per risolvere i problemi, ma secondo me risolveva molto di più se rimaneva ad Amatrice”. (Foto di repertorio)


ARTICOLI CORRELATI
"A costo di essere sfacciato, voglio essere sincero. Di generi alimentari ne stanno arrivando tantissimi. Bisogna pensare alla ricostruzione"
Essere donna ed essere madre mi ha dato la forza di reagire, mio figlio doveva vivere, e io dovevo assicurargli il domani
"Me l'ha scritto una giornalista. Non è comodo far sapere che abitiamo nelle baracche. Su Rai3 mi hanno fatto vedere 5 sec. mentre dico: 'Qui è tutto un pantano' e hanno fatto parlare uno che diceva che stava benone"
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Il toccante messaggio d'addio che il figlio dell'operaio morto nella discarica in seguito ad un incidente con un automezzo, affida al suo profilo Facebook
Data di pubblicazione: 2019-11-10 20:39:48
2
A causa delle avverse condizioni meteo, sono stati molti gli interventi della Protezione Civile nella zona dei Castelli Romani. Interessati dalla tromba d'aria anche Velletri, Albano e Lanuvio
Data di pubblicazione: 2019-11-12 21:15:38
3
Sul posto immediatamente due squadre  dei vigili del fuoco di Roma con supporto.del nucleo NBCR, per i controlli necessari
Data di pubblicazione: 2019-11-11 18:17:16
4
In questo terribile omicidio anche la fidanzata e gli amici più vicini a Luca non raccontano ciò che sanno, ostacolando la verità
Data di pubblicazione: 2019-11-12 12:55:35
5
L’uomo, già negli anni scorsi, era stato denunciato per percosse dalla donna
Data di pubblicazione: 2019-11-12 19:56:08
1
Nella tarda mattinata di sabato 9 Novembre sono stati chiamati i soccorsi per un incidente a un operatore della discarica di rifiuti
Data di pubblicazione: 2019-11-09 12:31:31
2
L'epicentro a sud est di Balsorano in provincia dell'Aquila. Traffico ferroviario sulla linea Roma- Cassino sospeso per accertamenti. Scuole chiuse nel frusinate
Data di pubblicazione: 2019-11-07 18:43:15
3
Il toccante messaggio d'addio che il figlio dell'operaio morto nella discarica in seguito ad un incidente con un automezzo, affida al suo profilo Facebook
Data di pubblicazione: 2019-11-10 20:39:48
4
Programmata una manifestazione per Giovedì 7 Novembre alle 18 al teatro "Le Sedie" di Labaro per far sentire la voce dei Comuni interessati e di tutti i passeggeri
Data di pubblicazione: 2019-11-03 22:06:09
5
A causa delle avverse condizioni meteo, sono stati molti gli interventi della Protezione Civile nella zona dei Castelli Romani. Interessati dalla tromba d'aria anche Velletri, Albano e Lanuvio
Data di pubblicazione: 2019-11-12 21:15:38
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]