Giovedì 14 Novembre 2019 ore 04:53
ALLUCINAZIONI COLLETTIVE
Il “reddito di cittadinanza” NON è il vero Reddito di cittadinanza
A forza di usare il nome sbagliato si cancella l’idea stessa di ciò che è davvero questa misura rivoluzionaria

A quanto ammonterà? Chi potrà percepirlo? Per quanto tempo? A quali condizioni?

Le domande che si rincorrono a proposito del “reddito di cittadinanza” sono queste. E le risposte sono fatalmente approssimative, visto che le norme sono ancora in via di definizione. Ma in questo fioccare di indiscrezioni, per non dire di ipotesi, e in questo scarseggiare di certezze, la cosa che sfugge sempre di più è quella fondamentale: stiamo continuando a chiamare “reddito di cittadinanza” una misura che invece è tutt’altro.

Se vi è venuta alle labbra la risposta istintiva – “lo chiamassero come gli pare, basta che lo facciano davvero e che diano una mano ai poveracci senza lavoro e finiti in povertà o addirittura in miseria” – inghiottitela all’istante. Oltre a essere istintiva è anche una risposta sciocca. E il cittadino sciocco è il cocco dei potenti. Perché lui crede di evitare le chiacchiere e di andare dritto al sodo. Mentre invece sta evitando la verità e prendendo fischi per fiaschi.

In questo caso la verità è semplice. E a portata di mano di chiunque. Non c’è bisogno di recarsi alla Biblioteca Nazionale e di visionare dei testi accademici pubblicati molto tempo fa e ormai divenuti introvabili. No. Basta collegarsi a Internet (niente micini-carini e video-virali, per una volta) e leggere cosa riporta Wikipedia. Che certo va presa con cautela – essendo pur sempre un’enciclopedia-bricolage nelle mani di tutti e di nessuno – ma che spesso le informazioni basilari le fornisce. E che quindi può andare benissimo come orientamento iniziale.

Reddito di cittadinanza: quello vero

“Un reddito versato da una comunità politica a tutti i suoi membri su base individuale senza controllo delle risorse né esigenza di contropartite”.

Questa è solo una delle sintesi indicate, ma i punti essenziali li coglie. E il punto più importante in assoluto è alla fine della frase: senza “esigenza di contropartite”.

Ribadiamolo: il vero reddito di cittadinanza, che viene anche chiamato “reddito di base”, viene erogato in maniera universale e indiscriminata. A chi lavora e a chi non lavora. A chi è abbiente e a chi non lo è. Perché poggia su un presupposto concettuale del tutto diverso da ogni altra forma di sussidio: ogni cittadino è contitolare, proprio in quanto cittadino, di un frammento della ricchezza prodotta nella nazione alla quale appartiene.

Un legame comunitario, se vi piace il linguaggio tradizionale e di matrice non solo economica. Oppure un dividendo analogo a quello di una società per azioni, nella quale si entra per diritto di nascita, se preferite la terminologia e i concetti del business.

Sia come sia, niente a che spartire con gli interventi cui sta mettendo mano il Governo. Interventi che potranno avere i loro pregi e i loro difetti – e non mancheremo di parlarne approfonditamente già nei prossimi giorni – ma che sicuramente NON configurano un reddito di cittadinanza e non ci si avvicinano nemmeno.

Ma allora, si potrebbe chiedere, perché si usa una formula indiscutibilmente errata al posto di quella corretta?

Ecco: questa è un’altra reazione istintiva. Ma per nulla sciocca.

Leggi anche:

Il discorso di Mattarella: l’Italia dal calduccio del Quirinale

Mario Monti dixit: “Il Governo ha ceduto parte della sovranità alla UE”

Tv: Il contraddittorio politico è un bluff


ARTICOLI CORRELATI
Jimmy Ghione porta i cittadini di Aprilia in tv: manca il sussidio, arrivano le proteste
Lavoro e Jobs Act i temi principali del discorso di Beppe Grillo. Il leader conclude: "O noi, o noi!"
Il PD si appella alla Corte Costituzionale. Però ha abusato anch’esso dei voti di fiducia e si è inventato il “supercanguro”
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Per il ministro degli Esteri la Lega ha preferito fare gli interessi di partito evitando, quando era al governo, di elaborare una manovra finanziaria
Data di pubblicazione: 2019-11-12 06:26:38
1
La Calabria sempre più martoriata, che cammina lentamente e con la retromarcia innestata, vive una situazione pre-elettorale all'insegna del caos e di maggiore povertà
Data di pubblicazione: 2019-11-08 11:41:22
2
Fa discutere la proposta del Partito Democratico di dotare le Forze dell'ordine di numeri identificativi e bodycam. In Europa è già in vigore in 20 Paesi su 28. L'appello del Parlamento europeo e dell'ONU
Data di pubblicazione: 2019-11-02 14:07:08
3
La decisione è stata presa a seguito di alcune minacce sul web e dello striscione di Forza Nuova
Data di pubblicazione: 2019-11-07 10:14:13
4
Per il ministro degli Esteri la Lega ha preferito fare gli interessi di partito evitando, quando era al governo, di elaborare una manovra finanziaria
Data di pubblicazione: 2019-11-12 06:26:38
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]