Lunedì 18 Marzo 2019 ore 18:32
RISVEGLIO AMARO DEL QUARTIERE
Roma. Nereo, il clochard che amava leggere, ucciso da un'auto pirata
"Addio Nereo. Mi mancherai tanto. Eri una bella persona", uno dei tanti messaggi lasciati in ricordo di Nereo, detto "Verona"

"Mi mancherai, un abbraccio. Spero Lilla sia in buone mani. Flaminia". "Addio Nereo. Mi mancherai tanto. Eri una bella persona e un lettore infaticabile. Con amicizia. Federica". Sono alcuni dei messaggi lasciati, insieme a fiori e candele, vicino ai cartoni accatastati, che Nereo Gino Murari, senzatetto di Corso d'Italia, usava per costruire tutte le notti il suo giaciglio di fortuna. Un fare e disfare che Nereo metteva in atto tutti i giorni, da oltre un decennio tra via Po e via Campania fino a questa mattina, quando è stato travolto e ucciso da un'auto pirata.

Tutti conoscevano Nereo, detto 'Verona', 73 anni, e il suo cane Lilla, un bracco che questa mattina ha vegliato il corpo del padrone fino all'ultimo prima di essere preso in carico dal Servizio veterinario del Comune e poi adottato da una cittadina. "Qui nel quartiere lo conoscevamo tutti e tutti gli volevamo bene. Era gentile, educato e dignitoso", racconta un negoziante della zona. Altri frequentatori del quartiere lo chiamavano "il clochard che legge".

Nereo infatti passava intere giornate con un libro in mano, non importava se fosse mattino o sera, se facesse freddo o caldo. Per tutti era il romantico senzatetto che seduto sul suo sgabello amava sfogliare romanzi non curante del traffico delle auto di Corso d'Italia, ignaro che una di queste un giorno l'avrebbe travolto e ucciso senza fermarsi a prestare soccorso. Le forze dell’ordine stanno esaminando le tracce lasciate dall’auto e i filmati delle telecamere della zona per risalire all’identità dell’automobilista. (Zap/Ago/ Dire)


ARTICOLI CORRELATI
Un 21enne ha colpito con la moto due auto. Una 20enne che viaggiava con lui si è rotta il femore ma lui fugge
Tre squadre dei Vigili del Fuoco sono sul posto per spegnere le fiamme, in Corso d'Italia direzione Piazza Fiume, prima del sottopassaggio
Si ipotizza un frontale: il conducente di una delle due automobili è fuggito a piedi, non si esclude la pista del pirata della strada
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
L'uomo sapendo di dover finire in carcere per un anno e mezzo si era allontanato dalla propria abitazione facendo perdere le proprie tracce
2
"Il nostro sistema nega ancora qualsiasi soggettività all'animale e punisce debolmente, con pene inefficaci i reati compiuti a danno degli animali"
3
Nicola Orazi, noto imprenditore della zona, è caduto in un dirupo ed ha battuto la testa
4
Etichettatura personalizzata e spedizioni in tutta Italia
5
"L'ho conosciuto quando, da specializzando in pediatria, cominciò a frequentare il San Pietro Fatebenefratelli di Roma..."
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]