Sabato 23 Marzo 2019 ore 11:26
IMMIGRAZIONE INCONTROLLATA
Sea Watch. La pietà per i singoli diventa un pessimo esempio
La durezza di Salvini può sembrare eccessiva soltanto a chi non guardi al fenomeno nel suo insieme

Domanda secca: ma lo avete capito o no, che lo scontro sulla Sea Watch non riguarda affatto la Sea Watch in quanto tale?

Figuriamoci se il problema può essere questa specifica nave e questo specifico gruppo di immigrati. Il problema, invece, è che questa specifica nave, e questo specifico gruppo di immigrati, sono l’ultimo anello di una catena lunghissima. Che per troppo tempo si è lasciata allungare a dismisura spacciandola per un fenomeno ineluttabile. Da un lato, un sommovimento storico che era impossibile fermare, tipo un cataclisma di livello 9 o 10 sulla scala dei “massamoti”. Dall’altro, un obbligo morale alla solidarietà e all’accoglienza, che nel mondo della competizione globale è una contraddizione in termini.

“I migranti della Sea Watch – titolava ieri un lancio d’agenzia dell’Agi –  non capiscono perché nessuno li vuole”.

La risposta è elementare: non lo capiscono perché sono sprofondati nell’aspettativa, nella convinzione, nella certezza, che anche per loro dovesse andare come per gli innumerevoli altri che li hanno preceduti, a meno di essere così sfortunati da incappare in un naufragio autentico e senza scampo.

Lo schema normale è indubbiamente rischioso, ma allo stesso tempo è collaudato. E statisticamente abbastanza sicuro. Ti metti per mare sulla carretta di turno, lanci l’allarme e aspetti che qualcuno lo raccolga. Cosa tutt’altro che improbabile, tra le navi commerciali in transito e quelle “umanitarie” di vedetta. A quel punto, il più è fatto: i soccorritori ti prendono in consegna e o prima o dopo arrivi dove volevi. O quantomeno in un posto che ti fa comodo come tappa intermedia verso la destinazione finale.

Non che siano tutte rose e fiori, tra i centri di raccolta e di smistamento (qui in Italia, i vari CPSA, CDA, CARA, CID, CIE, CPR, SPRAR), ma considerato che nella maggior parte dei casi non ci dovevi venire affatto, la tua scommessa l’hai comunque vinta.

Ma è qui che la situazione si complica. Ciò che è buono per te come singolo, e su cui si potrebbe sorvolare se rimanesse un avvenimento sporadico, o se al massimo rientrasse in un afflusso ragionevolmente contenuto, ha purtroppo un risvolto inaccettabile. E, esso sì, inevitabile.

Questo risvolto è che tu diventi un esempio. Agli occhi di chissà quanti altri come te: che preferiscono comunque le società occidentali a quelle di origine. E che con l’andare degli anni, con il perpetuarsi di quel lassismo che abbiamo già ricordato, danno appunto per scontato che l’azzardo al quale si espongono abbia parecchie chance di successo. Se sopravvivono alla traversata del Mediterraneo questo o quel paese europeo si farà carico anche di loro.

Immigrazione: il tempo della durezza

La Sea Watch, suo malgrado, è diventata un simbolo. Il simbolo di qualcosa che deve essere assolutamente fermato, visto che ha superato da un pezzo i livelli di guardia e che non accenna a esaurirsi.

L’irrigidimento di Matteo Salvini si spiega dunque alla perfezione. Il messaggio da lanciare è drastico e definitivo, ed è che il succitato pacchetto “aspettativa-convinzione-certezza” va smantellato per sempre.

Il ricatto dell’umanitarismo deve essere disarmato a priori, mettendo bene in chiaro che il salvataggio in mare non comporta il ricovero a terra: tolti i rifugiati (sui quali peraltro andrebbe rivista la normativa attuale, che è sorta in un’epoca nella quale si poteva largheggiare con le affermazioni di principio nel presupposto, ormai svanito, che a fruirne sarebbe stata una sparuta minoranza) tutti gli altri devono sapere con granitica chiarezza che verranno rispediti nei luoghi di provenienza.

È una posizione dura? Sì, lo è. Ma deve esserlo perché viene dopo tanti anni di acquiescenza. Nella quale, d’altronde, si mescolano insieme le semplici ottusità di quello che una volta si chiamava cattocomunismo e i calcoli infidi di chi ha interesse ad acquisire in Occidente una massa di nuovi proletari da sfruttare, e da mettere in antagonismo con quegli europei che si sono “troppo” abituati a certi standard di reddito e di welfare.

Come spesso accade, nella Storia, gli aspiranti immigrati di Sea Watch pagano per colpe che non sono strettamente le loro. Ma la lezione che li sta colpendo è in realtà destinata a tutti gli altri: clandestino avvisato, mezzo bloccato. 

Leggi anche:

Sea Watch. De Magistris e Orlando: “I nostri porti sono aperti”

Sea Watch. Gli appelli del Papa vanno contro gli interessi nazionali

Immigrazione: arriva il Global Compact e non è obbligatorio. Per ora


ARTICOLI CORRELATI
Matteo Salvini replica, giustamente, che lui risponde “agli italiani e non ai vescovi”. Ma non è ancora abbastanza
Matteo Salvini prende le distanze. La portavoce della Ong, invece, si lamenta della lunga attesa
A decretare l’ostracismo sarebbe stata Teresa De Santis, a capo della “rete ammiraglia” di Viale Mazzini

I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
"Il mio caso non ha nulla a che fare con ciò che è emerso ieri. I principi etici del M5S sono alla base della mia azione politica"
2
"La legge delega è stata già licenziata dal Consiglio dei Ministri e dovrebbe approdare in Parlamento in tempi brevi"
3
Il salvataggio del ministro dell'Interno, per l'ex magistrato, si spiega solo con il voler "salvare la loro poltrona"
4
E' stata approvata la mozione in Consiglio Regionale presentata da Di Biase che impegna la Giunta a farsi parte attiva per evitare il taglio dei fondi a Radio Radicale
5
Secondo il sondaggio condotto da SWG e commissionato dal Tg di La7, mentre la Lega cresce, restando la prima forza di governo, il Pd supera il M5S
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]