Venerdì 18 Gennaio 2019 ore 22:51
SALVATAGGI BANCARI
Carige. Di Maio e M5S al massacro: “Hanno fatto come Gentiloni con Mps”
Stavolta gli attacchi arrivano anche dall’interno. Ed è la conferma di una confusione mai chiarita

Tesi dell’accusa: gli interventi predisposti dal governo Conte per evitare il fallimento di Carige sono pressoché identici a quelli che vennero adottati da Gentiloni nel dicembre 2016, per andare in soccorso di Mps. All’epoca il M5S si scagliò contro i provvedimenti tacciandoli di essere dei favori ai banchieri. Oggi si muove allo stesso modo, ma non dà alcuna spiegazione sul cambio di atteggiamento.

Questa omogeneità, prosegue la requisitoria, è di per sé la dimostrazione inoppugnabile che le promesse di palingenesi del M5S sono solo delle chiacchiere vuote. Per cui coloro i quali le hanno fatte, proclamate, strombazzate con estrema sicurezza (e con estremo disprezzo degli avversari) non sono attendibili. Delle due, l’una. O erano in malafede, raccontando mirabilie che sapevano essere impossibili, oppure ci credevano davvero, senza rendersi conto di non avere le competenze necessarie a trasformarle in realtà.

Nell’uno e nell’altro caso, dunque, la bocciatura è totale. E inappellabile. Il MoVimento nel suo insieme, ma in particolare il gruppo dirigente capitanato da Di Maio, è una massa di dilettanti velleitari. Per non dire di peggio.

Se queste contestazioni arrivassero solo dall’esterno, ossia dai detrattori abituali che sono più o meno legati al PD o al PDL, saremmo nel campo dell’ovvio. La novità, invece, è che il “salvataggio” di Carige ha scatenato le polemiche anche all’interno, inducendo numerosi sostenitori a scagliarsi contro la decisione. E a considerarla un tradimento.

“Carige come Mps. Di Maio come Gentiloni”

La difesa ha validi argomenti. Ma validi a una condizione: di vedere le cose in prospettiva futura. Accettando cioè l’idea, o almeno l’ipotesi, che questa sia una mossa obbligata che è legata alle circostanze odierne. Ma che non smentisce affatto l’intenzione di modificare profondamente, nel tempo a venire, i rapporti tra politica e mondo bancario.

Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, lo ha detto in maniera piuttosto chiara durante il question-time di ieri alla Camera: “È stato fatto notare che il decreto legge è analogo al decreto del 2016. È così infatti poiché non è cambiata la cornice normativa dell’Unione Europea in cui il supporto alla liquidità si iscrive”.

Di Maio, a sua volta, aveva pubblicato il giorno prima un post sul Blog delle Stelle, nel quale smentiva a spada tratta qualsiasi analogia sostanziale con i salvataggi del passato. Scrivendo, tra l’altro, “ci batteremo in Europa per riformare il sistema di vigilanza bancaria e faremo la separazione tra banche commerciali e d'affari. Cose che nessuno si è mai sognato di fare”.

A molti non è bastato. E il motivo di questa loro insofferenza, al di là del fatto che abbiano o non abbiano ragione nel merito, non ha nulla di casuale, riportandoci invece ai tre vizi costitutivi del M5S.

Il primo è aver inalberato la colossale sciocchezza dello slogan “uno vale uno”, che mette tutti sul medesimo piano e fa dimenticare che per dire la propria bisogna possedere delle competenze specifiche. Restando su Carige, “ti intendi di normative bancarie, o parli solo perché ce l’hai (a ragione) con il dominio dell’Alta finanza?”.

Il secondo è non aver mai precisato il tipo di società che si vorrebbe edificare in alternativa a quella attuale, a cominciare dal modello economico di riferimento. Puntando più sull’avversione (sacrosanta) per chi ha gestito il potere finora, anziché su dei contenuti inequivocabili, si sono attirate miriadi di scontenti in cerca di rivalsa: omettendo però di verificare se le varie aspettative fossero o non fossero compatibili le une con le altre. Vedi, tanto per dirne una, il problema dell’immigrazione.

Il terzo, infine, è che si è presentato il cambiamento come un processo rapido. Quasi istantaneo. Una specie di miracolo in cui le buone intenzioni si sarebbero immediatamente trasformate in realtà. Detto alla Beppe Grillo: “Apriremo il Parlamento come una scatoletta di tonno”.

Okay: e dopo averlo aperto, che cosa ci metterete dentro, esattamente? Un’altra varietà di tonno? Delle acciughe? Del pescespada?

Chi vuole bene al M5S, ovvero allo slancio verso una democrazia autentica, dovrebbe capire innanzitutto questo. Che le cose lasciate in sospeso sono delle cambiali che o prima o dopo andranno pagate: essere tanti e mettersi in marcia non basta, se non si sa dove andare.

Leggi anche:

Di Maio tenta l’aggancio con i francesi: “I gilet gialli come il M5S”

Il “reddito di cittadinanza” NON è il vero Reddito di cittadinanza

Accuse PD, repliche M5S: ma la democrazia è “sotto attacco” da sempre


ARTICOLI CORRELATI
Chiaro attacco dell'UE all'Italia col pretesto della manovra economica
L’ex premier imposto da Napolitano nel 2011 si trasforma di colpo in un paladino dell’autonomia nazionale
A forza di usare il nome sbagliato si cancella l’idea stessa di ciò che è davvero questa misura rivoluzionaria
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
PD e Forza Italia accusano Bonafede e Salvini di strumentalizzazione. La questione è molto più complessa
2
L'iniziativa ha l'obiettivo di scongiurare l'ipotesi della presenza di discariche nei comuni limitrofi alla Capitale
3
In attesa della ricostruzione dell’Ospedale Grifoni il Pass deve avere innanzitutto il servizio di P.S. h24 assicurato
4
Il primo cittadino di Amatrice: "Se ci saranno ‘i fatti’, bene. Altrimenti tutti a Roma"
5
"Auspichiamo che il Ministero della Salute valuti al più presto di farlo rientrare tra i necessari anche per accedere a scuola"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency