Venerdì 15 Novembre 2019 ore 06:36
VACCINO OBBLIGATORIO
Meningite, Regione Lazio: Stop morti assurde, genitori vaccinate i figli
"Auspichiamo che il Ministero della Salute valuti al più presto di farlo rientrare tra i necessari anche per accedere a scuola"

Lunedì se n' è andato via Federico, un adolescente romano di 15 anni, stroncato da una meningite fulminante, ieri un giovane 23enne del Sassarese è morto colpito da una meningite causata da meningococco Y.

La meningite è una grave malattia dovuta all'infiammazione delle meningi, le membrane che rivestono il cervello. I sintomi principali della malattia sono febbre, nausea, vomito e irritazione delle membrane meningee che il paziente avverte come una forma di rigidezza dei muscoli nucali. 

L’unica misura veramente sicura ed efficace per prevenirla è la vaccinazione.

"La meningite è un fattore ancora presente, non debellato, e colpisce con una violenza inaudita, ed è per questo che noi consigliamo fortemente alle famiglie di vaccinare i figli" - ha dichiarato Alessio D'Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio, in un'intervista al "Messaggero". "Purtroppo il vaccino per la meningite non è tra quelli obbligatori - ha precisato l'assessore - e per questo auspichiamo che il Ministero della Salute valuti al più presto di farlo rientrare tra i necessari anche per accedere a scuola.

Intanto, ho già dato mandato alla nostra equipe tecnico - scientifica di valutare se, come Regione, siamo nelle condizioni per agire motu proprio rendendolo obbligatorio" - ha spiegato D'Amato. Questo perché - prosegue l'assessore Regionale - anche una singola vita è importante e Federico ci dice che di meningite si continua a morire". 


ARTICOLI CORRELATI
Già conclusa profilassi per famiglia e alunni maestra romana
L'assessore Alessio D'Amato: "Una scelta che riduce la burocrazia senza abbassare i livelli della prevenzione"
Un bambino si è sentito male nella giornata di sabato, in un primo momento si è temuto che si trattasse di meningite
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
La Calabria sempre più martoriata, che cammina lentamente e con la retromarcia innestata, vive una situazione pre-elettorale all'insegna del caos e di maggiore povertà
Data di pubblicazione: 2019-11-08 11:41:22
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]