Affile Agosta Albano Laziale Allumiere Anguillara Sabazia Anticoli Corrado
Anzio Arcinazzo Romano Ardea Ariccia Arsoli Artena
Bellegra Bracciano Camerata Nuova Campagnano di Roma Canale Monterano Canterano
Capena Capranica Prenestina Carpineto Romano Casape Castel Gandolfo Castel Madama
Castel San Pietro Romano Castelnuovo di Porto Cave Cerreto Laziale Cervara di Roma Cerveteri
Ciampino Ciciliano Cineto Romano Civitavecchia Civitella San Paolo Colleferro
Colonna Fiano Romano Filacciano Fiumicino Fonte Nuova Formello
Frascati Gallicano nel Lazio Gavignano Genazzano Genzano di Roma Gerano
Gorga Grottaferrata Guidonia Montecelio Jenne Labico Ladispoli
Lanuvio Lariano Licenza Magliano Romano Mandela Manziana
Marano Equo Marcellina Marino Mazzano Romano Mentana Monte Compatri
Monte Porzio Catone Monteflavio Montelanico Montelibretti Monterotondo Montorio Romano
Moricone Morlupo Nazzano Nemi Nerola Nettuno
Olevano Romano Palestrina Palombara Sabina Percile Pisoniano Poli
Pomezia Ponzano Romano Riano Rignano Flaminio Riofreddo Rocca Canterano
Rocca di Cave Rocca di Papa Rocca Priora Rocca Santo Stefano Roccagiovine Roiate
Roma Roviano Sacrofano Sambuci San Cesareo San Gregorio da Sassola
San Polo dei Cavalieri San Vito Romano Sant'Angelo Romano Sant'Oreste Santa Marinella Saracinesco
Segni Subiaco Tivoli Tolfa Torrita Tiberina Trevignano Romano
Vallepietra Vallinfreda Valmontone Velletri Vicovaro Vivaro Romano
Zagarolo
Lunedì 24 Giugno 2019 ore 23:24
PATRIOTTISMO O SOLO COMMEMORAZIONE
Anzio, prove di patriottismo
Continuano le prove per la commemorazione dello sbarco di Anzio; patriottismo o commemorazione strumentalizzata?

“Nonostante il tenero amore che nutro per il mio Paese, non ho mai saputo essere un grande patriota né un nazionalista… E ben presto è nata in me una diffidenza verso i confini… Col passare degli anni mi sono sentito ineluttabilmente spinto ad apprezzare maggiormente ciò che unisce uomini e nazioni piuttosto che ciò che li divide” così Hermann Hesse a proposito della patria, dei suoi confini, del patriottismo che, spesso, ne deriva.

Si parla di patriottismo, di nazionalismo come sua naturale contrapposizione, di confini e della loro difesa in un momento in cui la Brexit ha messo in sera discussione l’UE nella sua ideologica struttura portante, donando nuova linfa ad argomenti e temi che sembravano essere ormai defunti e sorpassati oltre che anacronistici. Soprattutto con il tema immigrazione si è ritornato a parlare di confini e della loro difesa e il termine nazionalismo sembra prevalere rispetto alla parola patriottismo che la commemorazione dello sbarco di Anzio, così come altre cerimonie ufficiali, richiama con quella doverosa solennità cui l’inno nazionale ci richiama con le sue toccanti e penetranti note. È quanto avviene nell’assistere alle prove effettuate da forze dell’ordine e forze armate durante le quali la presenza della fanfara che intona l’inno di Mameli trasmette sensazioni che, probabilmente, sono più uniche che rare.

Oggi si sprecano gli sforzi per distinguere patriottismo e nazionalismo, i tentativi di spiegare che storicamente il nazionalismo, affermandosi, è degenerato in politiche imperialistiche, mentre il patriottismo è cosmopolita e dunque internazionalista; eppure quando si parla di patriottismo e di patria si parla di nazione benché  “Il patriottismo è amare la propria gente; il nazionalismo è odiare gli altri” come sosteneva lo scrittore lituano, naturalizzato francese, di origine ebraica Romain Gary.

“Per noi fascisti le frontiere, tutte le frontiere, sono sacre. Non si discutono: si difendono” tuonava Mussolini, ma i tempi erano diversi, sia politicamente sia storicamente, sia geograficamente sia a livello di politica internazionale e oggi, in un momento in cui si dovrebbe parlare di unità internazionale sono proprio quelle istituzioni che ne dovrebbero sancire la definitività a ostacolarne la radicazione attraverso una predominanza di interessi nazionali, mai sopiti e mal celati, che opacizzano emarginandoli gli interessi sovranazionali.   

Forse, a questo punto, dovremmo ammettere che la Fallaci avesse ragione quando sosteneva che “La Patria non è un'opinione. O una bandiera e basta. La Patria è un vincolo fatto di molti vincoli che stanno nella nostra carne e nella nostra anima, nella nostra memoria genetica. È un legame che non si può estirpare come un pelo inopportuno.”

In fondo siamo ancora troppo arretrati come umanità per poter pensare ad una vera ed effettiva identità e unità sovranazionale, funzionante, efficiente e svincolata da interessi di bandiera; la prova non è data solo da una UE zoppicante che arranca, pare, solo grazie ad una nazionalizzazione bilingue della stessa ma anche da una ONU che, in realtà, è fortemente nazionalizzata e svincolata dal suo progetto originario; dovremo lavorare tantissimo per poter giungere a quanto, solo teoricamente, è posto come obiettivo globale.

In fondo possiamo considerare profetiche le parole di Omero “Nulla è tanto dolce quanto la propria patria e famiglia, per quanto uno abbia in terre strane e lontane la magione più opulenta”  mentre nell’ascoltare le note del nostro inno nazionale lasciamo che ci emozioni in modo inaspettato ma patriottico.


ARTICOLI CORRELATI
Speriamo che il nostro appello sia accolto da chi potrà attribuire al museo il valore e l'importanza che merita
Il 18 febbraio Roger Waters, fondatore dei Pink Floyd, sarà a Villa Sarsina
Il padre del leader dei Pink Floyd morì ad Aprilia durante lo sbarco degli Alleati ad Anzio
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
3
Tutti trasmettono un sentimento di tristezza che traspare dal loro aspetto e comportamento. Un ippopotamo reso apatico, ristretto in pochi metri
4
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
5
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]