Giovedì 27 Giugno 2019 ore 02:36
INSIEME O DIVISI?
Brexit: "Restiamo o partiamo" è la metafora della situazione italiana
Brexit, "Restiamo o partiamo?" è la metafora della situazione italiana, nel nostro governo: "Insieme o divisi?"

Al di là delle conseguenze economiche, tecniche, di riorganizzazione amministrativa e via discorrendo, di cui si potrebbe parlare all'infinito, le previsioni restano appunto tali e per natura variabili, ma Brexit rappresenta già oggi un fattore divisorio sociale di alto impatto. Molti rapporti sono cambiati, stanno cambiando e cambieranno non solo a livello macro in Gran Bretagna e tra la Gran Bretagna e l'Europa, ma altresì micro, all'interno di una medesima famiglia, una città o una scuola. Semplici amici o vicini - già solidali e disponibili ad aiutarsi l'uno con altro per riparare un sifone, accettare un pacco alla porta,  o spostare un mobile dal giardino alla strada - pur nei limiti della poco consistente brillantezza sociale britannica, oggi postano sui social petizioni di colore opposto: gli uni per chiedere al Governo di spostare di qualche mese la deadline del 29 Marzo 2019 come data di uscita ufficiale del Paese dall'Europa, in modo da non dover esser costretti a decidere sul futuro troppo frettolosamente data l'alta posta in palio, gli altri -  all'opposto -  proprio per non modificarla - permettendo così alla Gran Bretagna di sfilarsi da tutto e da tutti con un taglio netto: Brexit means Brexit, ossia Brexit vuol dire solo Brexit.

Brexit: Così stanno le cose

Anzi no. La vita è un compromesso, dalle basse alle alte sfere del vivere, dal respiro di una famiglia di quattro persone, a quello di un Paese di quasi 60 milioni. Il ritrovarsi a metà strada di un cammino, è il solo modo - a volte, quando le carte stanno sul tavolo - per raggiungersi, comprendersi e condividersi, a meno che, appunto - e questo è proprio in sé il fine della Brexit, l'obiettivo madre sia proprio spaccarsi al solo fine di imporsi. 

La debolezza maggiore del Governo May è quest'ultima: imporsi senza tendere la mano alla metà meno uno del Paese che ha votato per rimanere, e raggiungere un compromesso degno di un nome tale: questo Primo Ministro che la domenica si batte il petto in Chiesa e poi di nascosto cerca di eliminare norme come il recepito The Human Right Act - si è bendata e tira ostinatamente dritto senza una meta - anche là dove i numeri stessi per raggiunger tale scopo, comunque sia mancano: Theresa May ha una maggioranza scarna e volubile, adatta solo a restare attaccata alla bombola di ossigeno con una mascherina in bocca e non forte abbastanza da potersi alzare in piedi - fare una proposta sensata e abbandonare il coma vegetale in cui versa staticamente da oltre due anni e mezzo, ossia dalla data del referendum di Giugno.

Brexit, resti o te ne vai?

Il problema della Brexit e dell'esito vittorioso del Leave per 51.5% contro 48.5% del Remain, non è solo quello di concretizzare l'uscita e realizzare il dettato popolare (pur se spinto e sostenuto da bugie grossolane, una per tutte, i miliardi versati a Bruxelles da domani andranno al Servizio Sanitario Nazionale ...), ma di definirlo in senso produttivo per il Paese. Uscire da un Ristorante o da un Club è lecito, ma va fatto prima pagando il conto e poi stabilendo a due, quando vi si può tornare. Molti Brexiteers qui, invece pretendono di alzarsi, andarsene, e in futuro poter servirsi solo di ciò che dell'Europa fa comodo: due per tutte, vogliono il passaggio delle merci senza costi alle dogane - col blocco della libera circolazione agli Europei alle frontiere. Come dicono qui: scegliersi la torta e mangiarsela a sbafo.

Difficilissimo fare previsioni e attaccarsi al buon senso che ...ma sì alla fine, ad un centimetro dal precipizio il Governo May chiederà finalmente una proroga all'Europa; questo è un azzardo, specie se si volta lo sguardo ad ammirare chi sta tirando la volata di arrivo: un Partito Conservatore totalmente spaccato a metà, avido e becero e dietro, che arranca in salita e col cambio rotto per modificare la marcia, quello Laburista che lo segue a distanza senza davvero credere alla vittoria del Paese.

In futuro, Brexit o meno, in questo Paese crollerà anche l'ultimo mito dei due Partiti blocco arroccati a sé: coi Liberal Democrats a cui resteranno le briciole o forse fungeranno finalmente da ago della bilancia nei Governi di coalizione che prevediamo, Conservatori e Laburisti andranno a dividersi formalmente, come tanti prodotti da scaffale al supermercato: formaggio con e senza lattosio ... yogurt light, naturale o senza zuccheri, e sarà buona cosa perché tanti giovani e illuminati nella vita britannica di oggi oggi non si riconoscono più in questi due dinosauri istituzionali.

In Italia, in un casino simile, ci si affiderebbe ad un miracolo, Sant'Ambrogio, Padre Pio o San Gennaro aiuto! Accorrete a salvarci! Ma questa non è Terra di Santi. Sono finiti in liquidazione da tempo. Le processioni i britannici le fanno solo verso il pub il venerdi sera. E comunque: Brexit, "Restiamo o partiamo?" è la metafora della situazione italiana, nel nostro governo: "Insieme o divisi?".

La saga continua, e per chiudere con una citazione per chi mi conosce, senza ahime' ancora previsioni per il Regno Unito di sistemarsi in futuro in un Un posto al sole.

Leggi anche:

Chef, Gianfranco Vissani: "Basta con le donne, prendo un anno sabbatico"

Parigi, l'Hotel Castille e L'Assaggio Ristorante per regalarvi un sogno

Bolzano è accoglienza e bellezza ma anche la cucina del Ristorante 1524


ARTICOLI CORRELATI
Il Regno Unito è cambiato: si è incattivito per i tagli e per l'austerità dei Conservatori
Un 21enne romeno faceva parte di una banda che operava anche fra Latina e Aprilia. Catturato all'aeroporto di Fiumicino
Accuse per sostituzione di persona, utilizzo di passaporto falso e sospetti di attività criminose, finalizzate al reale finanziamento di azioni terroristiche
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
È iniziato lo spoglio. Testa a testa tra i due candidati. Stefano Cacciotti esce vincitore dalla sfida a due
2
La prima cittadina: gli impegni dei miei primi cento giorni
3
Congresso Famiglie Verona: “Epic fail cara Monica, la Galli bacia la sorella”



4
Caos per il reddito di cittadinanza nella Regione Lazio, "la strumentazione non è arrivata dall'Anpal"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]