Domenica 25 Agosto 2019 ore 13:35
Omicidio Vannini, l'analisi del tecnico sull'arma del delitto
La pistola, una Beretta 84 F, è conosciuta per essere una delle pistola più sicure in produzione, un’arma a "prova di stupido"

"Non sono bastati 44 mesi per avere giustizia di mio figlio". Queste le parole della madre di Marco Vannini. E’un dramma pieno di dubbi quello accaduto nel 2015 a casa del suocero di Marco, Antonio Ciontoli. Molti dubbi restano ancora da chiarire su quello che è effettivamente accaduto quella maledetta giornata. Ciontoli, militare di carriera e in forza ai servizi d’informazione, (segreti. N.d.R.) mostrò la pistola al giovane fidanzato di sua figlia e, per errore, partì un colpo. Una dinamica molto difficile da accettare per la famiglia di Marco ma non solo per loro. La pistola, una Beretta 84 F calibro 9 corto, è conosciuta nel mondo per essere una delle pistola più sicure in produzione; in pratica un’arma a "prova di stupido", come viene definita nel mondo degli appassionati. Ciononostante la Beretta ha sparato e ha colpito il povero ragazzo all’ascella destra, lesionando, pesantemente, i polmoni e il cuore. Lascia basiti con quanta leggerezza Ciontoli tirò fuori l’arma in presenza del genero, con il caricatore pieno e il colpo in canna. Lui militare di carriera, con un curriculum di agente segreto, addestrato e abilitato al porto delle armi d’ordinanza e non solo, si sarebbe trovato a maneggiare un’arma carica mentre il giovane era intento a lavarsi nella vasca da bagno padronale. La Beretta era riposta in un armadietto. Secondo la dinamica il militare avrebbe estratto l’arma dal cassetto e mentre tentava di scaricarla sarebbe partito un colpo. Una ricostruzione nebulosa e, sinceramente, carente delle principali norme di addestramento, ma anche di buonsenso, sulla custodia di una pistola, imprudentemente maneggiata alla presenza di estranei, in un luogo d’accesso obbligato, notoriamente pericoloso per le armi, stante la propensione delle mattonelle a procurare pericolosi rimbalzi alle pallottole. In qualsiasi manuale d’addestramento alle armi corte, si trova la raccomandazione di non maneggiare una pistola all’interno di una abitazione, alla presenza di estranei, tantomeno in luoghi con rivestimenti murari in mattonelle o affini. Troppi gli errori e le omissioni, troppa la leggerezza del militare di carriera, ma soprattutto assurdo il comportamento di tutta la famiglia Ciontoli dopo il fatto di sangue.

* Massimiliano Burri, perito balistico del Tribunale Penale di Roma.

Processo Vannini, Pascucci: Mi vergogno di indossare la fascia tricolore

Processo Vannini. Incredulità, pena ridotta a 5 anni per Ciontoli


ARTICOLI CORRELATI
"Provo un senso di vergogna nell'indossare la fascia tricolore in rappresentanza di uno Stato che lascia impuniti gli assassini di Marco"
La sentenza condannò Antonio Ciontoli per aver esploso colposamente un colpo di pistola che uccise il 20enne Marco Vannini
In primo grado Antonio Ciontoli era stato condannato a 14 anni
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Nelle prime ore del mattino tragico incidente in via Giulianello
Data di pubblicazione: 2019-08-11 11:55:27
2
Dal 2009 ad oggi il Dottor Garrotto ha eseguito circa 3.000 interventi di chirurgia metabolica
Data di pubblicazione: 2019-08-07 17:09:29
3
"L'incidente, considerato l'elevato numero di frammenti precipitati al suolo, avrebbe potuto avere conseguenze gravissime per gli abitanti"
Data di pubblicazione: 2019-08-11 21:35:23
4
Le attività di controllo per tutelare i consumatori si sono svolte in tre supermercati della zona
Data di pubblicazione: 2019-08-05 11:15:54
5
La polemica è di Massimo Fini, noto per il suo atteggiamento anarchico e le critiche feroci all'Occidente
Data di pubblicazione: 2019-08-02 17:32:36
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]