Affile Agosta Albano Laziale Allumiere Anguillara Sabazia Anticoli Corrado
Anzio Arcinazzo Romano Ardea Ariccia Arsoli Artena
Bellegra Bracciano Camerata Nuova Campagnano di Roma Canale Monterano Canterano
Capena Capranica Prenestina Carpineto Romano Casape Castel Gandolfo Castel Madama
Castel San Pietro Romano Castelnuovo di Porto Cave Cerreto Laziale Cervara di Roma Cerveteri
Ciampino Ciciliano Cineto Romano Civitavecchia Civitella San Paolo Colleferro
Colonna Fiano Romano Filacciano Fiumicino Fonte Nuova Formello
Frascati Gallicano nel Lazio Gavignano Genazzano Genzano di Roma Gerano
Gorga Grottaferrata Guidonia Montecelio Jenne Labico Ladispoli
Lanuvio Lariano Licenza Magliano Romano Mandela Manziana
Marano Equo Marcellina Marino Mazzano Romano Mentana Monte Compatri
Monte Porzio Catone Monteflavio Montelanico Montelibretti Monterotondo Montorio Romano
Moricone Morlupo Nazzano Nemi Nerola Nettuno
Olevano Romano Palestrina Palombara Sabina Percile Pisoniano Poli
Pomezia Ponzano Romano Riano Rignano Flaminio Riofreddo Rocca Canterano
Rocca di Cave Rocca di Papa Rocca Priora Rocca Santo Stefano Roccagiovine Roiate
Roma Roviano Sacrofano Sambuci San Cesareo San Gregorio da Sassola
San Polo dei Cavalieri San Vito Romano Sant'Angelo Romano Sant'Oreste Santa Marinella Saracinesco
Segni Subiaco Tivoli Tolfa Torrita Tiberina Trevignano Romano
Vallepietra Vallinfreda Valmontone Velletri Vicovaro Vivaro Romano
Zagarolo
Martedì 15 Ottobre 2019 ore 14:13
CALCIO
Clamorosa sconfitta della Roma a Firenze: i viola vincono 7-1
I giallorossi escono dalla Coppa Italia dopo una prestazione indegna. Tutti sotto accusa

Un'umiliazione dalla quale non si torna indietro. Un altro 7-1, stavolta non contro Rooney e Cristiano Ronaldo, nè contro Robben e Ribery: a far sprofondare la Roma sono state le giocate dei pur talentuosi Chiesa e Muriel. 
Lo psicodramma andato in scena al Franchi di Firenze rappresenta senza dubbio il punto più basso della gestione americana a Roma, un momento che dovrebbe e sicuramente farà molto riflettere a Trigoria, dove adesso nessuno si potrà permettere di sentirsi innocente di fronte a tale scempio. La panchina di Di Francesco, dopo aver superato diverse turbolenze nell'ultimo anno e mezzo, vacilla come mai prima d'ora, e la partita col Milan potrebbe essere la sua ultima, in caso non si arrivi a una rottura già prima. Ultima spiaggia, quindi, come lo era stata quel Roma-Genoa che poi diede il via a un'illusoria striscia positiva che, con il senno di poi, la si può imputare più ad un'effimera reazione d'orgoglio, piuttosto che alla reale convinzione reciproca tra giocatori e staff tecnico. 
La Roma dà l'impressione di navigare a vista già da un paio di mesi: le voci sull'allenatore vanno e vengono sull'onda dei risultati, cosa che non dovrebbe succedere quando si ha la piena fiducia nel proprio Mister (ammesso che questa appartenga a tutti gli stati generali di Trigoria).
Nell'undici giallorosso sceso a Firenze non funziona nulla. La difesa è solo la punta dell'iceberg: accanto a Fazio, stavolta affonda pure Manolas; sugli esterni, Kolarov si fa costantemente infilare da Chiesa, e ormai le sue giocate offensive non sono più neanche fumo negli occhi dei tifosi romanisti. Sulla mediana Cristante e N'Zonzi naufragano quando la squadra si allunga, ma sono anche vittime dei loro stessi limiti nella gestione del pallone. Proprio il centrocampista italiano si rende poi protagonista di un litigio in campo (e negli spogliatoi) con Dzeko, nervoso a livelli inaccettabili (come ormai ci ha abituato a essere) dopo il quarto gol avversario. 
Le responsabilità vanno inevitabilmente anche e soprattutto al ds Monchi, ovvero l'artefice della squadra. Sulle spalle dell'ex Siviglia pesano alcune scelte estive come l'acquisto di Pastore, giocatore che non è mai stato in grado di dare il suo apporto di qualità alla squadra e che è stato sorpassato prima da Pellegrini e poi da Zaniolo. Discutibile anche la decisione di non affiancare (neanche nel mercato di gennaio, con la fumata nera dell'affare-Vida) un vero titolare a Manolas, ruotando accanto al greco gli insufficienti Fazio, Marcano e Juan Jesus. 
Il dirigente spagnolo è probabilmente il più accusato in casa Roma, oltre a essere forse l'unico a credere ancora in Di Francesco all'interno di Trigoria. Voci danno infatti Baldissoni e Baldini spingere per un cambio di tecnico, e sicuramente saranno fondamentali i colloqui con Pallotta delle prossime ore.
L'allenatore abruzzese non sembra infatti intento a rassegnare le dimissioni: le prossime ore saranno decisive.

 


ARTICOLI CORRELATI
Annunciata la separazione con il tecnico ex Sassuolo, la dirigenza giallorossa ha stretto l'accordo con l'allenatore testaccino
Il dirigente spagnolo lascia la società giallorossa a seguito della fine dell'era Di Francesco
Il tecnico portoghese è il favorito: l'alternativa è De Zerbi. Ma se la Juve non dovesse chiudere con Sarri, i giallorossi proverebbero l'affondo
I PIU' LETTI IN SPORT
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Un rigore di Jorginho e Bernardeschi stendono la squadra di Van't Schip
Data di pubblicazione: 2019-10-13 09:34:52
1
Finisce con Orsato che manda le squadre negli spogliatoi, una bellissima sfida al Dall’Ara e un punto per parte
Data di pubblicazione: 2019-10-06 19:15:51
2
Nel prossimo turno di Europa League la Lazio giocherà in trasferta contro il Celtic, per il Rennes impegno casalingo con il Cluji
Data di pubblicazione: 2019-10-04 08:45:25
3
Una partita non brillantissima dei ragazzi di Inzaghi, ma che sono riusciti a rimontarla ed a guadagnare i primi tre punti europei
Data di pubblicazione: 2019-10-03 23:17:01
4
I giallorossi trovano il vantaggio con Spinazzola da corner, poi gli austriaci pareggiano con un gran gol di Liendl
Data di pubblicazione: 2019-10-03 21:33:42
5
Partita ricca di emozioni quella del Dall'Ara di Bologna, che è terminata con un punto a testa
Data di pubblicazione: 2019-10-06 17:41:28
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]