Sabato 25 Maggio 2019 ore 07:10
GREEN ENERGY STORAGE
La startup dell’efficienza energetica riporta i ricercatori in Italia
Ilaria Pucher è una giovane ricercatrice in Fisica, laurea a Trento e PhD in Florida, che vive e lavora da anni negli Usa

Giovani talenti, una partnership con Harvard University e l’impegno di professionisti italiani: la storia di Green Energy Storage e dei suoi sistemi di accumulo di energie rinnovabili, per vincere la sfida al climate change.

Ilaria Pucher è una giovane ricercatrice in Fisica- laurea a Trento e PhD in Florida- che vive e lavora da anni negli Usa, dove si occupa di energie rinnovabili, quando nel 2017 viene richiamata in Italia per dirigere il team di R&D di Green Energy Storage.

Ho sempre avuto la passione per la matematica e le materie scientifiche, mi diverte sperimentare, giocare con la scienza e provare e imparare cose nuove. La fisica era il giusto percorso scientifico per mettermi alla prova davvero: mi sono laureata in Italia e poi, finito il mio dottorato nell’Università della Florida, ho iniziato a cercare lavoro nel settore privato, in cerca di nuovi stimoli” spiega Pucher. “GES mi ha offerto due grosse possibilità: continuare a lavorare sulle energie rinnovabili, applicando quello che avevo imparato durante i miei anni di dottorato e post-dottorato, in cui avevo lavorato su elettrolisi dell’acqua, e tornare a casa, a Trento, dopo tanti anni negli Stati Uniti” .

Nata nel 2015, Green Energy Storage è una startup innovativa di professionisti italiani operanti nel settore dell’efficienza energetica, della ricerca e delle tecnologie d’avanguardia. Partendo da tecnologie acquisite dall'Università di Harvard, Green Energy Storage ha sviluppato un sistema di batterie a flusso a basso impatto ambientale che permette di utilizzare l'energia prodotta da fonti rinnovabili con flessibilità, riducendo contemporaneamente i costi. La tecnologia a basso impatto ambientale, la scalabilità e la soluzione personalizzabile in base alle esigenze dei clienti hanno permesso a Green Energy Storage di guadagnare diversi riconoscimenti e finanziamenti all’interno del programma Horizon 2020 dell’Unione Europea, da parte della Provincia di Trento e dal Governo olandese, con un grant vinto nel 2018.

In Green Energy Storage, Ilaria Pucher è manager della parte di ricerca e sviluppo: con il suo team- oltre dieci risorse con altissime specializzazioni- si occupa di tutto ciò che riguarda la tecnologia e il funzionamento di base della cella, dagli elettrodi alla membrana, agli elettroliti. Supportati da un comitato scientifico guidato da docenti della Harvard University e dal direttore dell’Unità ARES della Fondazione Bruno Kessler, il team R&D di GES è sempre alla ricerca di soluzioni innovative, migliorando al tempo stesso quelle attuali.

Ancora per qualche giorno, Green Energy Storage è attiva con la sua seconda campagna di crowdfunding sulla piattaforma Mamacrowd: l’obiettivo è quello di raccogliere fondi per potenziare la produzione dei propri sistemi di accumulo di energie rinnovabili, e ha già quasi raggiunto la quota di 1 milione e mezzo.

Dopo la prima campagna di crowdfunding, Green Energy Storage è diventata a tutti gli effetti una public company” spiega Salvatore Pinto, Presidente GES- “Accanto ai tanti investitori crowd si sono uniti anche importanti investitori professionali e questa seconda campagna sta vedendo realizzarsi nuovamente questo buon mix di piccoli e grandi investitori. I fondi raccolti serviranno ad avviare la prima grande serie commerciale e a continuare le assunzioni di talenti altamente specializzati. La società si rafforza per vincere la sfida globale dell'energia attraverso delle batterie a flusso a basso impatto ambientale."

Dissesto geologico, confronto tra Sergio Pirozzi e Mario Tozzi

Valerio Rossi Albertini: La scienza è di parte e non accetta compromessi


ARTICOLI CORRELATI
Il nuovo termine scade lunedì 14 aprile
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Sono venuta a lavorare a Roma per pagare le cure di mio figlio. La vita in strada è un incubo, ma presto ne verrò fuori"
2
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
3
L’abitante delle zone colpite dal sisma ha portato alla luce cose impensabili, inimmaginabili
4
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
5
Mario Tozzi: “Chi fa il rabdomante per lavoro è un imbroglione e chi si affida a un imbroglione è un cretino”
1
La confessione di un fotografo: "Durante un matrimonio non si trovata la sposa al ristorante..."
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]