Venerdì 23 Agosto 2019 ore 21:42
Sanremo, Alba Parietti: "i cantanti più sexy? Renga e Silvestri"
I ricordi di Alba: "Una volta entrò nei camerini dell'Ariston un cane anti bomba e qualcuno sbiancò. Chissà, magari avevano qualche cannetta"

Alba Parietti è intervenuta ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format "I Lunatici".

Alba Parietti ha commentato l'inizio del Festival di Sanremo: "Lo seguo, l'ho fatto talmente tante volte che per me è quasi una sofferenza fisica non esserci. Sono a Sanremo da 27 anni. Prima in veste di presentatrice, poi ho fatto 3 volte il dopo Festival, preso parte alla giuria di qualità e fatto l'opinionista vari anni. Non ne ho saltato uno, credo di essere abbastanza esperta di musica, ho fatto anche la cantante. Tra le canzoni in gara mi piacciono Patty Pravo, la Bertè, Paola Turci. Bello il pezzo di Nek, il testo di Cristicchi è il migliore di questo Festival, non c'è dubbio. Mi sarei aspettata un po' di più sui testi, non sono stati curati come in altri anni. Mi è piaciuto molto Daniele Silvestri, ma secondo me Loredana ha uno dei pezzi più forti in assoluto, l'ho trovata bene, in palla. I presentatori mi piacciono. Baglioni è stato l'idolo di tutta la mia vita, la Raffaele è la più brava che ci sia in Italia in assoluto. Hanno faticato un po' all'inizio, ma ci sta, quel palco fa sempre effetto. Il figlio di Bocelli? Un capolavoro assoluto, un ragazzo bellissimo, di una bellezza quasi inquietante. Un Alain Delon più alto. Tra gli ospiti mi è piaciuta tantissima Giorgia. E' pazzesca, il suo talento è sottovalutato rispetto alle sue capacità".

Su chi sia l'uomo più sexy del Festival: "Renga ha una bella dentatura. Ormai gli uomini li considero come i cavalli, li considero sotto l'aspetto bestiale, siccome i cavalli si giudicano dai denti, se tu vedi Renga ti colpisce, il suo sorriso arriva prima di lui. Anche Silvestri è un bello stropicciatone, alle donne piace sempre il finto trasandato che poi si sarà curato più di quelli che si curano, il finto trasandato è tremendo".

La Parietti, poi, ha svelato un aneddoto sui Festival del passato: "Ricordi? Ne potrei raccontare tanti. Una volta entrò nei camerini dell'Ariston un cane anti bomba. Io stavo per salire sul palco, era il periodo in cui mettevano le bombe. Quando entrò questo cane, qualcuno sbiancò. Magari c'era chi aveva nascosto qualche cannetta da qualche parte. Infatti il signore che guidava questo cane, vedendo tante facce preoccupate, disse a tutti di stare tranquilli, perché era un cane antibomba, non antidroga. Magari c'era qualche cantante che non era perfettamente in regola, c'era chi aveva qualche vizietto in più rispetto agli altri. Cose leggere, comunque. Poi un'altra volta, mentre stavo per salire sul palco, sentii in gran casino e mi accorsi che aveva fatto irruzione cavallo pazzo. Non capivo più niente, dovevo entrare e pensai che quello stesse rovinando il momento più atteso della mia vita".

Sull'Isola dei Famosi: "Come se la sta cavando Brosio? E' preoccupato per i bisognini di una naufraga. Questi uomini sono troppo fragili, bisogna trattarli con cura perché sono fatti di briciole. Io mi sto divertendo molto, ho trovato anche una D'Eusanio con cui ci stiamo trovando a meraviglia". 

LEGGI ANCHE:

Lazio, previsioni meteo: tempo stabile e mite per qualche giorno

Lazio, Videosorveglianza:dallo Stato in arrivo 626mila euro per i Comuni


ARTICOLI CORRELATI
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti
Vita e morte della reginetta delle pin up, Bettie Page
Riceviamo e Pubblichiamo da Renato Centofanti:
I PIU' LETTI IN INTERVISTE
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Con lo spettacolo "Le parole note" con Giancarlo Giannini si è chiusa la quarta edizione dell'Ostia antica Festival
Data di pubblicazione: 2019-08-05 18:14:08
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]