Martedì 10 Dicembre 2019 ore 17:11
VIVA L'AMBIENTE
L'On. Maria Cristina Caretta: "Sono con orgoglio cacciatrice"
"I cacciatori? Cittadini di serie A. Purtroppo c’è chi pensa che la vita di un animale valga più di quella di un essere umano”

L’Onorevole Maria Cristina Caretta di Fratelli d’Italia è intervenuta ai microfoni de L’Italia s’è Desta su Radio Cusano Campus. La deputata di Fratelli d’Italia ha presentato una proposta di legge per punire chi disturba o cerca di impedire le attività dei cacciatori e pescatori.

Caccia necessaria per gestire il territorio. “Ci sono persone che nel rispetto di leggi comunitarie, nazionali e regionali esercitano attività venatoria e pescatoria si trovano ad essere molestati e vessati da gruppi che in maniera ideologica la pensano in maniera diversa. La caccia e la pesca sono attività che hanno influenzato la vita umana sin dalle origini. Se una volta si cacciava per necessità oggi la caccia è diventata gestione del territorio e del patrimonio faunistico. Un albero da frutto, per dare frutti sempre più rigogliosi, deve essere irrigato, pulito dalle erbe infestanti ma deve essere anche potato. Il cacciatore rappresenta quelle mani sapienti che vanno a potare quell’albero in modo tale che possa dare frutti anche per le generazioni future”.

Orgogliosamente cacciatrice. Sono orgogliosamente cacciatrice. Io arrivo dal Veneto quindi amo cacciare la fauna migratoria in generale, in particolare gli acquatici. Questa è una tradizione delle nostre valli venete. In Italia c’è una forte tradizione a livello di caccia. L’Italia rappresenta un’anomalia rispetto agli paesi dell’Unione Europea. Solo in Italia c’è questo scontro ideologico accesa tra cacciatori e pescatori con gruppi estremisti animal/ambientalisti”.

Scontro cacciatori e animalisti. “Quelli che esultano quando muore un cacciatore? È un bruttissimo fenomeno, non si dovrebbe mai esultare quando muore una persona. È giusto punire chi va ad impedire un’attività lecita prevista dalle leggi. Abbiamo avuto molti casi in Italia di persone che vanno a caccia e vengono aggredite verbalmente e fisicamente da squadre di estremisti che vogliono provocare i cacciatori. Questi facinorosi arrivano anche allo scontro fisico. Abbiamo avuto un caso, nel mantovano. È stato picchiato un cacciatore che è rimasto sulla sedia a rotelle. Per questo abbiamo presentato questa proposta di legge in Commissione Giustizia che prevede multe da 600 a 3600 euro. I cacciatori sono cittadini di serie A, con la fedina penale pulita perché altrimenti non potrebbero avere il porto d’armi”.

Umanizzazione degli animali. “Vita di un animale più preziosa di un essere umano? Purtroppo c’è chi la pensa così. Viviamo in un’epoca nella quale abbiamo umanizzato gli animali, togliendo loro la dignità di animale costringendoli a vivere come esseri umani, demonizzando invece cacciatori e pescatori. Credo sia giusto che l’animale mantenga il suo status”.

Foto pagina Facebook

LEGGI ANCHE:

Lazio, Videosorveglianza:dallo Stato in arrivo 626mila euro per i Comuni

Lazio, previsioni meteo:tempo stabile ma si intravedono i primi disturbi


ARTICOLI CORRELATI
Un’autentica bufera sui social media è stata causata da una cacciatrice americana, fotografata insieme al suo “trofeo”
Pesante il bilancio delle vittime anche tra i cacciatori
"Lupi piemontesi: abbiamo fatto 30... facciamo 31?"
I PIU' LETTI IN OPINIONI
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Allo stadio Olimpico per la quindicesima giornata di serie A, il big match tra Lazio e Juventus per una partita entusiasmante
Data di pubblicazione: 2019-12-08 16:10:09
1
Sesta vittoria consecutiva in campionato per la squadra di Inzaghi e Udinese che non è mai riuscita ad impensierire i biancocelesti
Data di pubblicazione: 2019-12-02 08:16:14
2
Se ti ammali negli Usa e non hai l'assicurazione, puoi anche morire senza cure
Data di pubblicazione: 2019-12-04 15:57:06
3
Allo stadio Olimpico per la quindicesima giornata di serie A, il big match tra Lazio e Juventus per una partita entusiasmante
Data di pubblicazione: 2019-12-08 16:10:09
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]