Martedì 19 Marzo 2019 ore 21:52
MIRACOLI
Il mistero di Torre Cajetani, la testa di Mussolini che sempre riappare
Su una parete all’ingresso del paese, dopo la porta di accesso al vecchio borgo, venne disegnata la testa di Mussolini

Ogni borgo ha un suo mistero intrigante che merita di essere raccontato, ma quello di Torre Cajetani ha qualcosa di veramente sorprendente. Torre Cajetani è un piccolo borgo medioevale su una altura dei monti Ernici da cui domina tutta la Valle Anticolana, quella con Fiuggi e il lago di Canterno. È nato attorno ad una torre di avvistamento romana poi trasformata in un castello dalla famiglia Teofilatto nel X secolo. Deve il suo nome a Papa Bonifacio VIII che lo aveva comprato quando andava a passare le acque a Fiuggi per curare i suoi calcoli renali. Ha un bellissimo Museo dell’Operetta con una rara collezione di teatrini dal 1600 e memorablia di Sandro Massimini, Wanda Osiris, Carlo Dapporto e Sophia Loren.

Ma il suo mistero inizia solo ai primi del secolo scorso. Nel 1915 il terribile terremoto di Avezzano e Sora aveva seriamente danneggiato il paese riducendolo in povertà. Con l’arrivo del fascismo, Mussolini si preoccupa di costruire un quartiere di case popolari che ancora si possono riconoscere. Ovviamente ognuna aveva un fascio all’entrata e riportava scritte di ringraziamento al Duce.

Così, per dare un omaggio perituro al Duce, su una parete all’ingresso del paese, proprio dopo la porta di accesso al vecchio borgo medioevale, venne disegnata la testa di Mussolini. Passano gli anni, cambia l’atteggiamento nei confronti del fascismo e questa testa rappresenta un motivo di imbarazzo per cui la soluzione migliore è coprirla e dimenticarsi di tutto. Strati di vernice vengono sovrapposti e tutto sembra finito.

Ma dopo qualche anno, ecco riapparire la testa in tutta la sua potenza. Di nuovo una mano di vernice. Magari le ultime sostanze sono più forti e riusciranno a coprire l’imbarazzante testa. Niente da fare. Sembra che la modernità delle ultime formule chimiche non possa far nulla contro la potenza delle vernici del fascismo che continuano ad avere la meglio e a far tornare fuori la testa. Oggi hanno provato a coprirla con manifesti pubblicitari e altro ma lei non demorde e fa capolino anche in mezzo a poster e tubi pluviali. Sarebbe quasi da trasformare in un elemento di attrazione. Tra le case popolari e la testa sembra di essere piombati in un’altra era.

Articolo e foto di Claudia Bettiol

Per conoscere meglio il borgo di Torre Cajetani

 

San Valentino a Bolzano con i luoghi dell'amore e i sapori del Laurin

Niente telefono a scuola. Proviamo a farne a meno magari la domenica?


ARTICOLI CORRELATI
Il corpo presenta ferite alla testa e al torace. Si ipotizza il suicidio
La senatrice per la prima volta dice la sua sull'iscrizione sul registro degli indagati del marito Floriani
Inutile la corsa all'ospedale Sandro Pertini. Secondo i medici fatale il grave trauma cranico causato dalla caduta del vaso
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
L'uomo sapendo di dover finire in carcere per un anno e mezzo si era allontanato dalla propria abitazione facendo perdere le proprie tracce
2
Nicola Orazi, noto imprenditore della zona, è caduto in un dirupo ed ha battuto la testa
3
Etichettatura personalizzata e spedizioni in tutta Italia
4
"Il nostro sistema nega ancora qualsiasi soggettività all'animale e punisce debolmente, con pene inefficaci i reati compiuti a danno degli animali"
5
Sono arrabbiati i papà separati che già devono sudare sette camicie per vedere rispettati i propri diritti
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]