Lunedì 22 Aprile 2019 ore 00:21
LAVORO
Roma, Landini in piazza San Giovanni gremita: Siamo noi il cambiamento
L' intervento dell'ex leader delle tute blu, più lungo del previsto, è spesso interrotto dagli applausi

Quando Maurizio Landini prende la parola, piazza San Giovanni è gremita e il suo intervento, più lungo del previsto, è spesso interrotto dagli applausi.

E' l'epilogo di una mattinata passata tra la gente. La sua prima manifestazione da segretario della Cgil inizia in piazza della Repubblica, dove verso le 9 si mette alla testa del corteo, ma poco dopo si infila tra i manifestanti, tanto che gli stessi organizzatori sono presi in contropiede: 'Non sappiamo dove sia', dicono a chi lo cerca. Poi torna in testa, al suo fianco i leader di Cisl e Uil, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. Selfie, strette di mano, dichiarazioni a tutti i giornalisti che lo avvicinano.

Gli slogan prendono di mira il governo ('Meno stati sui social, più stato sociale'), Di Maio ('No TAV uguale No Lav') ma soprattuto Salvini. Tanti cartelli con la scritta 'C'è una sola razza, quella umana' e dal corteo si leva un coro: "Landini, Landini caccia via Salvini!".

Lui, arrivato sul palco, si rivolge subito all'esecutivo gialloverde: "Se chi ci governa ha un briciolo di intelligenza deve ascoltare questa piazza, perché noi siamo il cambiamento".
Interpellato dalla 'Dire' sulla sua prima piazza da segretario, Landini sottolinea: "Da questa piazza emerge un'altra idea di Paese. Le aspettative su di me le sentivo anche prima...

Quando sono stato eletto ho capito che mi aspettava un compito impegnativo". Ma l'ex leader delle tute blu non crede all' uomo solo al comando: "E' molto importante il fatto che il lavoro da fare sia collettivo, questa piazza lo dimostra, perché qui c'è una grande domanda di partecipazione e questo ci dà forza.
Nessuno da solo può risolvere i problemi".

Tra i manifestanti, tanti delusi dalla sinistra e ora anche da Lega e 5 stelle, che pure in tanti hanno votato: "Il fatto che gli iscritti di Cgil, Cisl e Uil abbiano votato Lega e 5 Stelle è un dato oggettivo, ma le persone sono intelligenti e se sono qui- osserva- è perché i loro problemi non sono stati risolti: i precari sono rimasti precari, i salari sono ancora bassi, la riforma Fornero non è stata cambiata, l'evasione fiscale resta".

Quella di San Giovanni insomma è una piazza scontenta del governo, che fa fatica a riconoscersi nei partiti e cerca una rappresentanza. Lo spiega la leader della Fiom, Francesca Re David: "La politica tradizionale appare chiusa in se stessa e fa fatica a dare le risposte, perche' non ascolta. Non c'è dubbio che molti nostri iscritti abbiano votato Lega e 5stelle - osserva - e questo è avvenuto proprio perché non sono stati ascoltati.

Ora è forte il compito della rappresentanza sociale e c'è molta aspettativa". Aspettativa che investe in particolare il neo segretario della Cgil? "Si', e questo è positivo perché la gente si riconosce in lui e la relazione anche sentimentale con chi rappresentiamo ha la sua importanza".
(Tar/ Dire) (Foto di repertorio)


ARTICOLI CORRELATI
A Roma la manifestazione della Cgil, Cisl e Uil. In testa lo striscione "Lavoro è democrazia"
Oggi a Roma la manifestazione della Fiom per l'emergenza lavoro
Ma la Questura replica: "I manifestanti volevano occupare la stazione Termini". Landini chiede spiegazioni al governo
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Una Smart, guidata da una ragazza di Artena, per cause ancora da chiarire, si è scontrata frontalmente con una motocicletta
2
Lavorino: "16 anni fa per l'omicidio di Serena Mollicone il carrozziere Carmine Belli fece 18 mesi di ingiusta carcerazione"
3
Il Centro Funzionale Regionale ha emesso un bollettino con fase operativa di attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio
4
Si teme che possa essersi gettato nelle acque del lago, in una zona dove già in passato sono avvenuti suicidi
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]