Acquafondata Acuto Alatri Alvito Amaseno Anagni
Aquino Arce Arnara Arpino Atina Ausonia
Belmonte Castello Boville Ernica Broccostella Campoli Appennino Casalattico Casalvieri
Cassino Castelliri Castelnuovo Parano Castro dei Volsci Castrocielo Ceccano
Ceprano Cervaro Colfelice Colle San Magno Collepardo Coreno Ausonio
Esperia Falvaterra Ferentino Filettino Fiuggi Fontana Liri
Fontechiari Frosinone Fumone Gallinaro Giuliano di Roma Guarcino
Isola del Liri Monte San Giovanni Campano Morolo Paliano Pastena Patrica
Pescosolido Picinisco Pico Piedimonte San Germano Piglio Pignataro Interamna
Pofi Pontecorvo Posta Fibreno Ripi Rocca d'Arce Roccasecca
San Biagio Saracinisco San Donato Val di Comino San Giorgio a Liri San Giovanni Incarico San Vittore del Lazio Sant'Ambrogio sul Garigliano
Sant'Andrea del Garigliano Sant'Apollinare Sant'Elia Fiumerapido Santopadre Serrone Settefrati
Sgurgola Sora Strangolagalli Supino Terelle Torre Cajetani
Torrice Trevi nel Lazio Trivigliano Vallecorsa Vallemaio Vallerotonda
Veroli Vicalvi Vico nel Lazio Villa Latina Villa Santa Lucia Villa Santo Stefano
Viticuso
Lunedì 14 Ottobre 2019 ore 13:04
OPINIONI DIVERSE
E se la giuria del Festival di Sanremo 2019 fosse stata un'altra?
Abbiamo provato a immaginare come avrebbe giudicato e votato una giuria diversa dalla istituzionale, una giuria tra le più impossibili

Nell’ascoltare le canzoni nelle serate che hanno caratterizzato il 69° Festival della Canzone Italiana a Sanremo, non sapendo quale verità dare al giudizio finale, abbiamo provato ad immaginare come avrebbe giudicato e votato una giuria diversa dalla istituzionale, ovvero una giuria tra le più impossibili. E naturalmente, a chi, quella giuria, avrebbe assegnato la vittoria della palma. Mi riferisco a Pindaro, Saffo, Orazio, Ovidio, Nerone, la sorella di Pierluigi da Palestrina, Lombroso e Nietzsche. Una Giuria di certo qualificata e pronta a giudicare con serietà, acume e cultura, perché i suoi componenti non devono avere soltanto esperienza di musica ma anche di parole e di testi, ovvero come possono e debbono legare musica e parole. Infatti la manifestazione canora ed esibizionista, timbrata Baglioni, è attraversata da diversi generi musicali e da testi "poetici" e non, a volte incomprensibili e a volte satirici, per passare alle gesticolazioni, all’abbigliamento, alle storie sociali, educative, ambientali impresse nella fisiognomica degli artisti in gara.

Orazio, avrebbe gioito, ricordando il suo esametro dattilico utilizzato nelle Satire, mentre Nietzsche, avendolo scelto come forma metrica delle sue poesie, avrebbe giudicato positivamente le parole dei testi canori, "sputate" una di fila all’altra come proiettili da una mitragliera. Anche Saffo, poetessa degli epitalami, esperta di canti tribali, che amava cantare in prima persona i propri componimenti, attenta e temente le critiche del pubblico, in equilibro sulla parola “insieme” nella composizione dei suoi ditirambi, a chi avrebbe dato il voto migliore? Mentre Ovidio, maestro delle ripetitività metriche presenti nei distici elegiaci, dei trimetri giambici ma anche delle semplici strofe monodiche, avrebbe saputo dire la sua, con autorevolezza e competenza, nel giudizio e nel voto da esprimere per ogni partecipante alla manifestazione canora più attesa dagli Italiani.

E Pindaro, meglio conosciuto per i suoi “voli”, non sarebbe stato di parte, lui, poeta lirico di metri vari. Così, nel controsenso e nella follia del Rinascimento, anche la sorella di Pierluigi da Palestrina, occulta compositrice di alcune opere del fratello, alla vista di tante donne sul palco dell’Ariston, non avrebbe sfigurato per i suoi “sacri” giudizi. Qualcuno, certamente, avrebbe criticato la competenza del giurato Nerone, in questa speciale votazione. Ma quel qualcuno si sarebbe subito ricreduto conoscendo, dalle interviste rilasciate dal "nostro", la sua fissazione per il canto, anche se negato per tante altre discipline consimili. Tutti conoscono il suo carattere e la sua volontà, e questi non vanno contraddetti. Voleva esserci a tutti i costi e dunque non poteva essere escluso.

Necessaria per la completezza critica della variegata giuria così composta, la presenza di Lombroso, sociologo, medico, filosofo, giurista ed esponente del positivismo e padre della moderna criminologia. Anche se penserà, in cuor suo, di essersi perso, troverà le sue certezze votando in sequenza i volti e le espressioni dei numerosi cantanti, valutando marginalmente le interpretazioni. Alla fine, aspettando l’assegnazione dei voti finali della nostra specialissima giuria per conoscere il nome del vincitore, mi sono addormentato ritrovandomi nel pieno di un sogno lontano dagli incubi.

Sanremo, ha vinto Mahmood: "Sono italiano, nato e cresciuto a Milano"

Il mistero di Torre Cajetani, la testa di Mussolini che sempre riappare


ARTICOLI CORRELATI
Un omaggio ad una grande artista in occasione del suo compleanno "Tanti Auguri Manuela"
Oggi la conferma ufficiale che Claudio Baglioni sarà il direttore artistico del 68° Festival di Sanremo, e che sarà anche presente sul palco come presentatore “aggiunto”
"Tiziano Ferro è straordinario, ma quanto deve sentirsi costretto nel dover fare qualcosa per compiacere il mercato?"
I PIU' LETTI IN OPINIONI
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]