Affile Agosta Albano Laziale Allumiere Anguillara Sabazia Anticoli Corrado
Anzio Arcinazzo Romano Ardea Ariccia Arsoli Artena
Bellegra Bracciano Camerata Nuova Campagnano di Roma Canale Monterano Canterano
Capena Capranica Prenestina Carpineto Romano Casape Castel Gandolfo Castel Madama
Castel San Pietro Romano Castelnuovo di Porto Cave Cerreto Laziale Cervara di Roma Cerveteri
Ciampino Ciciliano Cineto Romano Civitavecchia Civitella San Paolo Colleferro
Colonna Fiano Romano Filacciano Fiumicino Fonte Nuova Formello
Frascati Gallicano nel Lazio Gavignano Genazzano Genzano di Roma Gerano
Gorga Grottaferrata Guidonia Montecelio Jenne Labico Ladispoli
Lanuvio Lariano Licenza Magliano Romano Mandela Manziana
Marano Equo Marcellina Marino Mazzano Romano Mentana Monte Compatri
Monte Porzio Catone Monteflavio Montelanico Montelibretti Monterotondo Montorio Romano
Moricone Morlupo Nazzano Nemi Nerola Nettuno
Olevano Romano Palestrina Palombara Sabina Percile Pisoniano Poli
Pomezia Ponzano Romano Riano Rignano Flaminio Riofreddo Rocca Canterano
Rocca di Cave Rocca di Papa Rocca Priora Rocca Santo Stefano Roccagiovine Roiate
Roma Roviano Sacrofano Sambuci San Cesareo San Gregorio da Sassola
San Polo dei Cavalieri San Vito Romano Sant'Angelo Romano Sant'Oreste Santa Marinella Saracinesco
Segni Subiaco Tivoli Tolfa Torrita Tiberina Trevignano Romano
Vallepietra Vallinfreda Valmontone Velletri Vicovaro Vivaro Romano
Zagarolo
Giovedì 25 Aprile 2019 ore 12:54
OPINIONI DIVERSE
E se la giuria del Festival di Sanremo 2019 fosse stata un'altra?
Abbiamo provato a immaginare come avrebbe giudicato e votato una giuria diversa dalla istituzionale, una giuria tra le più impossibili

Nell’ascoltare le canzoni nelle serate che hanno caratterizzato il 69° Festival della Canzone Italiana a Sanremo, non sapendo quale verità dare al giudizio finale, abbiamo provato ad immaginare come avrebbe giudicato e votato una giuria diversa dalla istituzionale, ovvero una giuria tra le più impossibili. E naturalmente, a chi, quella giuria, avrebbe assegnato la vittoria della palma. Mi riferisco a Pindaro, Saffo, Orazio, Ovidio, Nerone, la sorella di Pierluigi da Palestrina, Lombroso e Nietzsche. Una Giuria di certo qualificata e pronta a giudicare con serietà, acume e cultura, perché i suoi componenti non devono avere soltanto esperienza di musica ma anche di parole e di testi, ovvero come possono e debbono legare musica e parole. Infatti la manifestazione canora ed esibizionista, timbrata Baglioni, è attraversata da diversi generi musicali e da testi "poetici" e non, a volte incomprensibili e a volte satirici, per passare alle gesticolazioni, all’abbigliamento, alle storie sociali, educative, ambientali impresse nella fisiognomica degli artisti in gara.

Orazio, avrebbe gioito, ricordando il suo esametro dattilico utilizzato nelle Satire, mentre Nietzsche, avendolo scelto come forma metrica delle sue poesie, avrebbe giudicato positivamente le parole dei testi canori, "sputate" una di fila all’altra come proiettili da una mitragliera. Anche Saffo, poetessa degli epitalami, esperta di canti tribali, che amava cantare in prima persona i propri componimenti, attenta e temente le critiche del pubblico, in equilibro sulla parola “insieme” nella composizione dei suoi ditirambi, a chi avrebbe dato il voto migliore? Mentre Ovidio, maestro delle ripetitività metriche presenti nei distici elegiaci, dei trimetri giambici ma anche delle semplici strofe monodiche, avrebbe saputo dire la sua, con autorevolezza e competenza, nel giudizio e nel voto da esprimere per ogni partecipante alla manifestazione canora più attesa dagli Italiani.

E Pindaro, meglio conosciuto per i suoi “voli”, non sarebbe stato di parte, lui, poeta lirico di metri vari. Così, nel controsenso e nella follia del Rinascimento, anche la sorella di Pierluigi da Palestrina, occulta compositrice di alcune opere del fratello, alla vista di tante donne sul palco dell’Ariston, non avrebbe sfigurato per i suoi “sacri” giudizi. Qualcuno, certamente, avrebbe criticato la competenza del giurato Nerone, in questa speciale votazione. Ma quel qualcuno si sarebbe subito ricreduto conoscendo, dalle interviste rilasciate dal "nostro", la sua fissazione per il canto, anche se negato per tante altre discipline consimili. Tutti conoscono il suo carattere e la sua volontà, e questi non vanno contraddetti. Voleva esserci a tutti i costi e dunque non poteva essere escluso.

Necessaria per la completezza critica della variegata giuria così composta, la presenza di Lombroso, sociologo, medico, filosofo, giurista ed esponente del positivismo e padre della moderna criminologia. Anche se penserà, in cuor suo, di essersi perso, troverà le sue certezze votando in sequenza i volti e le espressioni dei numerosi cantanti, valutando marginalmente le interpretazioni. Alla fine, aspettando l’assegnazione dei voti finali della nostra specialissima giuria per conoscere il nome del vincitore, mi sono addormentato ritrovandomi nel pieno di un sogno lontano dagli incubi.

Sanremo, ha vinto Mahmood: "Sono italiano, nato e cresciuto a Milano"

Il mistero di Torre Cajetani, la testa di Mussolini che sempre riappare


ARTICOLI CORRELATI
Un omaggio ad una grande artista in occasione del suo compleanno "Tanti Auguri Manuela"
Oggi la conferma ufficiale che Claudio Baglioni sarà il direttore artistico del 68° Festival di Sanremo, e che sarà anche presente sul palco come presentatore “aggiunto”
"Tiziano Ferro è straordinario, ma quanto deve sentirsi costretto nel dover fare qualcosa per compiacere il mercato?"
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
3
Tutti trasmettono un sentimento di tristezza che traspare dal loro aspetto e comportamento. Un ippopotamo reso apatico, ristretto in pochi metri
4
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
5
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti
1
Un mondo fatto di locali di periferia, di puttane, di ruffiani, di guitti e d’improbabili sosia di Celentano
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]