Venerdì 06 Dicembre 2019 ore 02:24
SGOMENTO
Sora, disgusto nel cimitero: bare ammucchiate, fuga di liquidi, fetore
Nel cimitero di Sora l'ammucchiamento delle bare si sta protraendo oltremisura, causando l'uscita di liquidi con tutte le conseguenze igienico - sanitarie

Sgomento e polemiche sta suscitando l'abbandono di decine di bare ammassate all'interno del cimitero di Sora (Fr), in attesa di essere smaltite. I visitatori del camposanto avvertono un lezzo intenso proveniente dalle casse di legno. In questi giorni poi il caldo ha favorito la presenza di mosche. Insomma, è una cosa ripugnante.

Secondo il regolamento la pratica dell'estrazione della salma dal loculo è prevista dopo un certo numero di anni, superati i quali le sepolture vengono aperte per spostare i resti dei defunti negli ossari, rendendo così disponibile il loculo per una nuova salma. Le bare vanno distrutte e disposte all'interno di grossi sacchi per essere trasportate nei centri di smaltimento.

Oltre il legno occorre smaltire lo zinco, elemento non facile da trattare, operazione questa affidata a ditte specializzate. Nel cimitero di Sora l'ammucchiamento delle bare si sta protraendo oltremisura, causando l'uscita di liquidi con tutte le conseguenze igienico - sanitarie. Il disgusto tra i cittadini sorani e ormai la pazienza è al limite. "Ieri ero con il mio nipotino - riferisce un cittadino locale a 'Il Messaggero' - che mi ha chiesto: zio cosa è questa puzza?. Non sapevo cosa rispondere", ha concluso il residente sorano. (Foto di repertorio)


ARTICOLI CORRELATI
Da poco la smentita del sindaco di Morlupo Tiziano Ceccucci
Tra i materiali scoperti dalla Forestale anche fusti con rifiuti liquidi che rischiano di inquinare le falde acquifere
"Il Messaggero" riferisce di un'inchiesta che coinvolge noleggiatori, tassisti e dipendenti pubblici
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]